Beyrouth Al Gharbiyya > Ziad Doueiri

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Trama

13 aprile 1975: scoppia la guerra civile in Libano e Beirut viene divisa lungo una linea che divide cristiani e musulmani.
Tarek è un liceale e gira film in super 8 con il suo amico Omar.
All’inizio il conflitto sembra un gioco: la scuola chiude, la violenza ha un suo fascino e il passaggio da ovest a est è facile. La madre di Tarek vuole partire, il padre si rifiuta. Tarek trascorre il suo tempo con May, un orfano cristiano che abita nel suo palazzo. Proprio mentre sta crescendo, la guerra si trasforma inesorabilmente da un’avventura in una tragedia.

Commento

Nel 1975, con il massacro di diversi palestinesi, il Libano vede iniziare la sua guerra civile. Il Paese si spacca tra la sua componente cristiana e quella musulmana. Nella capitale questa spaccatura vede la sua esasperazione, arrivando a coinvolgere quartieri e vie.
È questo lo spunto del film, la divisione di un popolo che è in guerra contro sé stesso, ma non trascura di indugiare anche su un altro conflitto, quello generazionale che divide padri e figli in un momento, per questi ultimi, in cui la vita è soprattutto scoperta e libertà.
Doueiri racconta il suo Paese, una storia autobiografica ed estremamente drammatica e lo fa con semplicità, ironia e uno sguardo a tratti distaccatamente romantico.

Premiato al festival del film di Cartagena, al festival del film di Friborgo, al festival internazionale del cinema di Toronto e al festival internazionale del film di Valladolid (Spagna), Beyrouth Al Gharbiyya (titolo arabo di West Beyrouth) è il primo film di Ziad Doueiri.

Roberto Rippa

Il regista

Ziad Doueiri è nato nel 1963 in Libano, dove ha vissuto fino al 1983, quando si è trasferito con la famiglia negli Stati Uniti.
Studia cinema a San Francisco e alla U.C.L.A., inizia quindi un lungo sodalizio con Quentin Tarantino per cui lavora come primo assistente alla camera nei film da lui diretti Reservoir Dogs (1992), Pulp Fiction (1994) e Jackie Brown (1997).
Beyrouth Al Gharbiyya è il suo primo film. Nel 2004 ha girato Lila dit ça.

Beyrouth Al Gharbiyya
(Libano, 1998)
Regia e sceneggiatura: Ziad Doueiri
Musiche originali: Stewart Copeland
Fotografia: Ricardo Jacques Gale
Montaggio: Dominique Marcombe
Interpreti principali: Rami Doueiri, Mohamad Chamas, Rola Al Amin, Carmen Lebbos, Joseph Bou Nassar, Lialiane Nemri, Leïla Karam
35mm
105′

La storia del Libano su Wikipedia

Trigon films

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+