Capturing Reality – Pepita Ferrari

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Capturing Reality01

Real life is so much more interesting than anything you can make up.

(Kevin MacDonald)

I registi hanno rivolto la cinepresa verso il mondo reale sin dai tempi dei fratelli Lumière e il cinema documentario ha scatenato dibattiti appassionati e creativi da allora.

Cosa entra in gioco quando un regista decide di rappresentare la realtà?
Quali sono le preoccupazioni etiche che sorgono nel filmare persone reali?
Quanto può la musica condizionare il nostro riscontro emotivo al film?

Dai pionieri del cinema verità Albert Maysles, Joan Churchill e Michel Brault ai cani sciolti come Erroll Morris e Nick Broomfield, alcuni tra i più brillanti autori di documentari riflettono sul potere del genere in Capturing Reality: The Art of Documentary.
Divertente e articolato, provocatorio e profondo, il film include testimonianze di luminari come il regista cileno Patricio Guzmán, l’inglese innovatore Kim Longinotto e Alanis Obomsawin, la primadonna del cinema delle Prima nazioni.
Il film è arricchito da interviste a più di trenta registi e spezzoni tratti da una cinquantina di film – classici come Grey Gardens e The Thin Blue Line e opere recenti come Darwin’s Nightmare e The Day I Will Never Forget – che permettono di penetrare nei vari aspetti del complesso processo creativo.
Provocatori burloni, coraggiosi attivisti e consumati raccontatori di storie – registi differenti tra loro come la femminista pachistana SabihaSumar, il nuovo guru dei media Peter Wintonick e il maestro brasiliano Eduardo Coutinho – discutono le molteplici scelte creative legate al cinema documentario.

La regista Pepita Ferrari modella questo mix caleidoscopico nella sua peculiare, coinvolgente, narrazione, tracciando con abilità i percorsi dei documentaristi e tentando di provare lo status perenniamente contestato della “verità”.
Può un film catturare la realtà?”  Alcuni registi contemporanei sfidano i dogmi del cinema verità, mentre l’iconoclasta Werner Herzog abbandona i fatti in favore dell’ “estasi della verità”.

Combinando una gioia non compromessa per il cinema con una profonda conoscenza della settima arte, Capturing Reality esplora il cinema documentario contemporaneo con rigore intellettuale, originalità stilistica e un fresco senso della scoperta.

La regista

Pepita Ferrari dirige documentari da 15 anni. Le sue opere hanno ottenuto riconoscimenti da Le
festival international du cinema au feminin du Bordeaux, the Canadian Society of Cinematographers e dal Columbus International Film & Video Awards.

Tra i suoi documentari, By Woman’s Hand, The Petticoat Expeditions, Joseph Giunta: A Silent Triumph and The Unsexing of Emma Edmonds.

Capturing Reality – The Art of Documentary (Canada, 2009)

Regia:  Pepita Ferrari / Montaggio: Barbara Brown / Musiche: Robert M. Lepage / Fotografia: Marc Gadoury / Con la partecipazione di: Jennifer Baichwal, Manfred Becker, Michel Brault, Nick Broomfield, Joan Churchill, Eduardo Coutinho, Paul Cowan, Jean-Xavier De Lestrade, Molly Dineen, Jennifer Fox, Denis Gheerbrant, Serge Giguère, Patricio Guzmán, Werner Herzog, Scott Hicks, Heddy Honigmann, Sylvain L’espérance, Jean-Pierre Lledo, Kim Longinotto, Kevin MacDonald, Albert Maysles, Erroll Morris, Stan Neumann, Alanis Obomsawin, Laura Poitras, Velcrow Ripper, Hubert Sauper, Rakesh Sharma, Barry Stevens, Sabiha Sumar, Nettie Wild, Peter Wintonick, Jessica Yu / 97′

Sito ufficiale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+