Fast Times at Ridgemont High > Amy Heckerling

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Fast Times01

Trama

Vita quotidiana di un gruppo di studenti liceali della California del sud tra amori, prime esperienze sessuali e esami.

Jeff Spicoli: What Jefferson was saying was, Hey! You know, we left this England place ’cause it was bogus; so if we don’t get some cool rules ourselves – pronto – we’ll just be bogus too! Get it?

Commento

Pensate a un film scritto da Cameron Crowe (premio Oscar per la migliore sceneggiatura originale di Almost Famous, diretto da lui stesso) e interpretato, fra gli altri, da Sean Penn, Jennifer Jason Leigh, Judge Reinhold e Forest Whitaker (ma ci sono anche Phoebe Cates, tramutatasi appena tre mesi prima in un sex symbol grazie all’orrido Paradise di Stuart Gillard, nonché un praticamente invisibile Nicolas Cage, accreditato con il suo vero cognome Coppola): potrebbe essere un fiasco? Allora lo fu, anche perché i nomi citati erano quasi tutti alle primissime armi. Alla sua prima uscita, questa cronaca di vita quotidiana di un manipolo di liceali non coprì nemmeno i pur esigui costi di produzione (si parla di 4.5 milioni di dollari).
Il film segue – poco – il quotidiano scolastico e molto i primi intrecci amorosi e sessuali dei ragazzi, con Phoebe Cates pronta a turbare i sonni degli allora adolescenti grazie a una sua uscita in topless dalla piscina. Stacy Hamilton (Jennifer Jason Leigh) sogna un amore romantico mentre tenta di liberarsi della verginità e lavora con la più scafata Linda Barrett (Phoebe Cates), sogno erotico del fratello di Stacy, Brad, all’apparenza più maturo e ambizioso gerente del locale All American Burger.
Oggetto delle attenzioni di Stacy è il compagno di scuola Mark ‘Rat’ Ratner (Brian Backer) ma lui, mal consigliato dal più esperto Mike Damone (Robert Romanus) rischia di rovinare tutto.
In mezzo a tutto ciò, la scheggia impazzita Jeff Spicoli (Sean Penn), dedito principalmente al consumo di alcolici e marijuana (ogni volta che lo sportello del suo scassato van si apre, ne esce una densa cortina di fumo e un’orda di adolescenti barcollanti), e ben poco allo studio. Sarà il burbero professore di storia a dare un nuovo corso alla sua vita.
Il film è essenzialmente tutto qui. Musica dell’epoca, interpretazioni acerbe (ma Jennifer Jason Leigh già si fa notare), personaggi tagliati con la scure, Sean Penn che fa lo sfigato pronunciando poche parole oltre all’intercalare “dude”.
Negli anni, però, il film si è tramutato in un oggetto di culto (raggranellando alla fine la bellezza di 27 milioni di dollari), in parte per i suoi interpreti (tre dei quali anni dopo si vedranno premiare con un Oscar), in parte perché, pur edulcorata, fotografia di un’epoca che sembra ormai lontanissima.
In questa chiave il film funziona, altrimenti la sua visione rimarrebbe destinata unicamente a coloro che fossero curiosi di vedere attori poi divenuti famosissimi (e, alcuni, molto bravi) muovere i loro primissimi passi.

Roberto Rippa

Phoebe Cates pochi secondi prima di attuare il gesto che la consoliderà come sogno erotico per un'intera generazione di adolescenti americani

Phoebe Cates pochi secondi prima di attuare il gesto che la consoliderà come sogno erotico per un'intera generazione di adolescenti americani

Curiosità

Nicolas Cage (che qui è accreditato per la prima e ultima volta con il suo vero cognome Coppola) aveva 17 anni ai tempi del film.

Il nome della scuola è fittizio (ne esiste una con lo stesso nome in Canada). Il film venne girato presso la Van Nuys High School in California.

In una scena, Linda spiega a Stacy come praticare un rapporto orale mentre intorno a loro i ragazzi ridono per la mimica che usano. La scena è stata sostituita con un’altra per i passaggi televisivi negli Stati Uniti.

Pare che il primo regista ad essere considerato fosse stato David Lynch (!) che, pur trovando divertente la storia, rifiutò non trovandola adatta a lui.

Fast Times at Ridgemont High
(titolo italiano: Fuori di testa, USA, 1982)
Regia: Amy Heckerling
Soggetto e sceneggiatura: Cameron Crowe (dal suo libro omonimo)
Fotografia: Matthew F. Leonetti
Montaggio: Eric Jenkins
Interpreti principali: Sean Penn, Jennifer Jason Leigh, Judge Reinhold, Robert Romanus, Brian Backer, Phoebe Cates, Ray Walston, Scott Thomson, Vincent Schiavelli, Amanda Wyss, Forest Whitaker
90′

Colonna sonora

Somebody’s Baby (Jackson Browne)
Waffle Stomp (Joe Walsh)
Love Rules (Don Henley)
Uptown Boys (Louise Goffin)
So Much in Love (Timothy B. Schmit)
Raised on the Radio (The Ravyns)
The Look in Your Eyes (Gerard McMahon) –
Speeding (Go-Go’s)
Don’t Be Lonely (Quarterflash)
Never Surrender (Don Felder)
Fast Times (The Best Years of Our Lives) (Billy Squier)
Fast Times at Ridgemont High (Sammy Hagar)
I Don’t Know (Spicoli’s Theme) (Jimmy Buffett)
Love Is the Reason (Graham Nash)
I’ll Leave It up to You (Poco)
Highway Runner (Donna Summer)
Sleeping Angel (Stevie Nicks)
She’s My Baby (And She’s Outta Control) (Jost Palmer)
Goodbye, Goodbye (Oingo Boingo)
Everybody’s Girl (Rick Springfield)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+