Vito Zagarrio | Carlo Lizzani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

 

Carlo Lizzani

Un lungo viaggio nel cinema


a cura di Vito Zagarrio

 

Marsilio Editori, saggi/CINEMA, 2010

368 pagine, 1°ed.

Prezzo di copertina: 27 €

Isbn: 978-88-317-0619-3

 

Affrontare l’opera di Carlo Lizzani vuol dire fare i conti con la storia del cinema e la storia d’Italia degli ultimi settant’anni. La sua longevità artistica e la sua poliedricità fanno del suo cinema un serbatoio enorme di temi possibili, tanti fili rossi attraverso cui analizzare le tipologie, le fonti, i modelli produttivi, le dinamiche industriali e culturali del film. Il suo è un eclettismo intellettuale atipico nel cinema italiano. La sua versatilità gli permette di affrontare tutti i gangli della macchina-cinema: i festival, la critica, la teoria, la politica militante e quella culturale. Il rapporto tra cinema e storia, quello tra cinema e letteratura, quello con la televisione, il metalinguaggio, i generi, il gender, il lavoro di mise en scène e quello con gli attori, sono alcuni dei molti approcci con cui lo si può analizzare. Il suo lungo percorso "attraverso il novecento" (com’è intitolata una sua raccolta di scritti) permette di fotografare uno spaccato d’Italia dal ventennio fascista all’era del postmoderno, dalla pellicola al digitale. Ma quel che preme di più a questo libro è sdoganare il cinema di Lizzani da certi pre-giudizi critici: quelli che lo hanno spesso confinato – forse proprio per il suo "eclettismo" – al ruolo di bravo professionista e operatore culturale di talento, ma alla fin fine non di Autore. E invece l’intento del volume – e della retrospettiva ad esso legata – è quello di una vasta rilettura analitica del suo cinema, non basata soltanto sull’ideologia e sulla storia, ma anche sul suo stile personale, sulle sue doti creative e sul suo universo narrativo.

Vito Zagarrio insegna Istituzioni di regia cinematografica e televisiva all’Università Roma Tre. Su Capra ha già pubblicato un «Castoro Cinema», curato un volume insieme a Robert Sklar, scritto numerosi saggi e organizzato retrospettive. Per i tipi di Marsilio ha scritto o curato vari volumi sul cinema italiano (anni trenta, anni novanta-duemila, l’opera dei Taviani, di Scola, di Argento) e americano (studio system, modi di produzione, rapporti tra cinema e televisione). Come filmmaker ha realizzato tre lungometraggi usciti in sala, oltre a corti, documentari, specials sul cinema e reportages tv.

Fonte: http://www.marsilioeditori.it

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+