Faenza // Cineclub Scaglie – gennaio 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

SCAGLIE CINECLUB
GENNAIO 2012
Presso: Clan Destino
Faenza (Ravenna), viale Alfredo Baccarini 21

Domenica 8 Gennaio ore 21.30
When You’re Strange
Tom DiCillo (2009 USA 86′)

Trascinante incursione nella storia/leggenda dei rivoluzionari Doors e nell’arrapante mito del loro Re Lucertola Jim Morrison girata da Tom DiCillo grazie al reperimento di un’incredibile quantità di materiale inedito tra cui registrazioni in studio, backstage, riprese live di concerti, illuminanti spezzoni girati  tra il 1966 e il 1971 da Paul Ferrara (un compagno di Morrison alla scuola di cinema UCLA di Los Angeles), scene da “HWY, An American Pastoral” misterioso mediometraggio scritto, diretto e interpretato dallo stesso Morrison. Il documentario è stato prodotto dai tre sopravvissuti della band: il tastierista Ray Manzarek, il chitarrista Robby Krieger e il batterista John Densmore e vede l’affine Johnny Depp come narratore/voce fuori campo. Nella pellicola si ripercorre l’incredibile storia dei Doors da metà degli anni Sessanta ai primi anni Settanta, il loro ribellismo, il loro impegno politico, la loro purezza, la loro fragilità, la loro trasgressione, includendo il racconto della terrificante questione legale che coinvolse Morrison dopo che al concerto di Miami mostrò il pene al pubblico. Nel documentario la musica, immortale, ci avvolge e ci trascina e si respira salubre aria di Rimbaud, Nietzsche, Celine e William Blake. La dolcezza dello sguardo di Jim Morrison, la sua voce sensuale e il suo affascinante carisma aprono porte di percezione capaci di lasciarci piacevolmente scossi ed emozionati, anche a distanza di quarant’anni. Sul palco l’alter ego Jimbo ci porta nel limbo dell’autodistruzione in cui anime ipersensibili in preda a fumi lisergici deragliano incautamente dai tempi dei tempi.

Domenica 15 Gennaio ore 21.30
Balada Triste de Trompeta
di Alex De La Iglesia (2010 SPA/FRA 107′)

Recensione da Rapporto Confidenziale

Domenica 22 Gennaio ore 21.30
Italianamerican
di Martin Scorsese (1974 USA 49′)

Ritratto di famiglia in un interno di Elizabeth Street, Little Italy nell’anno 1974. Martin Scorsese ha 32 anni, ha appena girato Mean Streets. Durante un week-end estivo, si installa nella casa dei genitori Charles e Catherine, la casa dove lui stesso è cresciuto; li fa sedere sul divano del salotto foderato di cellophane; li fa parlare davanti alla cinepresa, Charles un po’ impacciato, Catherine subito mattatrice. Il risultato è un documentario unico, un celebrato home-movie d’autore che ripercorre le memorie della famiglia siciliana e la storia di una lotta per una personale conquista dell’America, riuscita poi perfettamente al figlio Martin…

a seguire

L’ultima donna sulla terra
di Roger Corman (1960 USA 71′)

Il definitivo post-apocalittico di Corman! In crociera su uno yacht, Harold Gern, sua moglie Evelyn e Martin Joyce, assistente di Gern, emergono da una escursione subacquea e si trovano di fronte ad uno scenario sorprendente ed inquietante: durante l’immersione una fulminea guerra nucleare ha cancellato ogni forma di vita sulla superficie della Terra. I tre sono costretti ad affrontare il difficile dramma della sopravvivenza, aggravato dalla inevitabile rivalità che si accende tra i due uomini per il possesso della donna. Girato in sole due settimane dal celebre maestro del cinema di genere americano Roger Corman, che recuperò scenografie ed un piccolo residuo del budget avuto per girare Creature from the Haunted Sea.

Domenica 29 Gennaio ore 21.30
Messia Selvaggio
di Ken Russell (1972 UK 103′)

Biografia romanzata e vitalisticamente straordinaria dello scultore Henry Gaudier, ucciso in guerra a 23 anni, e della sua relazione appassionatamente platonica con l’aspirante scrittrice Sophie Brzeska. La vicenda dell’esuberante esponente del vorticismo, la cui aggressività creatrice è messa in evidenza fin dalle prime scene, entra nella serie di biografie d’artista fatte da Russell, ma è forse quella più ruvidamente esposta a dichiarare la poetica stessa del regista e il suo gusto per la provocazione. Un film intenso sul senso dell’arte nella vita, ma con un ritmo e una godibilità assoluti. Merito anche di bravi attori e di una rigorosa ambientazione. “Probabilmente sarebbe stato il miglior scultore del mondo, certamente il migliore in Inghilterra. Voglio dire che Henry Moore copiò una quantità di materiale da lui e una quantità del suo materiale è molto migliore di quella di Moore. Naturalmente egli copiò altri, subì altre influenze. C’è gente che dice: oh, ha copiato, non vale niente. Ma Gaudier li ha copiati e li ha fatti migliori. Aveva fatto un torso classico, un Epstein, Brancusi, e Picasso, ma molto meglio di Picasso; molto molto meglio nello stesso periodo” (Ken Russell).

Scaglie Cineclub

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+