Varese // Domenica Uncut – Abominio Zombie

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Zombi 3, Lucio Fulci (e Bruno Mattei)

CINECLUB DOMENICA UNCUT
presenta
Abominio Zombie
Domenica 12 febbraio
Twiggy Club
Via de Cristoforis n.5 Varese.
PROIEZIONE GRATUITA

Ore 18:30
Zombie 4 – After Death di Clyde Anderson [Claudio Fragasso]. Italia, 1989.

Ore 21:00
Zombi 3 di Lucio Fulci (e Bruno Mattei). Italia, 1988.

Ore 23.00
Zombi 5 – Killing Birds di Claude Milliken [Claudio Lattanzi] e Joe D’Amato [Aristide Massaccesi]. Italia, 1988.

Zombi 4 – After Death, Claudio Fragasso

Zombie 4 – After Death

Una spedizione parte alla volta di un’isoletta nelle filippine dove un gruppo di scienziati è svanito nel nulla. Assieme ai vari soldati, armati di tutto punto, c’è una giovane ragazza “sensitiva” che già prevede nefaste atmosfere”.

“
Fragasso alla sua opera seconda, conosciuta anche con l’apocrifo titolo “Zombi 4″, (dopo il pessimo “Monster Dog”) dimostra ,con pochi mezzi a disposizione e condizioni logistico/temporali pessime (fu costretto a girare di notte quasi la totalità del film, poichè di giorno era impegnato sul set di “Strike Commando 2″, diretto da Bruno Mattei), di esser in grado di mettere tanta action nella pellicola e tanto gore (elemento comunque costante nei suoi prodotti, se si eccettua la “Casa 5″). Ma il problema di fondo resta quello di una sceneggiatura disastrosa, che perde di vista tutti i punti di partenza e che genera un film senza né capo né coda. I dialoghi sono risibili, recitati da attori improvvisati e, soprattutto, non esiste caratterizzazione alcuna nei personaggi e… nemmeno negli zombi!!! Difatti i morti-viventi alle volte ciondolano famelici (come nel loro più classico stile) altre volte (inspiegabilmente) corrono e sparano come forsennati! Addirittura in una scena un militare viene abbattuto da uno zombi con un balzo a “braccio teso”, in perfetto stile Hulck Hogan. Comunque il sangue scorre a volontà, perciò i fanatici del gore potranno trovare qualche motivo d’interesse nel film in questione.”
VOTO ESTETICO: 4 VOTO TRASH: 7,5
(Estratto della recensione pubblicata da www.alexvisani.com)

Zombi 3, Lucio Fulci (e Bruno Mattei)

Zombi 3

Brutto film girato nel 1988 inizialmente da un Lucio Fulci ormai malato e, ahimè, portato a termine incautamente da Bruno Mattei. Il soggetto e la sceneggiatura (?!) sono a cura di Claudio Fragasso…
Una misteriosa valigetta con delle misteriosissime fiale contentente il misteriosissimo virus “Death One” (?!) viene incautamente rubato da un gruppo di malviventi. Da qui, ovviamente, comincerà un lungo e irrefrenabile contagio che porterà alcuni abitanti del luogo a trasformarsi in orribili e famelici zombi che cominceranno a massacrare qualsiasi essere umano capiti loro a tiro. L’intervento dei militari riuscirà a porre fine a questo orrore?

“Il film è veramente una cavolata: tutto sbagliato, o quasi, con innumerevoli momenti di comicità involontaria che si alternano a situazioni incomprensibili che lasciano a bocca aperta ( vedere la scena dell’attacco ai danni di un militare, su un prato, nella parte finale ). La recitazione è molto al di sotto del livello di guardia ( il protagonista, Deran Sarafian, ha pensato bene di passare dietro la macchina da presa negli anni successivi…).Cosa possiamo salvare da questo immondezzaio? Diciamo che, almeno, il ritmo è abbastanza buono e che non ci si annoia, alcuni momenti gore sono piuttosto gustosi e qualche idea passabile qua e là possiamo trovarla ( l’entrata in albergo dei militari vestiti di bianco, la testa dentro al frigorifero che azzanna un incauto ragazzino, la simpatica macchietta del conduttore radiofonico, gli uccelli “zombificati” )”
VOTO: 3
(Estratto della recensione di Filippo Fassino pubblicata da www.alexvisani.com)

Killing Birds, Claudio Lattanzi

Zombi 5 – Killing Birds

“Truce horror prodotto e co-diretto da Joe D’Amato assieme al suo aiuto regista Lattanzi, a cui è attribuita la paternità del film. Un reduce dal Vietnam trova la moglie a letto con l’amante e furibondo compie una strage. L’uomo, dopo aver massacrato la coppia, uccide anche due vicini di casa e si accanisce brutalmente contro gli uccelli in gabbia che appartengono alla sua collezione. Ma un falco lo attacca e gli strappa gli occhi. Anni dopo, un gruppo di giovani studenti si reca nella villa ove accaddero i misfatti narrati nel prologo. Inutile dire che i fantasmi inquieti, che si aggirano fra le mura della mansione, provvederanno ad una sanguinosa ecatombe.
La pellicola non annoia e, nonostante la presenza di qualche tempo morto, risulta scorrevole nel complesso. Ovviamente non è esente dai difetti tipici delle produzioni italiane a basso budget ed il cast è composto dai soliti attori dalle espressioni bovine.
VOTO: 6
(Estratto della recensione pubblicata da www.alexvisani.com)

Chuck Peyton, alias Charles Peyton, alias Jeff Stryker, star del porno gay anni ’90 in After Death

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+