Tutti gli articoli di Alessio Galbiati

Nocturnal Animals > Tom Ford

Nocturnal Animals > Tom Ford

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviataci da Susan Morrow, la cui storia è stata portata sul grande schermo da Tom Ford in Nocturnal Animals. Ringraziamo Susan per aver pensato alla nostra testata per condividere queste sue preziose riflessioni che ci paiono così paradigmatiche d’un certo modo di concepire il cinema ai giorni nostri. È per noi lusinghiero pensare al fatto

Moloch > Stefano P. Testa

Moloch > Stefano P. Testa

Moloch. O del sorriso di Franti “Tutti si voltarono a guardar Franti. E quell’infame sorrise.” Edmondo De Amicis, Cuore   Immagini sfasciate, putrefatte e disgregate nella propria inconsistenza magnetica riaffiorano dalla memoria collettiva di un’enclave geografica dalle parti di Bergamo e da un tempo – tra gli ottanta e novanta del secolo scorso – che pare remoto come ogni epoca

Giacomo Laser | Calcutta – Gaetano (demo)

Giacomo Laser | Calcutta – Gaetano (demo)

Converrebbe prestare grande attenzione al video che qui condividiamo. L’impressione di giocosità superficiale è solo apparenza, o il primo strato del discorso, dentro c’è molto di più, c’è un’operazione artistica profonda e riuscita che prova a sintetizzare in segni il tempo nostro – come appunto l’arte dovrebbe ogni volta provare ad essere e fare. La superficie è un videoclip della

Paterson > Jim Jarmusch

Paterson > Jim Jarmusch

The Jarmusch Touch La sensazione di una deriva nel ritratto di un beautiful loser ai confini dell’America; il racconto di un loop, di esistenze imprigionate in circoli viziosi che paiono impossibili da disinnescare. Il New Jersey – cuore della Rust Belt sconquassata dalla globalizzazione – come emblema della provincia dell’Impero, luogo dell’anima e riserva indiana dentro alla quale è confinata

Kafka animato. Intervista ad Alessandro Novelli autore di The Guardian

Kafka animato. Intervista ad Alessandro Novelli autore di The Guardian

La letteratura di Franz Kafka è una miniera dalla quale, ancora per molti secoli, si potranno estrarre gemme. La sua scrittura così misteriosa e la sua intelligenza così inafferrabile continuano ad affascinarci perché le sentiamo provenire da un tempo fuori dal tempo, ci appaiono sempre attuali e al contempo ancestrali. Anche noi, come il viandante di fronte al guardiano, ci sentiamo

Keiichi Matsuda | Hyper-Reality (2016)

Keiichi Matsuda | Hyper-Reality (2016)

Troppe informazioni! Hyper-Reality è una breve opera concettuale ideata e realizzata dal regista e designer Keiichi Matsuda, dell’omonimo studio di design londinese in collaborazione con la colombiana Fractal. Nei sei minuti della sua durata viene presentato un futuro possibile e plausibile decisamente asfissiante, una specie di incubo prossimo venturo. Un’opera critica e densa di ironia circa le derive possibili di

Essi vivono, John Carpenter, i nazisti dell’Illinois, Twitter, Quentin Tarantino, Top Gun e l’omosessualità… paccate di post-verità!

Essi vivono, John Carpenter, i nazisti dell’Illinois, Twitter, Quentin Tarantino, Top Gun e l’omosessualità… paccate di post-verità!

“Ho letto su internet…” Quante conversazioni iniziano così, in maniera non troppo differente da quelle stesse superficiali chiacchiere che nei decenni passati si aprivano con “Ho sentito alla televisione…”. Ogni epoca storica produce pressapochismo e sparge sciatteria e vere e proprie idiozie a ciclo continuo, ed ogni epoca lo fa in modo peculiare. Oggi abbiamo il World Wi(l)de Web, una

Sully > Clint Eastwood

Sully > Clint Eastwood

Di colpo non mi fa più né caldo né freddo non essere moderno. Roland Barthes Con Sully Eastwood ci ricorda che il mondo degli uomini, al tempo dei Big Data, può ancora essere salvato dalle persone. Ci rammenta che il credere in qualcosa, foss’anche solo in se stessi, è la sola forza laica che può opporre resistenza allo scivolamento sopra

The Wonderful Wizard of Oz | Selig Polyscope Company (1910)

The Wonderful Wizard of Oz | Selig Polyscope Company (1910)

The Wonderful Wizard of Oz, prodotto dalla Selig Polyscope Company nel 1910, è la più antica versione cinematografica giunta fino a noi del celeberrimo romanzo del 1900 di L. Frank Baum. Siamo agli albori del cinema, soprattutto di quello statunitense, quando Hollywood non è ancora la fabbrica dei sogni che irradierà il mondo intero, quando il fare cinema era attività