Blind Husbands > Erich Von Stroheim

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Blind Husbands
Erich Von Stroheim | USA – 1919 – 35mm – bianco e nero – 91′

 

 

Blind Husbands

Regia, sceneggiatura, scenografia: Erich Von Stroheim; soggetto: dal dramma “The Pinacle” di E. Von Stroheim; montaggio: Franck Lawrence, Eleanor Fried; fotografia: Ben F. Renolds; didascalie: Lilian Ducey; interpreti: Erich Von Stroheim (Ten. Erich Von Steuben), Gibson Gowland (Sepp), Sani De Grasse (Dott Armstrong), Francilla Billington (Margaret Armstrong), Fay Holderness (La Cameriera), Valerie Germonprez, Jack Perin, Euby Kendrick, Richard Cummings; produzione: Carl Laemmle Per La Universal; paese: Usa; anno: 1919; durata: 91’

La guida alpina Silent Sepp (Gipson Gowland), riceve un telegramma che annuncia l’arrivo di un suo amico all’Hotel Croce Bianca di Cortina D’Ampezzo. Il dottor Armstrong (Sam De Grasse) in passato ha salvato la vita a Sepp ed è diventato suo amico, e adesso sta per raggiungerlo per una breve vacanza in compagnia della moglie Margaret (Francella Billington). La donna, sin al suo arrivo, si sente trascurata dal marito e si interessa alle attenzioni di un giovane ufficiale austriaco anch’egli in villeggiatura. Erich Von Steuben (Erich Von Stroheim), è un millantatore che dietro la divisa di sottotenente nasconde l’atteggiamento meschino di un dongiovanni senza scrupoli. Egli si accorge ben presto della noncuranza con cui il Dottor Armstrong tratta la moglie e pensa di approfittare della situazione iniziando un pedante corteggiamento che ad un certo punto sembra concretizzarsi in una relazione. Sul punto di cedere alla seduzione di Von Steuben, Margaret si ritrae, anche grazie alla presenza saggia e silenziosa di Sepp, che discretamente vigila sui comportamenti della donna. Durante l’ascesa al Pinnacolo si consuma la “sfida” tra Von Steuben e il Dottor Armstrong, il quale ha preso coscienza delle insidie portate alla moglie dal falso ufficiale.

 

Leggi la recensione a cura di Fabrizio Fogliato in Rapporto Confidenziale numero33 (giugno 2011), pp.26-29
link

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+