Tutti gli articoli di Roberto Rippa

Bacalaureat (Un padre, una figlia) > Cristian Mungiu

Bacalaureat (Un padre, una figlia) > Cristian Mungiu

Assistere a un film di Cristian Mungiu significa vivere un’esperienza che coinvolge fortemente più di un senso, portando nel contempo alla consapevolezza di numerosi dettagli che verranno registrati subliminalmente e richiederanno almeno una seconda visione per affiorare alla consapevolezza critica. Non solo, il suo cinema costringe a interrogarsi come vedendo sullo schermo un doppio di sé, magari non totalmente sovrapponibile

His Girl Friday (La signora del venerdì) > Howard Hawks

His Girl Friday (La signora del venerdì) > Howard Hawks

Walter Burns (Cary Grant), capo redattore di cronaca nera del quotidiano The Morning Post, apprende che la sua ex moglie, nonché redattrice di punta del suo giornale, Hildegard “Hildy” Johnson (Rosalind Russell) si appresta a sposarsi l’indomani con un assicuratore, trasformandosi così in moglie e madre. Walter tenta quindi di sabotare il progetto affidandole un ultimo pezzo sull’imminente esecuzione di

Bad Day at Black Rock (Giorno maledetto) > John Sturges

Bad Day at Black Rock (Giorno maledetto) > John Sturges

A pochi mesi dalla fine della Seconda guerra mondiale, un treno attraversa uno sterminato paesaggio deserto, sfruttando tutta l’ampiezza rettangolare del Cinemascope, per poi fermarsi nel bel mezzo del nulla: la cittadina – in realtà quattro o cinque edifici perpendicolari ai binari – di Black Rock, tra le rocce dell’Arizona. È la prima volta in quattro anni che il treno

Singin’ in the Rain > Stanley Donen e Gene Kelly

Singin’ in the Rain > Stanley Donen e Gene Kelly

Singin’ in the Rain, ampiamente sottovalutato da chi lo produsse, ossia la MGM, e accolto tiepidamente dal pubblico dell’epoca, è prima di tutto uno tra i film più gioiosi mai realizzati, nonché la dimostrazione di come solo prove su prove possano far pensare che i suoi interpreti possano prodigarsi in danze acrobatiche e numeri musicali con un sorriso che fa

National Lampoon’s Vacation > Harold Ramis

National Lampoon’s Vacation > Harold Ramis

Pronunciare il nome di Clark Griswold a qualsiasi Statunitense, e non solo a coloro che all’inizio degli anni ’80 avevano l’età per andare al cinema, evocherà certamente una persona che si conosce da tempo e che si considera parte della propria famiglia, se non quella vera, almeno quella cinematografica. A prestargli corpo e volto è Chevy Chase, nel 1983 attore

I, Daniel Blake > Ken Loach

I, Daniel Blake > Ken Loach

69. Festival internazionale del film, Locarno – Piazza Grande   Il 59enne Daniel Blake ha lavorato per la maggior parte della propria vita a Newcastle come falegname. A seguito di un infarto, ha bisogno di assistenza da parte dello Stato e fa domanda per il sussidio di disoccupazione per malattia. Mentre combatte con le pratiche necessarie perché gli sia assegnato,

La natura delle cose > Laura Viezzoli

La natura delle cose > Laura Viezzoli

69. Festival del film Locarno – Fuori concorso 3. Festival diritti umani, Lugano   Questa è la storia di un accanimento registico, ma anche di un’amicizia intergenerazionale tra una regista di 35 anni e un filosofo di 70, un’esplorazione dell’io e del tu, e di quel confine tutto individuale e poco rispettato, del vivibile e dell’invivibile. “Ho incontrato Angelo Santagostino

Babamın Kanatları (My Father’s Wings) > Kıvanç Sezer

Babamın Kanatları (My Father’s Wings) > Kıvanç Sezer

Ibrahim e suo nipote Yusuf lavorano come manovali in un cantiere di Istanbul dove si sta realizzando un imponente quartiere residenziale. Ibrahim scopre di soffrire di un tumore maligno ai polmoni. Yusuf, è ambizioso e fiducioso nel futuro. Ibrahim, a dispetto della malattia, è costretto a continuare a lavorare per poter pagare per la casa assegnata a lui e alla sua famiglia

Grace Jones: Warm Leatherette

Grace Jones: Warm Leatherette

Quando l’album “Warm Leatherette” viene pubblicato nel 1980, Grace Jones è una ex regina della disco, già in declino, con tre album alle spalle e il successo planetario ottenuto con la sua personale versione de La vie en rose di Édith Piaf, che l’aveva scritta e cantata nel 1945, e che segue la pubblicazione di I need a Man, colonna