Séptimo > Valentina Chamorro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

articolo pubblicato in Rapporto Confidenziale numero35 – Speciale Locarno 64. Pag. 95

Séptimo

Valentina Chamorro
Svezia / 2011 / colore / svedese / 24′ / DCP
64. Festival internazionale del film Locarno – Concorso Cineasti del presente
Prima internazionale

La più grande paura di Vincent è quella di innamorarsi, perché ha un segreto che lo costringe a stare lontano da coloro che ama. In una calda notte estiva, Vincent conosce Gustav durante una festa in spiaggia. I due legano all’istante e più stanno insieme più cresce l’attrazione che provano l’uno per l’altro. Vincent sa che non potrà continuare a vedere Gustav ma il desiderio è troppo intenso. E Gustav non si lascia scoraggiare facilmente, nonostante Vincent si sforzi di mantenere le distanze.
Insieme al loro amore, cresce anche la paura di Vincent che il suo segreto possa finire per distruggere Gustav.

Piegando una tendenza cinematografica di grande moda in questi ultimi due anni (e non si può rivelare quale sia per non rovinare la sorpresa)  a un sottostesto sociale trattato in modo originale tutto sulle atmosfere, su allontanamenti, riavvicinamenti e ineluttabilità dei propri sentimenti, Valentina Chamorro realizza un’opera che riesce a mantenersi originale per la sua costruzione e per la precisione della sua sceneggiatura. La regista dissemina i primi minuti di elementi che possono fare sospettare una nevrosi del protagonista. Non è così e il colpo di scena, che irrompe nel finale, non sarà prevedibile. Esteticamente molto accurato, interessante per la sua messa in scena, “Séptimo” esprime un punto di vista cinematografico e un gusto molto personali che dovrebbero imporre la regista all’attenzione di festival e critica.

Séptimo
Regia: Valentina Chamorro • Fotografia: Alexander Westergårdh • Montaggio: Valentina Chamorro, Alexandra Litén • Musiche: Olle Sjöström • Costumi: Franciska Svenson • Suono: Calle Buddee Roos, Olle Sjöström • Interpreti: Andreas La Chenardière, Robert Noack, Thérèse Svensson • Produzione: Tjockishjärta Film • Paese: Svezia • Anno: 2011 • Durata: 24’


Valentina Chamorro è nata nel 1986 a Sollentuna, in Svezia. Ha studiato teoria del cinema all’Università di Stoccolma, poi sceneggiatura per film e media interattivi al Broby Grafiska College e ha seguito il corso di sceneggiatura della Manuspiloterna. Valentina Chamorro è la fondatrice della casa di produzione Tjockishjärta Film e ha firmato vari cortometraggi, tra cui “Tänk att få vakna” (2010) e “Hardship” (2010).

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+