Jean-Luc Dounin | Dizionario della censura del cinema

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

DIZIONARIO DELLA CENSURA DEL CINEMA
TUTTI I FILM TAGLIATI DALLE FORBICI
DEL CENSORE NELLA STORIA MONDIALE
DEL GRANDE SCHERMO

di Jean-Luc Dounin

a cura di Paolo Bignamini

Mimesis Edizioni, 2010
Collana CINEMA
622 pagine
prezzo: € 28
isbn: 9788857501635
compra online

Come semplice lettura o come strumento di consultazione, questo dizionario, nel quale i casi di censura sono raccontati attraverso l’esperienza di attori, cineasti, film, nazioni, percorsi tematici, mostra la molteplicità di un fenomeno che mutila, taglia, cattura, sequestra, brucia, tiranneggia, uccide. Addio mia concubina, Locandine, Algeria, Altman (Georges), Donna del Bandito (La), Arletty, Autant-Lara (Claude), Barbarella, Brigitte Bardot, Battaglia di Algeri (La), Bergman (Ingmar), Bertolucci (Bernardo), Bogart (Humphrey), Boisset (Yves), Brooks (Louise), Browning (Tod), Buñuel (Luis), Cannes (festival di), Quadrato Bianco, Chahine (Youssef), Chaplin (Charlie), Cina, Quarto potere, Colorazione, Corvo (Il), Delair (Suzy), Desnos (Robert), Dietrich (Marlène), Dieci di Hollywood, Einsenstein (Sergej Michajlovic), Erotismo, Stati Uniti: il Codice Hays, FBI, Final Cut, Genet (Jean), Godard (Jean-Luc), Grande illusione (La), IRA, Italia, Kubrick (Stanley), Lang (Fritz), Looping, Monroe (Marilyn), Nascita di una Nazione (La), Notte e nebbia, Ossessione, Pasolini (Pier Paolo), Peluria, Pull-over rouge (Le), Religione, Scarface, Swanson (Gloria), Assassini Nati, Stupro, Wajda (Andrzej), Warhol (Andy), West (Mae), X, Zulawski (Andrzej)…

 



Jean-Luc Douin è stato cronista a Combat, caporedattore cinema a Télérama, capo della redazione libri a Le Monde, dove è attualmente critico cinematografico. Nel 2007 debutta nella narrativa con il romanzo Le premier sommeil.

Paolo Bignamini, giornalista, drammaturgo e regista, scrive sulle pagine di cultura de Il Sole 24 Ore. Le sue versioni teatrali e i suoi testi sono stati rappresentati nei più importanti teatri italiani.

 

 

Andare al cinema è come mangiare o cacare,
è un atto fisiologico, è guerriglia urbana.

– Marco Ferreri

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+