Milano // Rassegna Jerzy Skolimowski, 20.05-8.06

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

In anteprima l’ultimo grande film di Jerzy Skolimowski
Rassegna-omaggio dal 20 maggio all’8 giugno
ESSENTIAL KILLING

SPAZIO OBERDAN
Viale Vittorio Veneto 2, Milano
www.cinetecamilano.it


Dopo Ovsianki (Silent Souls), il magnifico film di Aleksei Fedorchenko che abbiamo proposto in anteprima italiana nel mese di marzo, presentiamo, sempre in anteprima, un altro lungometraggio, anche questo in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2010 e anche questo misteriosamente non ancora distribuito nel nostro paese. Si tratta di Essential Killing, il nuovo film di Jerzy Skolimowski, maestro del nuovo cinema polacco anni Sessanta che con il compatriota Roman Polanski condivise la scelta dell’Occidente. Un’opera estrema in ogni senso, sia per le condizioni reali in cui è stata girata, sia per la situazione messa in scena e per lo stile adottato. Uno stile teso, implacabile, a comporre immagini di grande potenza visiva, nutrite di lunghi silenzi, con un uso della macchina da presa che spesso si avvale di campi lunghissimi, di scenari che celebrano le bellezze della natura in contrasto con la tematica affrontata. In sintesi, un film che indaga con durezza e allo stesso tempo poesia il concetto di istinto di sopravvivenza.
Oltre a Essential Killing, abbiamo pensato di fare un omaggio a Skolimowski presentando altri quattro film da lui firmati in momenti diversi di una lunga carriera iniziata nei primi anni Sessanta. Fra questi il rarissimo Walk Over, sua opera seconda, mai proiettata a Spazio Oberdan e in cui Skolimowski appare anche nei panni di attore protagonista…

* * *

Ve. 20 mag. (h 21.30) / Sa. 21 mag. (h 15)
Do. 22 mag. (h 19) / Me. 25 mag. (h 21.15)
Ve. 27 mag. (h 19) / Sa. 28 mag. (h 21.30)
Do. 29 mag. (h 19)
Essential Killing (Anteprima)
R.: Jerzy Skolimowski .Sc.: J. Skolimowski, Eva Piaskowska. Mont.: Reka Lemhényi. Musica: Pawel Mykietyn. Fot.: Adam Sikora. Musiche: Ennio Morricone. Int.: Vincent Gallo, Emmanuelle Seigner, Stig Frode Henriksen, Nicolai Cleve Broch, David Price, Varg Strande. Polonia/Norvegia/Irlanda/Ungheria, 2010, col., 100’, v.o. sott. ital.
Catturato dai soldati americani in Afghanistan, accusato di omicidio, Mohammed viene trasferito in un centro di reclusione segreto in Europa dell’est. Ma durante il trasferimento il mezzo su cui viaggia rimane coinvolto in un incidente e l’uomo si ritrova inaspettatamente libero, dandosi alla fuga attraverso una foresta innevata, così diversa dai luoghi desertici a lui familiari. Braccato senza sosta da un esercito che ufficialmente non esiste e deciso a difendere con tutti i mezzi la propria vita, Mohammed si ritrova costretto a eliminare qualsiasi ostacolo incontri.
«Al di là dei contenuti politici, il film racconta la lotta per la sopravvivenza. Senza prendere posizione, ritrae l’uomo come bestia nella natura, in veste di preda e predatore. L’uomo è parte integrante della natura più selvaggia e brutale. Arrendersi, rinunciare e morire o combattere per la vita, difendendo la pelle con ferocia e disperazione, questo è il dilemma del nostro eroe (o anti-eroe?).» Jerzy Skolimowski

Premio speciale della giuria e premio Cinemavvenire alla 67. Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia (2010). Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile a Vincent Gallo.

Gio. 26 mag. (h 21.15) / Sa. 28 mag. (h 16.45)
L’australiano
R.: J. Skolimowski.Sc.: Michael Austin, J. Skolimowski, dal racconto omonimo di Robert Graves.Int.: Alan Bates, Susanna York, John Hurt, Tim Curry, Robert Stephens. GB, 1978, col., 86’.
Un uomo strano e misterioso, “ospite” di una casa di cura inglese, sostiene di poter uccidere emettendo un grido, singolare forma di magia appresa da uno stregone australiano. I fatti gli daranno tragicamente ragione.

Gio. 26 mag. (h 17) / Sa. 28 mag. (h 15)
La nave faro
R.: J. Skolimowski. Sc.: David Taylor, William May, dal romanzo Das Feuerschiff di Siegfried Lenz. Int.: Robert Duvall, Klaus Maria Brandauer, Tom Bower, Robert Costanzo. USA 1985, col., 89’, v.o. sott. ital.
1955. Tre gangster reduci da una rapina vengono accolti a bordo di una nave che è ancorata al largo della Virginia per segnalare la rotta alle navi in transito. Le loro intenzioni si rivelano ben presto poco amichevoli, e il capitano Miller deve mantenere tutta la sua freddezza per opporsi alle prepotenze. Il suo eroico comportamento finale lo riscatta, anche e soprattutto agli occhi del figlio, da un passato non completamente limpido.
Premio speciale della giuria alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica 1985.

Do. 22 mag. (h 15) / Ma. 7 giu. (h 21.15)
La ragazza del bagno pubblico
R.: J. Skolimowski. Sc.: J. Skolimowski, Jerzy Gruza, Boleslaw Sulik. Musica: Cat Stevens, The Can. Int.: Jane Asher, John Moulder Brown, Diana Dors. USA/Rft, 1970, col., 95’, v.o. sott. ital.
Mike, quindici anni, è inserviente in un bagno pubblico alla periferia di Londra. Lì lavora Susan, più grande di lui, smaliziata e disinibita. Mike se ne innamora e Susan, che ha un ragazzo e un amante, si diverte a prenderlo amichevolmente in giro. Ma la gelosia del ragazzo condurrà la storia verso un tragico epilogo.

Do. 29 mag. (h 21.15) / Me. 8 giu. (h 18.45)
Walk Over
R. e sc.: J. Skolimowski. Int.: J. Skolimowski, Aleksandra Zawieruszanka, Krzysztof Chamiec, Andrzej Herder, Franciszec Pieczka, Henryk Kluba. Polonia, 1965, b/n, 78’, ver. orig. sott. ital.
Andrzej Leszczyc campa disputando incontri di boxe in provincia. Incontra la dogmatica Teresa, studentessa che dieci anni prima l’aveva fatto espellere dall’università. Accetta un nuovo incontro, che vince, ma, sapendo di avere in Wielgosz un avversario temibile, rinuncia al successivo per paura. Poi cambia idea e, salito sul ring, apprende di aver vinto per “walk over” (l’avversario non si è presentato) e ritira il premio. Wielgosz pretende la sua parte, sostenendo che l’allenatore l’ha corrotto.

 

fonte: www.cinetecamilano.it

* * *

* * *

 

SPAZIO OBERDAN
Viale Vittorio Veneto 2,
angolo piazza Oberdan
Biglietteria: tel. 0277406316
MM1 e passante ferroviario: stazione Porta Venezia

www.cinetecamilano.it

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+