Carmelo Bene, enrico ghezzi | Discorso su due piedi (il calcio)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Discorso su due piedi
(il calcio)

di Carmelo Bene, enrico ghezzi

Edizioni Bompiani, 2007 (I. ed. 1998)
Collana: pasSaggi
Pagine: 128
prezzo: € 8,00
ISBN: 9788845237737

compra online

 

 

e.g. – Una partita di calcio dura un’ora e mezza. Con l’intervallo, un’ora e quarantacinque, più o meno la durata standard hollywoodiana, europea, mondiale, fino agli anni Ottanta, di un film. Ho sempre trovato curiosa questa durata così vicina alla regola aurea del film. E mi ha sempre molto colpito, perché è una misura che eccede in ribasso le possibilità teatrali… Come vedi questa stranissima coincidenza?

C.B. – Ma è stato così da sempre. Non ce la fanno, credo. Non ce la farebbero a correre il campo. Credo che sia un fatto fisico, fisiologico.

e.g. – Ma era stato calcolato per esempio, anche sul cinema, che ci fosse una sorta di soglia di attenzione e di sopportazione media dello stare seduti a vedere uno spettacolo, tra l’ora e mezza e le due. Io non so tutte queste analisi su quali basi siano state compiute…

C.B. – È bene conoscere tutte le mie riserve sul cinema – io sono un iconoclasta, ma mai abbastanza infettato… Nessuno calpesta più la pellicola, a nessuno fa paura, o la brucia… Edoardo Fadini, in Il teatro senza spettacolo, dice: «Uno spettacolo di Bob Wilson può durare anche dodici ore, e questo è sopportabile. Uno spettacolo di Carmelo Bene, invece, anche se dura cinque minuti è insopportabile. Intollerabile». Anche in serie A ci sono cose da quarta serie…

e.g. – … anche nelle coppe.

C.B. – Nelle coppe soprattutto, dove c’è tanta noia…

 

* * *

 

e.g. – Ho l’impressione che accada come nel cinema. Sopravvivono i grandi film. E le cose invece più informi, le cose minori, le cose più piccole, alle quali la televisione conferisce un suo frame, una sua forma si perdono. Quanto è medio si perde. Pensa a una partita media."

C.B. – Sì, sì. Perché Romario nel campo non c’è più. E riesce ad essere freddo, fermo, in questo movimento, fermo, da singolo fotogramma… E poi li brucia. I portieri non si rendono conto, perché fa dei gol micidiali. È cinico. Ne scarta quattro con la palla calamitata al piede, e poi li mette nei posti più giusti, più impensati. C’è questo ghiaccio rovente…

 

 

Il libro è la trascrizione e l’adattamento di una conversazione di un pomeriggio di fine marzo 1998 tra Carmelo Bene e Enrico Ghezzi. Si parla di calcio, ma non solo. Due personaggi geniali e fuori dai canoni dialogano sullo sport più popolare e amato.

 

Carmelo Bene e enrico ghezzi non meritano (sommarie) biografie.

 

 

bompiani.it

 

 





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page