Varese // Domenica Uncut – Omaggio a Mario Bava

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

OMAGGIO A MARIO BAVA
MAESTRO OF THE MACABRE

17 Luglio 2011
Presso: SOUR MILK , VIA TRIESTE  N. 5
MENZAGO DI SUMIRAGO. VARESE

Entrata Gratuita con tessera Arci

Orari proiezioni:

Ore 17:00
OPERAZIONE PAURA (1966)

Ore 20:00
REAZIONE A CATENA (1971)

Ore 21:30
LISA E IL DIAVOLO (1972)

“Lisa e il diavolo”

Mario Bava
(Sanremo, 1914 – Roma, 1980)

Figlio d’arte (il padre Eugenio era fotografo, scultore, cineasta), esordisce come operatore in “L’avventura di Annabella” (1943) di L. Menardi: in tre lustri di carriera, lavora con registi quali Pabst, Walsh, Emmer, Freda – per il quale crea l’inobliabile atmosfera macabra e decadente de “I vampiri” (1957) – dimostrando doti tecniche fuori dal comune e un enorme talento nel creare effetti speciali con pochi mezzi.
Firma la sua opera prima nel 1960, adattando per lo schermo il racconto “Il Vij” di Gogol: il film che ne risulta, “La maschera del demonio” (1960), è universalmente riconosciuto un capo d’opera della paura e il manifesto dell’intero cinema orrorifico italiano.
Vi si ritrovano al completo le tematiche che saranno proprie del filone indigeno: la figura centrale della donna-mostro, un erotismo malato ed ossessivo, pulsioni necrofile, dimore maledette, vampirismo, riti misteriosi ed antiche maledizioni. Il tutto, fotografato in un bianco e nero di grande suggestione, con sequenze indimenticabili (basti citare quella della resurrezione della strega, ancor oggi agghiacciante) e mirabili prove d’attore (mai più la Steele saprà ripetersi a simili livelli).
In seguito, Bava frequenterà un po’ tutti i generi, con risultati assai validi: vanno ricordati l’insolito peplum “Ercole al centro della terra” (1961), il bel giallo hitchockiano “La ragazza che sapeva troppo” (1963), il teso horror sadomaso “La frusta e il corpo” (1963), la trilogia del brivido de “I tre volti della paura” (1963; l’episodio “I Wurdalak”, tratto da Tolstoj e interpretato da un superbo Boris Karloff, è una vetta nell’arte del Nostro).
Le cose sue più convincenti restano però “Sei donne per l’assassino” (1964), magistrale e violento thriller che apre la strada alle pellicole di Argento; “Operazione paura” (1966), racconto gotico di straordinaria suggestione visiva; “Reazione a catena”(1971), ove si precorre il genere slasher sgranando un immaginifico rosario di morti che farà scuola. Più amato all’estero che in patria, Bava è a nostro avviso autore a pieno titolo: più di tanti cultori dell’impegno a tempo pieno, per tacer di certi maestrini coi loro affliggenti pensum.

Speciale MARIO BAVA su RAPPORTO CONFIDENZIALE

Domenica Uncut presenta: “Speciale Mario Bava”
Sour Milk
Via Trieste, 5
Menzago di Sumirago (VA)
Italy
http://www.sourmilk.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+