In Another Country > Hong Sang-soo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

On ne vit sa vie qu’une seule fois,
donc si on la rate, c’est foutu

Hong Sang-soo

 

C’è tutto un universo nel penultimo film di Hong Sang-soo: quello dell’estraneità e dello straniamento, o meglio del progressivo avvicinamento, del processo di incontro tra le persone e dei fraintendimenti che può provocare. Ed esiste con tutta probabilità anche una forma topica all’interno della quale si può inserire questa storia: è quella che almeno a partire da Stromboli immette Ingrid Bergman in un contesto estraneo e ostile, o che in modo diverso e cronologicamente più vicino al regista coreano fanno registi come Abbas Kiarostami in Copie conforme del 2010 e soprattutto Sofia Coppola in Lost in Translation del 2003, utilizzando rispettivamente Juliette Binoche e Bill Murray come icone del processo di costruzione di un amore, o più generalmente della tessitura di nuovi rapporti umani. L’estraneità dell’ambientazione consente di assistere a questo processo nella purezza permessa da una scissione dagli eventi circostanti, come in un acquario: acquario in cui Isabelle Huppert si muove con una grazia particolare, fino a diventare – nell’ultima inquadratura di questo In Another Country, passeggiando con il suo ombrello in maniera spensierata – un doppio contemporaneo di Charlot. Hong Sang-soo è un regista raffinato e divertente, e nel modo in cui adopera la macchina da presa e mette in scena le sue storie si riconosce il talento di chi è talmente padrone del mezzo da poterci giocare senza temere eccessi. Bastano poche inquadrature per innamorarsi del suo mondo, che è il frutto di un’estrema libertà creativa non soltanto per il basso budget che utilizza o per l’assenza di sceneggiatura, ma per un’aria di leggerezza che riesce a permeare ogni sequenza. E il gusto dello spettatore consiste principalmente nel farsi coinvolgere in questo gioco: con le inquadrature (nel movimento di uno zoom dondolante che è una vera e propria firma); con gli stereotipi (quel che ci dice sullo stereotipo dell’uomo coreano non è molto diverso dai cliché sull’uomo mediterraneo); con gli attori (e con la loro recitazione vitale e stralunata, che si ripete nei suoi vari film); con le storie che racconta (nel loro intreccio di differenze e ripetizioni).

In Another Country è – come sempre più spesso accade nelle storie che si raccontano sul grande schermo, ma in maniera tutt’altro che convenzionale – un film dentro un film, anzi tre film in uno solo: tre storie scritte sul quaderno di Won-joo, giovane regista in vacanza con la madre, che prendono vita nella sua immaginazione e ruotano attorno al perno di una donna straniera che si ritrova in Corea del Sud per ragioni diverse (regista famosa in visita a un amico regista; ricca casalinga in fuga dal marito per incontrare l’amante; moglie tradita alla ricerca di sé in gita con un’amica). Le tre storie hanno punti di contatto, si intrecciano e costruiscono una partitura musicale che è quella della variazione su un tema e della ripresa di scene e immagini che fanno da leitmotiv al film, e ha il passo di ciò che racconta, il ritmo di un comico che si costruisce scena dopo scena, con i tempi necessari alla costruzione di qualcosa di veritiero nell’esplorazione delle peripezie del caso. Perché quel che rimane dopo la visione del film è la sensazione di un sentimento di verità quale solo dalla finzione può derivare: una verità fatta al contempo di leggerezza e gravità, perfettamente rappresentata da una delle scene più divertenti del film, quella in cui Anne dichiara il proprio amore all’amante, e contemporaneamente lo schiaffeggia. «Il mio film può essere visto in modo più o meno comico, o più o meno tragico, a seconda del vostro umore del momento», ha dichiarato il regista ¹. I pochi personaggi che ruotano attorno alle tre diverse Anne costruiscono una rete che si snoda tra un albergo, la spiaggia, un ristorante di Mohang, e intessono relazioni provvisorie, limitate non soltanto dal periodo della vacanza ma anche dall’uso della lingua inglese, che è straniera per tutti i personaggi e che per questo crea un luogo comune (un tessuto che è anche musicale) all’interno del quale le situazioni trovano ospitalità. In Another Country è un film che ha il respiro del cinema, un cinema che nasce dall’ambientazione e che riesce a costruire un racconto fatto di parole, atmosfere, luci. Caratteristiche che fanno di Hong Sang-soo uno dei registi più interessanti dei nostri tempi.

Presentato in concorso alla 65esima edizione del festival di Cannes, il film è meritoriamente distribuito in Italia da Tucker. Il doppiaggio italiano – piaga cui la distribuzione in sala pare essere malgrado tutto ancora costretta, nonostante le possibilità che il digitale riserva – snatura tuttavia gran parte del film, che gioca per l’appunto sullo straniamento linguistico di una francese e un gruppo di coreani che parlano in una lingua che non padroneggiano appieno; e tuttavia la copia italiana ha il piccolo pregio di mantenere in versione originale con sottotitoli le parti dialogate in coreano. Poteva andare persino peggio, insomma. •

Andrea Inzerillo

 

_______

Note:

1. Il suffit de peu pour voir la vie sous un angle joyeux, incontro con Hong Sang-Soo a cura di Jean-Sébastien Chauvin, in Cahiers du cinéma 682/2012, pp. 28-29. In questo numero della rivista è presente un lungo speciale dedicato al regista coreano, con interviste, analisi dei suoi film e un bel diario di bordo di Isabelle Huppert dal set di In Another Country.

 

 

In Another Country
Titolo originale: Da-reun na-ra-e-seo

Regia, sceneggiatura: Hong Sang-soo
Fotografia: Park Hong-yeol, Ji Yoon-jeong
Montaggio: Hahm Seong-won
Musica: Jeong Yong-jin
Produttori: Kim Kyeong-hee, Hong Sang-soo
Voce narrante: Jung Yoo-mio
Interpreti principali: Isabelle Huppert, Yu Jun-Sang, Jeong Yu-mi, Yoon Yeo-jeong, Keun Moon Sung, Hyo Kwon Hye, Moon So-ri, Youngoak Kim
Produzione: Jeonwonsa Films
Suono: Dolby, Dolby Digital
Rapporto: 1.85:1, 2.35:1
Formato di proiezione: DCP
Lingue: coreano, inglese
Paese: Corea del sud
Anno: 2012
Durata: 89′

 





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page