Monthly Archives: agosto 2013

Francesco Calabrese | I Killer

Estate 1987. La banda de I Killer mette alla prova due nuovi membri. I due ragazzi saranno in grado di superare la prova di coraggio? Francesco Calabrese dirige un cortometraggio che, fuori dai circuiti dei festival, in quelli 2.0 del cinema contemporaneo, ha saputo farsi notare (fra gli altri) da due delle vetrine più interessanti sulla piazza: Shots on Sundays,

Francesco Calabrese on “I Killer”

Penso che oramai sia il web lo strumento migliore attraverso il quale scoprire il cinema più interessante, sicuramente lo è per il formato breve che, nei festival, soffre sempre di collocazioni poco fortunate nei programmi monstre che ci propinano. Online hai modo di vedere grandi quantità di cortometraggi, il più delle volte banali e sciatti, ma spesso incroci dei gioielli,

Venezia 70 // I film del Lido in streaming

Bene bene bene! La Mostra di Venezia apre allo streaming, offrendo la possibilità di guardare, seppur lontani dal Lido, una selezione di film fra quelli che passeranno a Venezia 70. A noi pare cosa buona e giusta che, oltretutto, non potrà che accrescere la voglia di vedere queste opere nelle migliori condizioni della visione possibili: ovvero in sala.   12

La variabile umana > Bruno Oliviero

La variabile sceneggiatura di Alessio Galbiati Non funziona l’esordio al lungometraggio di finzione di Bruno Oliviero (nelle sale italiane dal 29 agosto dopo l’anteprima – fuori concorso – in Piazza Grande a Locarno 66). Non va proprio perché poggiato su una sceneggiatura (firmata da Valentina Cicogna, Doriana Leondeff e dallo stesso Oliviero), spiace dirlo, fragile e inconsistente. Eppure il film,

Locarno 66 // Palmarès

Si è conclusa la 66esima edizione del Festival del Film di Locarno e, come ogni anno, come per ogni festival, arriva pure l’inevitabile infornata di premi. Premi per molti, ma non per tutti, che è bene non dimenticare mai che andrebbero recepiti più come un gioco che come un qualcosa di reale e concreto. I premi non esprimono un oggettivo

Pedro Costa | Casa de lava

  Pedro Costa Casa de lava – Caderno 14.6 x 20.9 cm Hardcover Immagini b/n e colore pagine 144 Peter von Kleist Editions, giugno 2013 ISBN: 978-989-97763-3-3 € 30,00 COMPRA Casa de lava è un film del 1994 del cineasta portoghese Pedro Costa. Allora trentacinquenne, viaggiò sull’isola di Capo Verde, nell’Oceano Atlantico, per realizzare la sua opera seconda, che lo

Joel Potrykus (Intervista 2013)

English version / Versione inglese «Dateci 20’000 dollari e realizzeremo il migliore Fast and Furious di sempre» Intervista a Joel Potrykus di Roberto Rippa articolo tratto da RC numero39 È bene non lasciarsi confondere dall’espressione mite, innocente e anche scherzosa di Joel Potrykus: è uno di quei (pochi) cineasti capaci di prendere il pubblico letteralmente a mazzate, non diversamente dal

Il magnifico cornuto > Antonio Pietrangeli

Il magnifico cornuto > Antonio Pietrangeli

Gli italiani allo specchio a cura di Alessio Galbiati Deliziosa commedia all’italiana sulla gelosia diretta da quel grandissimo regista che fu Antonio Pietrangeli, scomparso davvero troppo prematuramente a soli 49 anni per un tragico annegamento durante le riprese di Come, quando, perché (che uscirà postumo l’anno successivo, il ’69), sceneggiata da Ruggero Maccari, Diego Fabbri, Stefano Strucchi e Ettore Scola

canecapovolto | Io sono una parte del problema

canecapovolto | Io sono una parte del problema

IO SONO UNA PARTE DEL PROBLEMA di canecapovolto E se l’identità non fosse definibile se non come flusso? Qual è il peso reale dell’omofobia interiorizzata nella costruzione della nostra identità? "Tu stesso desideri essere parte di quell’errore. Tu stesso desideri essere quell’errore…" Questa è la premessa di Io sono una parte del problema, che prosegue con altri metodi l’indagine su

David Lynch | Making “The Big Dream”

A metà strada fra un documentario vero e proprio e un clip promozionale, Making "The Big Dream" ci porta all’interno della lavorazione dell’ultimo album creato da David Lynch. La passione per la musica del genio di Missoula è cosa arcinota (basti sapere che già dal suo esordio al lungometraggio, Eraserhead (1977), si occupò anche delle musiche), sono infatti ben 12