Monthly Archives: gennaio 2015

Tiantang jiaoluo (A Corner of Heaven) > Miaoyan Zhang

Tiantang jiaoluo (A Corner of Heaven) > Miaoyan Zhang

// Black Movie Film Festival, Ginevra. Menzione speciale Giuria della critica   Lungo l’estuario del Fiume giallo, un bambino lascia una povera casa immersa in un paesaggio rurale scappando dal nonno e dalla sorella minore per andare alla ricerca di sua madre, partita misteriosamente giorni prima. Se quello che cerca è davvero “un angolo di paradiso”, resterà deluso. Il mondo

Aurora > Rodrigo Sepúlveda

Aurora > Rodrigo Sepúlveda

// Black Movie Film Festival, Ginevra. Sezione La prunelle de nos yeux: Prix de la critique 2015   Sofia, insegnante elementare sui quarant’anni che da tempo attende di poter adottare con il marito un bambino, ipotesi forse ormai tramontata a causa dell’età, legge un giorno sul giornale del feto di una bambina abbandonato in una discarica. Immediatamente, il suo desiderio

Locarno 68 // Retrospettiva Sam Peckinpah

Locarno 68 // Retrospettiva Sam Peckinpah

Dopo il successo del progetto Titanus, il Festival di Locarno torna a dedicare la sua retrospettiva a un grande protagonista del cinema americano. La 68a edizione ripercorrerà infatti la carriera del regista e attore statunitense Sam Peckinpah. Considerato uno dei grandi ribelli di Hollywood, Peckinpah (1925 – 1984) ha firmato pellicole che hanno segnato l’immaginario collettivo come Il mucchio selvaggio

Ginevra // Black Movie 2015 – bilancio

Ginevra // Black Movie 2015 – bilancio

Il Black Movie è un festival scoppiettante per offerta e frequentazione. Con le sue sale sempre esaurite (bellissima la sala Spoutnik, con i suoi divani e l’atmosfera da salotto, all’Usine, il Centro Culturale alternativo e autogestito della città; perfette quelle dell’Espace Grütli, sede del festival), i suoi 112 film, lo staff sempre di corsa e sempre sorridente, le due appassionate

La comodidad en la distancia > Jorge Yacoman

La comodidad en la distancia > Jorge Yacoman

// Black Movie Film Festival, Ginevra. Sezione La prunelle de nos yeux: Prix de la critique 2015   Eusebio è un ventiquattrenne ex studente universitario di Santiago. Di buona famiglia e buona cultura, vive per strada e vende occasionalmente droga per conto di terzi. Il suo bell’aspetto annulla le barriere tra lui e le persone che incontra, che siano nuove

Filosofía natural del amor > Sebastián Hiriart

Filosofía natural del amor > Sebastián Hiriart

Con il suo secondo lungometraggio, Sebastián Hiriart conferma i buoni risultati ottenuti dal suo primo film A tiro de piedra (2010). Il giovane messicano, 31 anni, è figlio d’arte: il padre, Hugo Hiriart, è scrittore, drammaturgo e regista teatrale, la madre è la cineasta Guita Schyfter. Regista autodidatta, ha lavorato come operatore, attore, direttore della fotografia, assistente per diversi progetti

Bing du (Ice Poison) > Midi Z

Bing du (Ice Poison) > Midi Z

// Black Movie Film Festival, Ginevra. Sezione La prunelle de nos yeux: Prix de la critique 2015   «Tralasciando il budget e una scelta limitata di attori, c’è un altro ostacolo per questo film: non posso mostrarlo in pubblico perché non abbiamo avuto le autorizzazioni per girarlo in Birmania. Ci siamo chiesti sin dall’inizio come girare un film senza autorizzazioni,

Ye (The Night) > Hao Zhou

Ye (The Night) > Hao Zhou

// Black Movie Film Festival, Ginevra. Premio della giuria della critica Novello Narciso, Tuberose (il regista stesso) si prostituisce per un clientela maschile lungo una stretta scala di un imprecisato quartiere di un’imprecisata città cinese. Un commercio che dura il tempo di un rapporto orale a clienti senza volto in un gabinetto pubblico distante pochi metri. Quando nel suo spazio

Eu não quero voltar sozinho > Daniel Ribeiro

Eu não quero voltar sozinho > Daniel Ribeiro

Eu não quero voltar sozinho, quarto cortometraggio di Daniel Ribeiro, si apre su uno sguardo rivolto al vuoto. È quello di Leo, cieco dalla nascita, che sta seguendo una lezione scrivendo su una tastiera Braille. Dietro di lui, Gabriel, nuovo arrivato a scuola, e a fianco l’amica Giovana, con cui ogni giorno condivide il percorso verso casa, un rito che