Varese // Domenica Uncut – 17 aprile 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Metropia

DOMENICA UNCUT

Presso TWIGGY CLUB Via De Cristoforis n.5 Varese. INGRESSO GRATUITO

Domenica 17 aprile

METROPIA di Tarik Saleh, 2009

THE WICKER MAN di Robin Hardy, 1973

Ore 18.30
Metropia di Tarik Saleh, 2009
(V.O. sottotitolato in italiano).

Siamo nell’Europa del 2024 messa in ginocchio dalla crisi energetica. Per fare fronte a una serie di problemi (mancanza di risorse e inquinamento in primis) viene creata una grandissima rete della metropolitana che attraversa tutta l’Europa, che diventa l’unica maniera possibile di viaggiare (non ricorda l’”Underground” di Kusturica?). Roger è impegato in un call-center e inizia a sentire delle voci nella sua testa. Da dove provengono?
L’aspetto più interessante del film di Tarik Saleh è chiaramente quello grafico. Lo stile d’animazione proposto è interessante, nuovo e soprattutto perfetto per raccontare una storia claustrofobica e cupa come quella della pellicola. A rendere inquietante il tutto, più che le architetture fatiscenti, è proprio il design dei personaggi, in bilico tra la stilizzazione grafica e il fotorealismo, con un risultato che ben descrive quella (questa) generazione di marionette assoggettate alla pubblicità, all’aspetto fisico, ai quiz televisivi. Buono anche il lavoro dei doppiatori (Juliette Lewis, Udo Kier, Stellan Skarsgard), capitanati da uno straniante Vincent Gallo perfetto per dare voce e tratti distintivi ad un personaggio alienato e problematico come Roger.” ( Estratto della recensione di Matteo Contin pubblicata da www.pellicolascaduta.it)


Ore 21.00
The Wicker Man di Robin Hardy, 1973
(V.O. sottotitolato in italiano).

“The Wicker Man” è un film che non risparmia nessuno, che infrange con classe molti tabù e può essere anche interpretato come una riflessione al vetriolo sulla cecità delle religioni. Confezionato abilmente con un’ottima regia, un montaggio curato (nonostante siamo nel 1973, ha un taglio molto moderno e dinamico), affascinanti musiche folk ed una fotografia suggestiva (tutti i fatti più inquietanti accadono in pieno giorno, sotto il sole, senza che questo fattore ne sminuisca la carica shockante), il film si avvale anche di un ottimo cast fra cui spiccano le eccellenti interpretazioni di Edward Woodward e Christopher Lee. Al momento dell’uscita, il film scandalizzò non poco i censori inglesi, soprattutto per via della sua provocatoria carica sessuale. Questi ultimi gli hanno reso maledetta l’esistenza, bloccandone la distribuzione e facendolo circolare, in seguito, in versioni censurate e snaturate. Più volte, inoltre, il film è stato tagliuzzato indecorosamente per raggiungere la durata necessaria all’inserimento nei “double bill” dei drive-in (ossia le visioni di due film al prezzo di uno). Reperitelo e guardatelo, ne vale assolutamente la pena. CULT.(Estratto della recensione di alex Visani pubblicata da www.alexvisani.com)

Cineclub Domenica Uncut


Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+