La scrittura dello sguardo. Il cinema di Brian De Palma

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

La scrittura dello sguardo

Il cinema di Brian De Palma


a cura di Massimiliano Spanu e Fabio Zanello

Historica edizioni, 2010

pagine: 417

Prezzo di copertina: 18 €

Isbn: 9788896656129

Brian De Palma è tra i pochi autori cinematografici che hanno saputo, nel complesso della loro produzione, essere da “ponte” tra la modernità targata  “New Hollywood”  e la postmodernità dei linguaggi audiovisivi contemporanei. Assieme a Scorsese, Coppola, Lucas e Spielberg, ha fatto parte dei “Movie Brats”: tra i cineasti americani degli ultimi quarant’anni è stato senza dubbio il più abile manipolatore e decostruttore di codici, stili, generi cinematografici. Da “Greetings” a “Redacted”, la sua costante stilistica è stata la sperimentazione e l’innovazione delle forme e delle modalità  del racconto attraverso il continuo ricorso alle grandi
lezioni del passato (tra le quali sopratutto quelle di Hitchcock, Ėjzenštejn, Hawks e Corman). Il suo cinema etico, la sua estetica pop,che si offrono metalinguisticamente declinate alla fruizione dello spettatore nel monito continuo della propria condizione puramente finzionale,si oppongono alla ferocia della guerra, a quella della televisione,del consenso costruito attraverso lo sguardo. Allo sguardo, all’ossessione del guardare, dello spiare, del vedere di più e meglio (per non vedere affatto, spesso sotto il segno del voyeurismo) De Palma ha consacrato la sua opera firmando alcuni fra i più grandi capolavori degli anni Ottanta e Novanta, da “Carrie, lo sguardo di Satana” a “Omicidio a luci rosse”, da “Vestito per uccidere” a “Scarface”.





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page