Milano // Rassegna hard-boiled. 8-29 febbraio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

LA SEMPLICE ARTE DEL DELITTO
VIAGGIO NEL CINEMA HARD-BOILED

a cura di Giampiero Raganelli

8-29 febbraio 2012
@ Ligera Enoteca 70’s Café, Via Padova 133, Milano


Un investigatore privato solitario e cinico, gran bevitore di whisky in locali malfamati e fumosi, maliarde dark lady seduttrici, infide e traditrici, aleggiano in un mondo torbido dove regna la corruzione e la menzogna, e dove non vi sono più confini tra il bene e il male; detective story labirintiche con continui colpi di scena e capovolgimenti della situazione. Sono i cardini della letteratura hard-boiled fiorita tra gli anni venti e trenta a opera degli scrittori Dashiell Hammett e Raymond Chandler. I loro detective antieroici, Sam Spade e Philip Marlowe, hanno soppiantato i semplici solutori di enigmi dei classici del giallo. Non poteva mancare molto prima che il cinema se ne impossessasse, creando un nuovo filone del noir negli anni quaranta, con film come Il falcone maltese (1941) e Il grande sonno (1946) che trovavano in Humphrey Bogart l’archetipo perfetto del private eye dell’hard-boiled.

Proponiamo un piccolo percorso tra i film hard-boiled meno conosciuti.

MERCOLEDI’ 8 FEBBRAIO 2012 ORE 21.30

Una donna nel lago (Lady in the Lake)
di e con Robert Montgomery (Phillip Marlowe), USA/1947,b/n, 105′
Tratto da La signora nel lago (1943) di Raymond Chandler
▪ Marlowe è incaricato dalla direttrice di una casa editrice di gialli di investigare sulla scomparsa della moglie del presidente. Il detective scopre che la donna è stata assassinata e che il fatto è legato ad altri delitti misteriosi. Un film girato interamente in soggettiva, per tradurre al cinema la narrazione in prima persona tipica di Chandler.

MERCOLEDI’ 15 FEBBRAIO 2012 ORE 21.30

Il lungo addio (The Long Goodbye)
di Robert Altman, con Elliott Gould (Philip Marlowe), USA/1973, colore, 112’
Ispirato da Il lungo addio (1953) di Raymond Chandler
▪ Marlowe è alle prese con il suo esigente gatto buongustaio, quando un amico gli chiede di accompagnarlo in Messico a seguito di un litigio con la moglie. Al ritorno l’investigatore è accusato dell’omicidio della donna. Una delle più originali e ardite riletture di Chandler, che segna il lungo addio di Altman al cinema americano classico.

GIOVEDI’ 23 FEBBRAIO 2012 ORE 21.30

Hammett: indagine a Chinatown (Hammett)
di Wim Wenders, con Frederic Forrest, USA/1982, colore, 97′
Tratto da Hammett (1975) di Joe Gores
▪ Lo scrittore Dashiell Hammett, in crisi creativa, si trova coinvolto in una vicenda intricata, proprio come quelle dei suoi romanzi, la scomparsa misteriosa di una ballerina cinese. Nella sua travagliata avventura hollywoodiana, Wenders inaugura il filone del romanziere che si trova invischiato in una storia che potrebbe essere uscita dalla sua penna, che porterà a film come Kafka e Il pasto nudo.

MERCOLEDI’ 29 FEBBRAIO 2012 ORE 21.30

Crocevia della morte (Miller’s Crossing)
di Joel (Ed Ethan) Coen, con Gabriel Byrne (Tom Reagan), USA/1990, colore, 115’
▪ Basato su Piombo e sangue (1929) e La chiave di vetro (1931) di Dashiell Hammett
Guerra tra bande nell’America degli anni venti. Motivo del contendere: ovviamente una donna che seduce il boss della mafia irlandese, sorella di un bookmaker ebreo accusato di aver truffato il capo della mafia italoamericana. Una summa citazionista del genere noir rappresenta l’opera terza dei Coen. Uno dei loro tanti capolavori.

 


 

c/o Ligera Enoteca 70’s Café, Via Padova 133, Milano
(MM1 Turro – MM2 Cimiano)
lascheggia.org | info(at)lascheggia.org
Ingresso 2 euro (con tessera associativa)

 


L’associazione culturale "La scheggia" si configura come luogo di incontro e partecipazione al fine di facilitare lo scambio e la condivisione di idee ed esperienze con riguardo alle minoranze culturali e alla situazione territoriale. Lo scopo principale dell’associazione è quello di promuovere attività culturali, formative, informative e ricreative, contribuendo in tal modo alla crescita culturale e civile dei propri soci. In particolare, l’associazione si propone di avvicinare i soci a prodotti culturali diversificati ed alternativi, stimolando la curiosità e l’interesse, attraverso l’utilizzo di mezzi espressivi ed artistici. Tra le attività che l’associazione intende realizzare figurano: cineforum, servizio di bar, mostre fotografiche e di arti visive, giornalino informativo sulle attività dellAssociazione e su temi d’attualità, sito internet, promozione di tornei o iniziative sportive, corsi di vario genere" [dall’articolo 2 dello Statuto]

Associazione culturale La scheggia
via Jean Jaurès 6, 20125 Milano
www.lascheggia.org – info(at)lascheggia.org

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+