Bologna // Fine della specie (25 gennaio)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

FINE DELLA SPECIE / END OF SPECIES
Successione di atti sul film Que viva Mexico! di Ejzenstejn

25 gennaio 2013 – dalle 14 alle 00
@ Cineteca di Bologna
Cinema Lumière – Sala Officinema/Mastroianni
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

a cura di ZAPRUDERfilmmakersgroup
zapruderie.com

 

 

Fine della specie sarà un lungo happening (circa 12 ore) sulla fuga dell’opera dal genere, dal formato e dal contemporaneo. Una programmazione dedicata alla inafferrabilità e inattualità dell’arte, più spesso irriducibile alle definizioni di genere e ambito. Zapruder, collettivo romagnolo di videoartisti fondato nel 2000 da David Zamagni, Nadia Ranocchi e Monaldo Moretti, ha invitato una serie eterogenea di autori (artisti, filmmakers, registi di teatro, musicisti) ad agire all’interno della sala cinematografica durante la proiezione di un film. La pellicola in questione è Que viva Mexico! di Ejzenštejn. Film di per sé sintomatico poiché l’attribuzione dell’opera all’autore è quantomeno parziale e controvertibile. Il regista infatti fu costretto a interrompere le riprese anzitempo e non venne mai in possesso del girato. Gli artisti saranno chiamati a individuare una porzione del film (anche la stessa) su cui intervenire, in sala, durante la proiezione. Non è certo se si arriverà a vedere l’intero film, e qualunque siano le scelte dei dieci autori non si tratterà certo dello stesso film.
In collaborazione con Offset e Xing.
L’evento è parte di: Art City Bologna

 

partecipano:

ZEUS! feat. Vincenzo Vasi / Francesco Fuzz Brasini / ZAPRUDERfilmmakersgroup feat.Mattia Dallara, Francesco Brasini / EB, Grunewald, Limberty / Cristian Chironi feat. Dominique Vaccaro / Romeo Castellucci / Riccardo Benassi / Kinkaleri / Claudia Castellucci / Flatform / Rinaldo Censi / Luigi De Angelis (Fanny&Alexander) / Atelier Impopulaire, Gianluca Lo Presti, Virgilio Villoresi

 

line•up

 

14.00 > 15.30
Sala Scorsese
• eisenXtasis •
ZEUS! feat Vincenzo Vasi
IN-DO composizione monotonale per chitarra elettrica (Do-256 hz)
Francesco ‘Fuzz’ Brasini
Niente di male: se una fetta ti tocca, è giusto che la mangi!
ZAPRUDER feat Mattia Dallara e Francesco Brasini

 

16.30 > 17.30
Sala Scorsese
Cointreau
Emanuele Becheri / Grunenwald / Limberty
Extraect
Cristian Chiaroni feat Dominique Vaccaro
I Passanti (fine primo tempo)
Claudia Castellucci

 

19.00 > 20.00
Annapurna
Romeo Castellucci
Che ciò che conta è al di fuori dell’inquadratura
Riccardo Benassi
Someone gave me wrong information
Kinkalieri
I Passanti (fine secondo tempo)
Caludia Castellucci

 

21.30 > 00.00
Lux in tenebris lucent
Flatform
Filmare la rivoluzione?
Rinaldo Censi
IN/OUT
Fanny&Alexander / Luigi De Angelis
Du mort qui saisit le vif
Virgilio Villoresi / Atelier impopulaire / Gianluca Lo Presi

 

Per tutta la giornata:
Radiocronaca in streaming, in diretta dalla sala cinematografica e dialoghi dalla Biblioteca Renzo Renzi sul sito cinetecadibologna.it
‘Cronaca dalla fine’ Lorenzo Donati / Altrevelocità
 

Area ristoro aperta dalle 12.30 alle 00.30 presso Biblioteca Renzo Renzi a cura di ‘Il Rovescio’

 

+ + +

 

cinetecadibologna.it
Pagina Facebook dell’evento

 

Biglietti
12 € per 12 ore (10 € per Amici e Sostenitori della Cineteca, possessori biglietto Arte Fiera, studenti e under 30); 8 € per 6 ore, dalle 12 alle 18 o dalle 18 alle 24 (6 € per Amici e Sostenitori della Cineteca, possessori biglietto Arte Fiera, studenti e under 30); 6 € per 2 ore (4 € per Amici e Sostenitori della Cineteca, possessori biglietto Arte Fiera, studenti e under 30)

 

Cinema Lumière – Sala Officinema/Mastroianni
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

 

+ + +

 

Zapruder Filmmakersgroup nasce dal sodalizio tra David Zamagni e Nadia Ranocchi, a loro si unisce nel 2001 Monaldo Moretti e risale al 2006 l’inizio della collaborazione con il musicista Francesco Brasini. Dal 2005 il gruppo esplora ed applica i principi delle tecniche stereoscopiche per la produzione di film e installazioni che recuperano le tecniche del cinema 3-D, progettando e costruendo sia i dispositivi di ripresa stereoscopica sia quelli di visione realizzando ciò che il gruppo definisce ‘Cinema da Camera’, sorta di cinema incarnato e tattile ma anche forma di teatro incorporeo. Nel gennaio 2011 ha inaugurato zapruderie.com, galleria on line completamente anaglifa con estratti della produzione stereoscopica di Zapruder. Oltre a una costante presenza in autorevoli festival e sedi espositive internazionali (fra cui Centre Pompidou di Parigi, Museo Reina Sofia Madrid, Triennale di Milano, Rencontres Internationales Paris/Berlin/Madrid, StadtKino Wien, Biennale de l’image en mouvement Ginevra, Festival du Nouveau Cinéma Montréal, Milanesiana, Steirischer Herbst Graz, Kunsten Festival des Arts Brussel) contributi significativi del lavoro di Zapruder sono legati alla collaborazione con compagnie di spicco del teatro di ricerca italiano quali Motus, Fanny&Alexander, Romeo Castellucci/Societas Raffaello Sanzio. Tra i riconoscimenti: Werkleitz Award al 48° Oberhausen Short Film Festival 2002, Premio Iceberg 2002, Premio Riccione TTV Performing Arts on Screen 2006, Premio "Lo Straniero" 2010; nel 2011 Zapruder ha ricevuto il Premio Persol 3D alla 68. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia per "la pionieristica riscoperta e applicazione delle tecniche stereoscopiche, unita a una ricerca coerente e radicale, che rendono l’uso del 3D in Zapruder scelta linguistica necessaria mai accessoria, fino a incidere sulla dimensione temporale dell’immagine".
Zapruder ha base a Roncofreddo (FC); collaboratori assidui ai progetti del gruppo sono il sound designer Mattia Dallara, Andrea ‘Mario’ Marini, web e digital effects, Leonardo Monti, co-produttore dei progetti di Zapruder dal 2008 ed Elena Biserna.

ZAPRUDERfilmmakersgroup
www.zapruderie.com

 

+ + +

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+