Bologna // Hypnomachia V – Nocturnal Emissions | 1 dicembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Xing – presenta

HYPNOMACHIA V
Nocturnal Emissions

JOHN DUNCAN / URSULA SCHERRER (USA/CH)
Narcomantic

sabato 1 dicembre dalle 23 alle 6
@ Raum – via Ca’ Selvatica, 4/d – Bologna
xing.it

 

Sabato 1 dicembre dalle 23 all’alba Xing presenta a Raum Hypnomachia V – Nocturnal Emissions. La quinta edizione del lungo evento sonoro, è stata affidata per l’autunno del 2012 a John Duncan (artista sonoro e visivo statunitense) e Ursula Scherrer (artista visiva svizzera) che presentano Narcomantic, un concerto immersivo con multi-proiezioni.

Grazie alla partecipazione della video-artista Ursula Scherrer, Narcomantic propone per la prima volta a Bologna una modulazione audio-visuale sperimentata per Sogno d’Insonnia, il workshop su suono e manipolazione del sogno tenuto da John Duncan alla Fondazione Ratti nel febbraio del 2012.

Narcomantic cerca di sovvertire i confini di una zona di semi-coscienza posta tra l’insonnia e l’ipnosi, e apre un passaggio al limite dove sonnambulismo e altre medianità tendono a immettere la notte in uno spazio intermedio. Stimoli che oscillano tra puro noise e una musica calma, che si quieta. Suoni sibilanti, frequenze alte, e poi suggestioni verbali, parole sussurrate. Un ambiente di suono che tenderà in alcuni passaggi alla iperstimolazione in una strana alternanza tra tensione e immaginazione onirica.

Hypnomachia è musica che si dipana lungo una notte intera, in simbiosi col ritmo segreto degli slittamenti dell’attenzione. Suoni attorcigliati al nastro di Moebius che scorre tra la veglia e il sonno; flussi di onde radio trasmesse dal passato al suono inconfondibile del disgregarsi della coscienza e della notte. (Portarsi coperta o sacco a pelo: è uno sleep-concert).

Narcomantic sarà presentato in contemporanea anche a Roma presso la redazione di NERO. Trasmessi in diretta streaming dalle 23 fino all’alba, i suoni ipnotici di John Duncan guideranno i veglianti ad immergersi in un secondo sleep-concert a distanza che unirà il pubblico dei due luoghi, Raum e NERO, in un’esperienza sola, simile a un rito collettivo. Dalla mattina, una serie di concerti e selezioni musicali (a cura di musicisti e artisti che avranno trascorso la notte insieme in redazione) accompagnerà i presenti fino al primo pomeriggio di domenica.
neromagazine.it

John Duncan artista visivo e sonoro statunitense di origine -ma apolide e ospite di innumerevoli stati (incluso il regno di Elgaland-Vargaland)- distilla la sua esperienza che sarebbe riduttivo confinare al genere della sound-art. Eventi, concerti e installazioni sono stati presentati a Färgfabriken, Fylkingen; Gallery NiklasBelenius, Stockholm; NoorlandsOperan, Umeå; Fondazione Antonio Ratti, Como; Palazzo Appiani/PX2, Piombino; IPCA Ecomuseum per Eco e Narciso, Torino; Teatro Piccolo Jovinelli, Roma; Netmage festival, Bologna; The Atlantic Waves festival, London, MUTEK, Montreal; The Compound, San Francisco; Watari Museum of Art, Tokyo. Le sue performance sono state ospitate da grandi musei internazionali tra cui il Getty Center, The Box e il MOCA, Los Angeles; Osterreichisches Museum für Angewandte Kunst (MAK), Vienna; Museu d’Arte Contemporani, Barcelona (MACBA); Museum of Tokyo (MOT).
johnduncan.org

Ursula Scherrer è artista visiva, coreografa e danzatrice svizzera, basata a New York. Le sue installazioni video multi-screen sono state presentate al Baryschnikov Art Center, Experimental Intermedia e The Chelsea Art Museum, New York; Issue Project Room, Brooklyn; MIT List Visual Arts Center, Cambridge; The LAB, San Francisco; ZKM, Karlsruhe; Galerie Haferkamp, Cologne; New European Media Art, Halle; Dissonanze Festival, Roma; Pointe Jaune Museum, St. Gallen and Kunstraum Walcheturm, Zurich. Nelle sue video performance ha collaborato con Valerio Tricoli, Michael J. Schumacher, Liz Gerring, Inoue Tetsuo, Shelley Hirsch, Michelle Nagai, Marina Rosenfeld, Flo Kaufmann, Anne Wellmer, Monya Pletsch, Hideki Kato e Katherine Liberovskaya, con cui ha co-curato la rassegna OptoSonic Tea che ha coinvolto Caspar Stracke, Luke Dubois, LoVid, Jennifer Reeves, Leah Singer, Kurt Ralske, Janine Higgins, Kurt Hentschlager, Angie Eng, Ikue Mori, Andy Guhl, Phill Niblock, Domenico Sciajno, Bradley Eros, Lary Seven e Sandra Gibson. Nell’ambito della danza, ha studiato con Merce Cunningham e danzato con la Doris Humphrey Repertory Company.
ursulascherrer.com

 

Col supporto di Istituto Svizzero di Roma, Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Presidenza del Consiglio dei Ministri/GECO2, Edizioni Zero, Nero, Città del Capo-Radio Metropolitana.

 

Xing info
via Ca’ Selvatica 4/d – Bologna tel 051.331099 info@xing.it
www.xing.it
www.facebook.com/xing.it www.twitter.com/liveartsweek

Xing press
tel 051.331099
mob 339.1503608 pressoff@xing.it

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+