Il meglio del 2012 – Rinaldo Censi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

«Amo molto parlare di niente. È l’unico argomento di cui so tutto»
– Oscar Wilde –

 

Anche quest’anno vogliamo giocare con i film e con il calendario.
Abbiamo chiesto a amici e collaboratori, professionisti del settore e cinefili, un elenco dei 5 migliori film usciti, o visti per la prima volta, durante l’anno solare 2012.
Concluderemo a gennaio inoltrato, stilando una classifica del meglio del meglio e un elenco delle segnalazioni… come fatto lo scorso anno.

 

 

Rinaldo Censi

Si occupa di immagini (più o meno mobili) – un libro in uscita per la casa editrice Johan & Levi

 

Non sono un sociologo e neppure un pedagogo. Non ho nulla da dire su quest’annata cinematografica. Non so se segni la fine della pellicola (di certo non la morte, dato che questa fine non si è compiuta), o annunci chissà quale futuro.
Segnalo cinque film in ordine alfabetico più tre bonus:

Cosmopolis
di David Cronenberg
(Francia-Canada-Portogallo-Italia/2012)

L’unica limousine su cui varrebbe la pena salire. L’altra francese? dallo sfasciacarrozze.

Cyclopean 3D: Life With A Wonderful Woman
di Ken Jacobs
(USA/2012)

Un toccante “film di famiglia”. Un album di fotografie in movimento, con effetto 3D.

Sea Series (#1 – #10)
di John Price
(Canada/2008-2011)

Pellicola scaduta, blow up e processo di stampa. Lirosofia (il mare, sbalzi cromatici, sovrimpressioni).

Slow Action
di Ben Rivers
(UK/2011)

Uno splendido film di fantascienza e un trattato di antropologia (su due schermi). Qualcosa che mi fa pensare a Jonathan Swift.

   

San zimei
Titolo internazionale: Three Sisters
Titolo italiano: Tre sorelle
di Wang Bing
(Francia-Hong Kong/2012)

Uno dei film più struggenti di Wang Bing. Totale libertà: un ritorno ai livelli di West Of The Tracks.

 

 

3 bonus

 

Face
di Andy Warhol
(USA/1966)

Il volto di Edie Sedgwick: trucchi, sigarette e uno specchio. Parole parole parole e un momento finale spiazzante, rivelatore.

 

Performance di Bruce McClure
Atelier Impopulaire#1
Milano, 2 marzo 2012

Suonare la luce con strisce di film, loop, proiettori e amplificatori a pedale. Un’esperienza luciferina.

 

Materialfilme 1968-76 (Wilhelm and Birgit Hein)
DVD (Edition Filmmuseum)

Una serie di film “didattici”. Una tempesta luminosa. Consigliato agli amanti del “vintage”.

 

 

 

Dei titoli selezionati da Rinaldo Censi tra il meglio del 2012, su RC puoi trovare:
"Cosmopolis" di David Cronenberg – recensione a cura di Matteo Contin
"Cosmopolis" di David Cronenberg – recensione a cura di Roberto Rippa
Ken Jacobs: una breve biografia – a cura di Alessio Galbiati
Ken Jacobs: il demiurgo dell’immagine in movimento – intervista a cura di Alessio Galbiati

 

 

cover image: Slow Action di Ben Rivers

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+