Alain Badiou | Il risveglio della storia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Il risveglio della storia
Filosofia delle nuove rivolte mondiali

di Alain Badiou

traduzione di Luigi Toni e Michele Zaffarano

Ponte alle Grazie, 2012
Collana: Saggi
Pagine: 128
prezzo: € 13,50

compra online (1)
compra online (2)

 

 

«Inchiniamoci all’erede di Platone: Badiou è il più grande filosofo vivente»
Slavoj Žižek

 

Bancari, «tecnici», industriali, opinionisti sono concordi nel dirci che dobbiamo cambiare. Dobbiamo cambiare il nostro modo di considerare il lavoro e la vita consociata, i rapporti mondiali e l’esistenza individuale; altrimenti, la crisi ci porterà via, come infimi relitti, verso l’oceano della povertà definitiva. Per i nostri padroni, dice Badiou, «questa è la legge del mondo». Ma questo libro – la prima e più autorevole interpretazione filosofica della nuova stagione di rivolte mondiali, dalla primavera araba agli Indignados a Occupy – sostiene una tesi diversa: un nuovo mondo sta nascendo, basato su tutt’altre regole.
Un mondo che rigetta le parole d’ordine della «modernizzazione» e della «riforma», sotto le quali si traveste un tentativo di regressione politica senza precedenti, volto a adeguare la produzione e la vita stessa ai dogmi di un liberismo oligarchico e ottocentesco; un mondo che – sebbene in maniera ancora confusa e dispersa – a quest’ordine si ribella esplicitamente, entrando in quello che Badiou chiama «il tempo delle rivolte». Rivolte attraverso le quali il «risveglio della storia» dovrà dar luogo a un «risveglio dell’Idea»: l’idea di comunismo, un comunismo antidogmatico e in fieri, che rilanci l’insopprimibile aspirazione dell’uomo alla giustizia, all’eguaglianza, all’universalità.

* * *

 

«A caratterizzare l’Idea politica rivoluzionaria, è proprio la concezione dell’esistenza di verità politiche e dell’azione politica in se stessa come i>prolungamento della lotta del vero contro il falso. Verità – ma di che cosa? Verità di ciò che, al di là dei propri interessi vitali, gli animali umani sono capaci di fare perché giustizia, uguaglianza e universalità possano esistere. Buona parte dell’oppressione politica si realizza proprio negando questa capacità. E i nostri liberali insistono in questa negazione: la conseguenza inevitabile sarà che l’opinione dominante, quella cioè che ha i mezzi materiali, finanziari, militari e mediatici migliori per dominare, finirà con l’imporsi come consensuale, o come il quadro generale entro cui le altre opinioni potranno esistere.»
Alain Badiou

 

* * *

Alain Badiou, scrittore, filosofo, professore emerito all’École normale supérieure de la rue d’Ulm, è fra i massimi filosofi viventi. Sua opera principale è L’essere e l’evento (1988), tradotto in italiano dal Melangolo nel 1995. Il secondo volume dell’opera, Logiques des mondes (Seuil, 2006), è ancora inedito da noi. Ha pubblicato nel 2012 una riscrittura della Repubblica di Platone, che uscirà per Ponte alle Grazie nel 2013. Fra i suoi ultimi libri pubblicati in Italia: Metapolitica (2001), L’etica. Saggio sulla coscienza del male (2006), Manifesto per la filosofia (2008), Secondo manifesto per la filosofia (2010), L’ipotesi comunista (2011), tutti da Cronopio; da Il Nuovo Melangolo, Beckett. L’inestinguibile desiderio (2008), Piccolo pantheon portatile (2010) e Heidegger. Il nazismo, le donne, la filosofia (2010); da Feltrinelli, Il secolo (2006).

 

ponteallegrazie.it

 





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page