Monthly Archives: ottobre 2012

Bright Star > Jane Campion

Il tocco luminoso dell’amore Bright Star regia di Jane Campion (UK-Australia-Francia/2009) recensione a cura di Leonardo Persia Bright Star è scritto nell’acqua, come nell’epitaffio di Keats si dice fosse pure inciso il nome del poeta. Acqua come principio femminile, naturalmente. Lo sguardo di Jane Campion è liquido e fluttuante, un battesimo iniziatico che recinge lo spazio sacro dell’amore e sprofonda,

Köprüdekiler (Men on the Bridge) > Aslı Özge

Istanbul oggi: con il suo taglio di capelli curato e il suo orecchino, il diciassettenne Fikret vende illegalmente rose in mezzo al traffico del ponte sul Bosforo. Allo stesso tempo, cerca invano un lavoro regolare nella città vecchia. Il ventottenne Umut che, da par suo, conduce un taxi in condivisione e attraversa il ponte ogni giorno, è alla ricerca di

Lugano // Other Movie International Film Festival

Les éclats (Ma gueule, ma révolte, mon nom), Sylvain George OTHER MOVIE Lugano International Film Festival 8-11 novembre 2012 Cinestar, via Ciani 100, Lugano (Switzerland) Other Movie Film Festival si pone come obiettivo quello di presentare una visione differente del cinema attraverso documentari, cortometraggi e video arte. Esordisce per la sua prima edizione in forma di rassegna, in una regione

Escort Girl > Edward E. Kaye

Escort Girl regia di Edward E. Kaye (USA/1941) recensione a cura di Leonardo Persia Nel cinema sexy, porno, (s)exploitation che a dir si voglia, anche d’epoca, come in questo caso, la componente moralistica (non morale) è sempre al diapason, generatore rovente di vapori tanto più forti quanto creduti aborriti. A raffreddata distanza, al riparo dal calore suscitato, ma non dall’emotività

RC:music#01 | The Man With the Iron Fists [OST]

Preparate le orecchie perché d’ora in avanti Rapporto Confidenziale intende rifoderarvele con la serie RC:music. Incominciamo con la colonna sonora di The Man With the Iron Fists, esordio dietro alla macchina da presa di RZA, alias Robert Diggs, musicista newyorkese del mitologico Wu-Tang Clan. Produce Quentin Tarantino. Kung-Fu movie pieno di qualsiasi tipo di influenze e citazioni. Un film rappato

Pietro Mereu

Pietro Mereu, Lanusei, 1972, ha lavorato come autore e consulente tevisivo a Roma e Milano. Cita come esperienza maggiormente formativa quella fatta con “Markette” di Piero Chiambretti, per cui ha lavorato sia in produzione che come autore di testi. Oggi, nuovamente in Sardegna, ha fondato l’associazione culturale Cagliostro. Ha appena terminato di girare con Mimmo Lombezzi un’inchiesta sulla crisi in

Disoccupato in affitto > Luca Merloni, Pietro Mereu

Un disoccupato, per trovare lavoro, gira per nove città d’Italia portando addosso un cartello recante la scritta “disoccupato in affitto”. Un’insolita inchiesta sul mondo del lavoro, un’ironica provocazione, una coraggiosa sfida con se stessi. Un uomo- sandwich che suscita sorrisi ma anche amare riflessioni sull’attuale situazione del nostro Paese. «Dire no alla disoccupazione è ostacolare il genocidio lento ma inesorabile

Ansiktet (Il volto) > Ingmar Bergman

Ansiktet (Il volto) Regia di Ingmar Bergman recensione a cura di Leonardo Persia «Tutti i Cretesi sono mentitori» Epimenide (cretese) Una carrozza attraversa un luogo incantato, gli alberi altissimi, trafitti dai raggi del sole, dove un corvo attesta «i livelli di iniziazione» (cfr. Jung), dalla fase nigredo a quella albedo. Il film inizia e prosegue cupo, il finale è allegro

Bizim büyük çaresizligimiz (Our Grand Despair) > Seyfi Teoman

«Quando Çetin si è trasferito a Istanbul, lo cercavo in ogni uomo e donna che incontravo. Lo cercavo anche nelle prugne verdi». (Ender, parlando con Nahim) Ender e Çetin si sono conosciuti sui banchi di scuola e, tranne un momentaneo distacco, doloroso per entrambi, non si sono mai più separati. Oggi vivono ad Ankara, dove condividono non solo un appartamento