Rosamaria Salvatore | La distanza amorosa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

La distanza amorosa
Il cinema interroga la psicoanalisi

di Rosamaria Salvatore

Quodlibet editore, 2011
Quodlibet Studio. Campi della psiche. Lacaniana
Pagine: 160
prezzo: € 18,00
ISBN: 9788874624003

compra online (-15%)

 

 

«Il desiderio è sempre il desiderio dell’altro»
Jacques Lacan

 

François Truffaut, Marco Ferreri, Carl Theodor Dreyer, Michael Haneke, Samuel Beckett: sono i nomi degli artisti di cui parla questo libro proponendo una lettura inedita dei loro film. Un volume supplementare di cinema e psicoanalisi, dunque? Un’ennesima edizione di psicoanalisi applicata al cinema? No; la psicoanalisi si applica solo al sintomo. Al sintomo di un soggetto che soffre nel corpo e nella mente.
La psicoanalisi non si applica al cinema, come non si applica né all’opera d’arte né all’artista. Sebbene ogni artista non possa esimersi dall’interrogare quanto accade nella propria vita e nel mondo in cui vive; non certo per proporre dei modelli da seguire o una pedagogia da inculcare. L’artista, invece, mette in luce la trama di un discorso che ci coinvolge. Un discorso in cui ognuno di noi è preso come un essere vivente e sessuato, preda della passione o della follia, un discorso che si snoda come il discorso dell’Altro, ossia dell’inconscio. In tutto ciò l’artista, per dirla con Lacan, precede lo psicoanalista e addirittura gli apre la strada: ecco la lettura proposta dall’autrice di questo libro. In quest’ottica è da leggere l’opera di François Truffaut, che rivela l’intreccio tra la problematica del padre e del nome con l’attrazione della follia e del corpo femminile. O quella di Marco Ferreri, che sa mettere l’accento sul mistero incarnato nel corpo della donna. Per non parlare di Dreyer, sempre fedele all’etica del desiderio, o di Haneke nella sua affannosa ricerca della verità. Per terminare, Film di Samuel Beckett, diretto da Alan Schneider e interpretato da un geniale Buster Keaton, è un eccellente esempio della schisi tra l’occhio e lo sguardo.
Antonio Di Ciaccia

 

Rosamaria Salvatore è professore associato di Storia e critica del cinema presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Padova. Membro della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, è docente dell’Istituto freudiano per la Clinica, la Terapia e la Scienza. Ha approfondito gli studi relativi alle interferenze fra psicoanalisi e modelli teorici cinematografici, con particolare riferimento alla Teoria dello sguardo di Lacan. Ha curato la monografia Dossier Schermi psicanalitici («La Valle dell’Eden», n. 15, 2005) e scritto Traiettorie dello sguardo. Il cinema di Philippe Garrel (Il Poligrafo, Padova 2002).

 

 





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page