Monthly Archives: maggio 2013

João César Monteiro, l’iconoclasta

Il presente articolo è stato pubblicato per la prima volta in UZAK # 10 – primavera 2013   João César Monteiro, l’iconoclasta di Alessio Galbiati   «Beve dalle più svariate fonti, esegue piroette in tutti i rami, cancella e omette con la perfezione di un criminale: umore e sovversione sono gli unici tratti lasciati nelle tracce di questo moto perpetuo».

La Grande Freddezza, la grande bellezza

PRODUTTORE ROMANO: « A’ Paolo, che te serve? qui ce sono 10 milioni di euro, fai tu… » PAOLO SORRENTINO: « Grazie, questa volta vorrei, come diceva Flaubert, vorrei, vorrei fare un film sul niente. » PRODUTTORE ROMANO: « Ah, un sequel! Bravo Paolo, bell’idea, bravo, sì. » PAOLO SORRENTINO: « No, vorrei fare un film sulla crisi di un

Pazar – Bir Ticaret Masalı (The Market – A Tale of Trade) > Ben Hopkins

Mihram, giovane commerciante indipendente e padre di famiglia, vive in una piccola regione della Turchia orientale. Le sue attività quotidiane si riassumono in piccoli commerci, contrattazioni e bevute. Aspirando a mettere in piedi un’attività nel settore in espansione della telefonia mobile, Mihram si interessa a un locale in cui aprire un negozio, ma sfortunatamente non possiede il denaro necessario per

speciale NUOVO CINEMA TURCO

speciale NUOVO CINEMA TURCO

  speciale NUOVO CINEMA TURCO       Ali Aydın   Küf (Muffa) • RECENSIONE           Özcan Alper   Sonbahar (Autumn) • RECENSIONE Gelecek Uzun Sürer (Future Lasts Forever) • RECENSIONE Non voglio fare un cinema chiuso in se stesso (intervista a Özcan Alper) • INTERVISTA           Zeki Demirkubuz   Üçüncü sayfa

Jacques Demy

Jacques Demy (Pontchâteau, 5 giugno 1931 – Parigi, 27 ottobre 1990)   Lola (Donna di vita), 1961. Fotografia: Raoul Coutard Lola La baie des anges (La grande peccatrice), 1963. Fotografia: Jean Rabier La baie des anges Les parapluies de Cherbourg, 1964. Fotografia: Jean Rabier Les parapluies de Cherbourg Les demoiselles de Rochefort (Josephine), 1967. Fotografia: Ghislain Cloquet Les demoiselles de

Riderà (Cuore matto) > Bruno Corbucci

Antonio Moruzzo aspira a diventare pilota di Formula 1 ma intanto si guadagna da vivere lavorando come meccanico e esibendosi con le sue canzoni nelle trattorie di Roma. Fulgido esempio di “musicarello”, ossia quel genere cinematografico di grande successo soprattutto negli anni ’60 in cui si costruiva una (spesso molto fragile) storia d’amore come pretesto per una serie di esibizioni

Üçüncü sayfa (The Third Page) > Zeki Demirkubuz

«La verità autentica è sempre inverosimile. Per renderla più credibile, bisogna assolutamente mescolarvi un po’ di menzogna». (Fëdor Dostoevskij, I demoni) Isa (in italiano Gesù) è un giovane uomo solo e dall’apparenza innocente. Uno di quelli che vengono regolarmente calpestati nel corso delle loro vite. Uno di quelli che, quando la pressione diventa insostenibile, si trasformano imprevedibilmente in esseri pericolosi

Le passé (Il passato) > Asghar Farhadi

Un uomo iraniano abbandona la moglie francese con due bambini per ritornare al suo Paese. Nel frattempo, la donna intraprende una nuova relazione, una realtà che suo marito dovrà affrontare al momento della richiesta di divorzio. Dopo lo splendido Una separazione, Asghar Farhadi viene in Francia a girarne il quasi seguito. E a primo acchito si direbbe che la sua visione

Only God Forgives (Solo Dio perdona) > Nicolas Winding Refn

Only God Forgives (Solo Dio perdona) > Nicolas Winding Refn

Apparentemente, a Cannes, il nuovo film di Nicolas Winding Refn non è stato accolto benissimo in occasione della proiezione riservata ai giornalisti. Anzi, per essere precisi, è stato preso a “frisca e pirita” (fischi e pernacchie), come si dice in siciliano. Quindi sono corso al cinema per vedere che razza di porcheria avesse combinato per giustificare tanta ferocia da parte