Il meglio del 2012 – Daniela Persico e Alessandro Stellino

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

«Amo molto parlare di niente. È l’unico argomento di cui so tutto»
– Oscar Wilde –

 

Anche quest’anno vogliamo giocare con i film e con il calendario.
Abbiamo chiesto a amici e collaboratori, professionisti del settore e cinefili, un elenco dei 5 migliori film usciti, o visti per la prima volta, durante l’anno solare 2012.
Concluderemo a gennaio inoltrato, stilando una classifica del meglio del meglio e un elenco delle segnalazioni… come fatto lo scorso anno.

 

 

Daniela Persico e Alessandro Stellino

filmidee – filmidee.it

 

In un anno segnato dalla fine della pellicola, alcuni dei film più interessanti si sono interrogati sulle nuove, possibili forme dell’arte cinematografica. Dal prismatico Holy Motors, al nostalgico Tabu, il presente si fa conflagrazione di passato e futuro. Ancora più ambiziosi sono i tentativi di riformulare lo sguardo antropologico e l’impianto narrativo del melodramma classico, rispettivamente in Leviathan e To the Wonder. In questa linea merita di essere sostenuto un film italiano, talmente alieno dalla mercificazione dell’immagine propria del nostro cinema – anche il più meritevole – da non avere corrispettivi all’altezza se non nella riflessione estetica dei film di Sokurov: Su Re di Giovanni Columbu.

Holy Motors
di Leos Carax
(Francia-Germania/2012)

Tabu
di Miguel Gomes
(Portogallo-Germania-Brasile-Francia/2012)

Leviathan
di Lucien Castaing-Taylor e Véréna Paravel
(Francia-UK-USA/2012)

Su Re
di Giovanni Columbu
(Italia/2012)

   

To the Wonder
di Terrence Malick
(USA/2012)

 

 

Dei titoli selezionati da D. Persico e A. Stellino tra il meglio del 2012, su RC puoi trovare:
"Holy Motors" di Leos Carax – recensione a cura di Olivier Père
"Holy Motors" di Leos Carax – recensione di Michele Salvezza (in Rapporto Confidenziale 37)

 

 

cover image: Holy Motors di Leos Carax

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+