Festival Filmmaker DOC15 | Milano

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Festival Filmmaker DOC15
23-30 Novembre 2010 Spazio Oberdan,
viale Vittorio Veneto 2, angolo via Tadino – Milano

www.filmmakerfest.org

 

Proiezioni presso lo Spazio Oberdan della Provincia di Milano
v.le Vittorio Veneto angolo via Tadino 2

 

 

Note sul concorso

Filmmaker è un festival di passaggi, un crocevia di immaginari e forme, un’intersezione radicale in cui latitudini, identità e confini si fondono e arricchiscono tra loro. Quest’anno i film selezionati per il Concorso Lavoro e temi sociali attraversano molti paesi diversi, raccontano storie di lotta, di resistenza,memorie intime e vicende collettive: il viaggio e la memoria sono i due temicardine attorno a cui ruotano le opere selezionate.
Di viaggi verso la speranza e contro la miseria del presente ci racconta Sylvain George, con il suo Qu’ils reposent en révolte (Des figures de guerres), appassionato poemapamphlet sull’immigrazione in Europa e sul sistema biopolitico in cui tutti siamo coinvolti e responsabili: un film di cui abbiamo visto il nucleo iniziale a Filmmaker 2008.
Di merci che viaggiano per i mari di tutto il mondo, di denaro che cambia forma, di un capitalismo distruttore e senza confini ci parlano Allan Sekula e Noël Burch, con il loro preciso atto d’accusa The Forgotten Space, film-saggio composito ed efficace. La memoria offesa di un paese
intero è il nucleo di 48 di Susana de Sousa Dias, un innovativo film politico che ci racconta l’orrore di cinquant’anni di dittatura in Portogallo; una memoria più intima e sfuggente è l’oggetto dell’affascinate percorso compiuto da Andrea Caccia con il suo La vita al tempo della morte,
libero e indefinibile tanto quanto il mistero della morte che racconta. Anna Sanmartí esplora i sentimenti dell’erranza facendoci compiere un viaggio percettivo di rara grazia con il suo La terra habitada, in cui sperimentazione ed etnografia danzano sul filo delle immagini. Un cineasta
vagabondo come Gianfranco Rosi ci spiazza completamente ambientando in una stanza il suo ossessivo e potente El Sicario – Room 164; ancora ad uno spazio limitato, una colorata e vivissima palestra di box, è dedicato il nuovo film del maestro FrederickWiseman, Boxing Gym,
esemplare metafora politica dell’America di oggi. Su un viaggio intimo verso la conoscenza di sé e dei propri cari è imperniato Cielo senza terra di Giovanni Maderna e Sara Pozzoli, un diario aperto al mondo, alle contraddizioni del presente e alle ferite del passato; ritroviamo la stessa libertà formale nell’intenso Tres semanas después di José Luis Torres Leiva, amoroso ritratto di un Cile che non si arrende alla catastrofe del terremoto. Da Svizzera e Francia arrivano due delicati e affettuosi ritratti di uomini e donne anziani: con Voir ce que devient l’ombre, Matthieu Chatellier racconta l’opera e la vita di due importanti artisti che hanno attraversato il ‘900, Cécile Reims et Fred Deux; una narrazione collettiva è invece al centro di C’était hier di Jacqueline Veuve, impasto ben riuscito di micro e macro storia. Infine il primo lungometraggio di un giovane filmmaker ungherese, Péter Politzer, che mostra stoffa di arguto indagatore della memoria del suo paese con Kilenc vágás.

 

* * *

Giuria

 

Antonio Caronia
Nato a Genova nel 1944, si è laureato con una tesi su Noam Chomsky. Docente di Comunicazione all’Accademia di Brera, è studioso di scienze, tecnologia, letteratura e comunicazioni, particolarmente interessato alle modalità d’impiego delle nuove tecnologie di informazione e di comunicazione nell’arte.
Svolge un’intensa attività di traduttore di testi e romanzi stranieri. Ha collaborato a “L’unità”, “il manifesto” e alle riviste Linus, Corto Maltese, Linea d’ombra e Pulp.
È direttore, con Daniela Brolli, della rivista Alphaville.

 

Salvatore Mereu
Nato a Dorgali (Nuoro) nel 1965. Laureato al DAMS di Bologna si è diplomato
presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Ha esordito alla regia con i cortometraggi Prima della fucilazione eMiguel. Il suo primo lungometraggio è Ballo a tre passi, vincitore della Settimana della Critica alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2003 e premiato
comemigliore opera prima ai David di Donatello del 2004.
Nel 2008 ha girato Sonetàula, presentato alla Berlinale, e nel 2010 Tajabone, realizzato con gli studenti di due scuolemedie cagliaritane.

 

Anna Milani
Sindacalista, segretaria organizzativa dello SPI-CGIL di Milano. Nel corso degli anni ha maturato diverse esperienze sindacali ed è stata nella segreteria nazionale dello SPI-CGIL dal 2001 al 2006, occupandosi di Informazione e Comunicazione e promuovendo iniziative socioculturali con particolare attenzione al rapporto tra anziani e territorio. Ha contribuito alla rassegna “Cinema e Anziani” di Pergine Valdarno, alla realizzazione del film televisivo Quella certa età (1996) e allo spettacolo teatrale Cuore di fabbrica (1998), sulla storia della vita operaia di Sesto San Giovanni.

 

Eugenio Renzi

Nato a Rieti, si è laureato in filosofia a Roma. Vive attualmente a Parigi. È stato redattore dei “Cahiers du cinéma” dal 2004 al 2009. Nel 2009, ha fondato la rivista elettronica francofona “Independencia”. Ha una rubrica sul mensile italiano “Ciak” e collabora regolarmente con le riviste “Panoramiche” e “Vertigo”. È responsabile delle pagine di cinema delle “Lettres françaises”. È stato lettore al CNC e selezionatore del festival Printemps du cinéma français. Ha pubblicato Nanni Moretti (Editions de l’Etoile, 2008).

 

Gianmarco Torri
Nato a Milano nel 1970, laureato in Filosofia del Diritto, si occupa di cinema e video con particolare attenzione per le opere che appartengono a generi considerati “marginali” (diario, autobiografia, film-saggio, found footage…). Negli ultimi anni si è concentrato sullo studio e l’elaborazione di modelli di diffusione e valorizzazione del cinema di non-fiction nelle biblioteche.
È curatore delle collezioni audiovisive e della programmazione presso il CTU dell’Università di Milano, con il quale organizza il festival Docucity. Fa parte di Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia.

 

* * *

 

Le altre sezioni del Festival
Passaggi di Milano
omaggio Karl Kers
omaggio Corso Salani
speciale scuola Salvatore Mereu
evento speciale The Promise
omaggio e workshop con Michelangelo Frammartino

 

* * *

 

Festival Filmmaker DOC15
23-30 Novembre 2010 Spazio Oberdan,
viale Vittorio Veneto 2, angolo via Tadino – Milano

www.filmmakerfest.org

 

Proiezioni presso lo Spazio Oberdan della Provincia di Milano
v.le Vittorio Veneto angolo via Tadino 2

 

MARTEDI 23

ore 16.00 / MILANO METROPOLI / sarà presente l’autrice

Bianco Giallo Rosso Nero. Un’avventura cromatica di Alice Guareschi (It 2009, col. 92’) video

ore 18.00 / SPAZIO INCONTRI / sarà presente l’autrice

Ercole Visconti, presentazione del libro “Parole illuminanti: i linguaggi del cinematographer”, UTET

ore 19.00 MILANO METROPOLI / sarà presente l’autore

inLomellina di Bruno Chiaravalloti (It 2010, col. 32’) video

ore 20.00 CONCORSO 1 / sarà presente l’autrice

La terra habitada di Anna Sanmartí (Sp/Mong 2009, col. 71′) video

ore 21.30 CONCORSO

Boxing Gym di Frederick Wiseman (Usa 2010, col. 91’) video

 

MERCOLEDI 24

ore 16.00 / OMAGGIO MICHELANGELO FRAMMARTINO

Il dono (It 2003, col. 80’) 35mm

ore 17.30 / INCONTRI / Da Carmelo Bene a Haime Gerima: incontro con il direttore della fotografia Mario Masini

ore 19.00 MILANOMETROPOLI / sarà presente l’autore

salut! hallo! hello! di Diego Marcon (Italia 2010, col. 22′) video

Storie di fantasmi per adulti di Diego Marcon (It 2010, col. 16’) video

ore 20.00 / PASSAGGI DI MILANO 2 / saranno presenti gli autori

Nothing Is Mysterious. A Fact That Is Well Explained di Anna Franceschini (It/Ol 2010, col. 14’) video

Martesana, le stagioni in città/Estate di Titta Raccagni (It 2010, col. 20’) video

The Black Yellow Tree di Francesco Bertocco (It 2010, col. 12’) video

ore 21.30 / PASSAGGI DI MILANO 3 / sarà presente l’autrice

Lasciando la Baia del Re di Claudia Cipriani (It 2010, col. 80’) video

 

GIOVEDI 25

NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano, Via Darwin 20

ore 16.00 / SEMINARIO CON MICHELANGELO FRAMMARTINO

CENTRE CULTUREL FRANCAIS, Corso Magenta 63

ore 20.00 MILANOMETROPOLI

Te recuerdo di Pierre Chosson (Fr 2010, col. 25′) video

A seguire / CONCORSO 2

Voir ce que devient l’ombre di Matthieu Chatellier (Fr 2010, col. 89’) video

 

VENERDI 26

ore 15.00 / CONCORSO 2

Voir ce que devient l’ombre – replica

ore 17.00 CONCORSO 3

The Forgotten Space di Allan Sekula, Noel Burch (Ol/Au 2010, col. 110’) video

ore 19.00 / INCONTRO / Il pranzo di Natale: progetto per un film documentario partecipato

incontro con Antonietta De Lillo

ore 20.00 / CONCORSO 4

Kilenc vágás (Nine Cuts) di Peter Politzer (Ungh. 2010, col. 65’) 35mm

ore 21.15 / CONCORSO 5 / saranno presenti gli autori

Cielo senza terra di Giovanni Maderna, Sara Pozzoli (It 2010, col. 147’) video

 

SABATO 27

ore 15.00 / CONCORSO 6

C’était hier di Jacqueline Veuve (Ch 2010, b/n e col. 90’) video

ore 17.00 / FUORI FORMATO

Come un canto di Home Movies (It 2010, b/n e col. 25’) video

ore 17.30 / CORSO SALANI

Imatra (It 2007, col. 75’)

ore 19.00 / CONCORSO 7

Tres semanas despues di Josè Luis Torres Leiva (Sp 2010, col. 60’) 35mm

ore 20.30 / CONCORSO 8 / sarà presente l’autore

La vita al tempo della morte di Andrea Caccia (It 2010, b/n e col. 82’) video

22.30 / OMAGGIO MICHELANGELO FRAMMARTINO / sarà presente l’autore

Le quattro volte (It/Germ/Ch 2009, col. 88’) 35mm

 

DOMENICA 28

ore 16.30 / OMAGGIO KARK KELS / incontro con Karl Kels

Flußpferde (Germ 1993, b/n 35’) 35mm

Sidewalk (Germ 2008, b/w, 30’) 35mm

Prince Hotel (Germ 1987/2003 b/n 7’50”) 16mm

ore 18.30 / FUORIFORMATO / incontro con Salvatore Mereu

Tajabone di Salvatore Mereu (It 2010, col. 67′)

ore 20.00 / FUORIFORMATO

Io sono Tony Scott, ovvero come l’Italia fece fuori il più grande clarinettista del jazz di Franco Maresco (It 2010, b/n e col. 127’) video

ore 22.30 / CONCORSO 9

Boxing Gym di Frederick Wiseman (Usa 2010, col. 91’) video

 

LUNEDI 29

ore 9.00

Tajabone di Salvatore Mereu (It 2010, col. 67′) 35mm

ore 11.00

Tajabone di Salvatore Mereu (It 2010, col. 67′) 35mm

ore 16.30 / Concorso 4

Kilenc vágás (Nine Cuts) – replica

ore 18.00 / INCONTRI / Presentazione della rivista annuale di cinema italiano "Quaderni del CSCI”: "La questione settentrionale. Vent’anni di mutamenti nel cinema e nella società del Nord".

Intervengono: Simone Arcagni, Daniela Aronica, Luca Mosso e Francesco Pitassio

ore 19.00 / OMAGGIO KARK KELS

Heuballen (Germ 1981, colore, 1’57“) 16mm

Kondensstreifen (Germ 1982, colore, 3’24“) 16mm

Schleuse (Germ 1983, colore 4’57“) 16mm

Nashoerner (Germ 1987, color, 8’43”) 16mm

Stare (Germ 1991, b/n 5’45“) 16mm

Kaefig (Germ 2009, b/n 14’) 35mm

ore 20.00 / CONCORSO 10 / sarà presente l’autore

El sicario. Room 164 di Gianfranco Rosi (Fr/It 2010, col. 80’) video

ore 22.00 / CONCORSO 11 / sarà presente l’autore

Q’ils reposent en revolte di Sylvain George (fr 2010, b/n e col. 140’) video

 

MARTEDI 30

ore 9.00

Tajabone di Salvatore Mereu (It 2010, col. 67′) 35mm

ore 16.00 / CONCORSO 8

La vita al tempo della morte – replica

ore 18.00 / INCONTRI / Formare documentaristi:

incontro con Mario Balsamo, direttore del Master produzione realizzazione documentari, comunicazione sociale e industriale al CTS di Roma

ore 19.00 / MILANOMETROPOLI / Sarà presente l’autrice

Trittico carcerario (Pane nero, In galera ci vanno i fessi, Videolettera di A. G. dal carcere) di Antonella Grieco (It 2010, col. 20’) video

ore 20.00 / CONCORSO 12

48 di Susana de Sousa Dias (Pt 2009, col. 92’) video

ore 21.45 / PREMIAZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE LAVORO E TEMI SOCIALI

ore 22.00 / saranno presenti gli autori

In una foto di Giuseppe Baresi, Simonetta Fadda (It 2009, b/n e col. 65’) video

 

Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli italiani

 

Proiezioni presso lo Spazio Oberdan della Provincia di Milano

v.le Vittorio Veneto angolo via Tadino 2 – Milano

 

 

 

Fonte: www.filmmakerfest.org

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+