Monthly Archives: dicembre 2014

Galbiati & Rippa – Il meglio del 2014

Galbiati & Rippa – Il meglio del 2014

«Amo molto parlare di niente. È l’unico argomento di cui so tutto.» – Oscar Wilde   E alla fine abbiamo ceduto, ci siamo cascati, siamo caduti nel vanaglorioso tranello delle liste di fine anno. Il meglio del 2014 sono due elenchi, rigorosamente in ordine sparso, di quanto di più significativo si è visto, per la prima volta, nell’anno solare che

Coda. Intervista a Luis Fulvio (Baglivi)

Coda. Intervista a Luis Fulvio (Baglivi)

Forse Coda non andrebbe guardato su di uno schermo, forse non dovrebbe nemmeno essere proiettato, forse il modo più corretto per goderne sarebbe quello di farselo scivolare tra le mani, farlo scorrere fisicamente davanti agli occhi. Perché Coda è un film materico, fisico. Un film fatto con film, con pellicole, con quei segmenti posti in testa o in coda a

Av Mevsimi > Yavuz Turgul

Av Mevsimi > Yavuz Turgul

«La prima cosa che dico ai nuovi arrivati alla Sezione omicidi è: se guardate alle cose da una sola prospettiva, vedrete una sola cosa e ciò che vedrete sarà la soluzione o qualcosa che si frappone tra voi e la realtà?» (Ferman)   Della stagione di caccia del titolo è oggetto una giovanissima ragazza di cui viene ritrovato un braccio

Tom à la ferme > Xavier Dolan

Tom à la ferme > Xavier Dolan

Se qualcuno avesse ancora dubbi sul talento del canadese Xavier Dolan – 25 anni, 5 lungometraggi come regista all’attivo e molta critica osannante – Tom à la ferme li fugherà in un soffio. Il Tom del titolo è un pubblicitario che, partendo da Montréal, si reca in campagna per il funerale del suo compagno, morto in un incidente automobilistico. Giunto

The Interview > Evan Goldberg, Seth Rogen

The Interview > Evan Goldberg, Seth Rogen

NATALE A PYONGYANG   La seconda collaborazione registica tra Evan Goldberg e Seth Rogen, nonché l’ennesima produttiva, sembra un ulteriore tentativo di emanciparsi dal modello Judd Apatow al quale sono entrambi cresciuti anche come sceneggiatori (lo strepitoso Suxbad, è opera loro). Così, dopo l’ambizioso ma non troppo riuscito This Is the End (in cui, dopo la prima metà, a divertirsi sembravano

La pluie > Stefano Odoardi

La pluie > Stefano Odoardi

Alyssa, Attrice, Angélique e Altro… Non c’è due senza tre e non c’è quattro senza cinque, sei, sette, dieci. Angélique Cavallari interpreta quattro personaggi ne La pluie: Koltes, Alyssa, l’Attrice e la Folle. E come il Damba buddista, albero della vita ramificante anche i quattro fiumi sacri, le quattro direzioni del cuore, questi quattro ruoli, questo quattro, proliferano evocando altri

Una nobile rivoluzione > Simone Cangelosi

Una nobile rivoluzione > Simone Cangelosi

«Ho incontrato Marcella nel 1998. In quel momento era una persona per me distante: esponente politico di Bologna, e presidente del MIT. Non avrei mai immaginato che sarebbe diventata una mia amica. Chi fosse Marcella ho cominciato a capirlo standole a fianco nella sua vulcanica vita di attivista, in viaggio per l’Italia, durante i pride, le interviste, le campagne elettorali,

Angst > Gerald Kargl

Angst > Gerald Kargl

«Per tre giorni Glenn era stato ammaliato dall’incanto di questa città, per poi accorgersi ad un tratto che si trattava, come si suol dire, di un incanto fasullo, che quella bellezza era in fondo ripugnante e che gli esseri umani, in questa città dalla bellezza ripugnante, erano volgari. Il clima prealpino rende psicopatici gli esseri umani che già da piccolissimi