Ancona // Corto Dorico 2012 – I vincitori

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

La nona edizione di Corto Dorico va in archivio con i verdetti delle giurie sui 14 cortometraggi in concorso nelle due sezioni: tema libero e tema sociale. Per il prossimo anno ad Ancona, quelli dell’Associazione Nie Wiem, stanno pensando di diventare un festival più articolato, sempre attento al cortometraggio, ma aperto pure alle opere lunghe degli esordienti. Pensiamo che questa sia un’evoluzione interessante, meritata perché conquistata sul campo con tenacia e passione.

 

I vincitori dei premi a tema libero – Corto Dorico 2012

La giuria di qualità – composta dal regista Daniele Ciprì, dalla montatrice Esmeralda Calabria, dal produttore Gianluca Arcopinto e dal regista Angelo Loy – ha assegnato il Premio Corto Dorico 2012 (2.500 euro) a Pier Paolo Paganelli (Bologna) regista del film “Vai col liscio”, uno zombie-movie ambientato in una balera romagnola e interpretato da un cast di celebrità: Valerio Mastrandrea, Pif, Andrea Mingardi, Leo Mantovani, Eraldo Turra, Elisabetta Cavallotti, Marco Mezzetti, Bob Messi e Raoul Casadei. La motivazione letta dal presidente di giuria Daniele Ciprì sottolinea la capacità di straniamento di un film che conduce al surreale per approdare alla coscienza del brutto con un gran senso dell’umorismo.
La menzione speciale della giuria di qualità è andata a Karen di Porto (Roma) in quanto attrice e regista di “Cesare”, un corto drammatico e leggero sulla disperazione del vivere quotidiano, con un protagonista separato che si guadagna da vivere travestito da Cesare davanti al Colosseo.

Il Premio della Stampa a tema libero a “Il respiro dell’arco” di Enrico Maria Artale. La giuria della stampa, composta da Ilaria Feole (film TV), Alessio Galbiati (Rapporto Confidenziale) e Luca Pacilio (Gli Spietati) riconosce al corto del giovane regista romano l’idea di un cinema forte e originale, capace di costruire attraverso il trattamento del suono la parabola sanguinaria di un’amazzone moderna.
A “Cusutu n’coddu” del palermitano Giovanni La Pàrola, la menzione speciale per la forza dell’idea di un western all’alba dell’Unità d’Italia.

Premio “Sentieri di Cinema” CGS ACEC (500 euro) a “Cesare” di Karen di Porto.
Premio “Amnesty International Italia per i Diritti umani” (500 euro) a “Lutto di civiltà” del regista barese Pierluigi Ferrandini (Bari).
Premi del Pubblico e della giuria Giovani entrambi assegnati a “Tiger Boy” di Gabriele Mainetti (Roma).

 

 

I vincitori dei premi a tema sociale – Corto Dorico 2012

Premio Nie Wiem al miglior cortometraggio d’impegno civile (2.500 euro) a “L’intruso” di Filippo Meneghetti, “Un piccolo grande film, capace di raccontare in modo rigoroso, solido e asciutto, con una regia matura e prove attoriali convincenti, le angosce e le pulsioni che agitano una provincia italiana e i suoi abitanti, metafora di un Paese impaurito, fragile e vulnerabile, avviluppato nelle ansie del presente, nelle difficili relazioni tra persone e generazioni”.

Premio della stampa a tema sociale (Eleonora Camilli di Redattore Sociale, Luca Caprara di Radio Fano e San Marino TV) a Pierluigi Ferrandini per “Oroverde”, il medesimo film sulle rivendicazioni delle tabacchine pugliesi d’inizio secolo a cui Amnesty International Italia per i diritti Umani riserva una menzione speciale.
Mentre la menzione speciale della giuria stampa va a “Cargo” di Carlo Sironi.

Premio Coos Marche (500 euro) a “Oroverde” di Pierluigi Ferrandini, per l’attenzione posta alla tematica del lavoro e alle battaglie in sua difesa, ieri come oggi. Il lavoro è percepito dal film come diritto e valore da difendere”.

Anche il Premio del pubblico e Premio della giuria giovani convergono su “Oroverde” di Pierluigi Ferrandini. I giovani aggiungono una menzione speciale a “Los aviones que se caen” di Mario Piredda per il messaggio di speranza contenuto nel film interamente girato a Cuba.

Premio Babel TV di Sky (500 euro + trasmissione del corto su Babel tv) ad Alessandro Valori per “Babylon Fast Food”, per il valore della scrittura, della direzione degli attori e della fotografia, nonché per le tematiche in linea con il canale Tv che considera l’immigrazione come una risorsa e riserva grande attenzione ai ragazzi figli di immigrati di seconda generazione che insieme agli italiani di sempre costituiscono il futuro del nostro paese.

Il Premio “Cinema e Cittadinanza Globale” al miglior cortometraggio della rete di Festival di Cinema sociale è stato assegnato ieri dagli studenti medi e medi superiori delle Marche a “The change” di Fabian Ribezzo che ha partecipata al “Terra di Tutti Film Festival”. Babel TV, media partner di Corto Dorico, trasmetterà tutti i film proiettati durante la giornata dedicata al cinema d’impegno sociale.

 

cortodorico.it

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+