Michael Marie. I grandi perversi al cinema

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

“Peeping Tom” (“L’occhio che uccide”), 1960, Michael Powell

I grandi perversi
al cinema


Michael Marie

Editore Gremese, 2011


Formato 23 x 16
Pagine: 128 con 200 fotografie a colori

Prezzo di copertina: 18.50 €


ISBN: 9788884406675

Voyeur ed esibizionisti, sadici e masochisti, feticisti, erotomani, serial killer, donne manipolatrici e false ingenue, perfidi narcisisti e altre cattivissime compagnie: il cinema ha popolato il suo mondo di perversi, facendone spesso protagonisti di film celebri e celebrati, monumenti visivi alla ambiguità e alla perfidia. Dalla relazione vittima-aguzzino che lega tra loro i personaggi di “Salò” e de “Il portiere di notte”, alle pulsioni feticiste che percorrono film come “L’occhio che uccide” o “La gatta giapponese”, dalle mostruose efferatezze di cui sono capaci i serial killer (“Seven”, “M – Il mostro di Düsseldorf”) al sempiterno feticcio della donna spietata e cinica (“Manon”, “Le relazioni pericolose”), l’autore ripercorre i capisaldi di questo inquietante cinema: dei moltissimi film citati rintraccia – in un percorso autoriale che volutamente seleziona via via il proprio oggetto, tralasciando titoli e registi ritenuti poco significativi – ascendenze e parentele, luoghi e figure ricorrenti, contaminazioni e a differenze, otre a offrire una selezione delle più belle immagini di scena opportunamente commentate.

Michel Marie è professore di Studi Cinematografici all’Università Paris 3 – Sorbonne Nouvelle. È autore, tra gli altri, di importanti volumi su Godard e la Nouvelle Vague.

Fonte: Gremese

Leggi un estratto (Issuu)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+