Locarno 67 // La nuova generazione americana

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Buzzard, Joel Potrykus

Listen Up Philip di Alex Ross Perry (Concorso internazionale) e Buzzard di Joel Potrykus (Concorso Cineasti del presente) segnano il ritorno di due registi lanciati nelle scorse edizioni del Festival.

 
Il 67° Festival del film Locarno (6 – 16 agosto) conferma l’interesse verso i protagonisti del nuovo cinema statunitense indipendente, che sta dimostrando grande vitalità negli ultimi anni. Due registi lanciati e premiati a Locarno, ritornano con i loro ultimi lavori.

 
Il Concorso internazionale accoglierà in prima internazionale Listen Up Philip, di Alex Ross Perry, sorta di diario sui generis di un giovane scrittore alle prese con una crisi creativa e con una vita sentimentale scombussolata. Oltre a confermare il talento del regista, protagonista del Concorso Cineasti del presente del 2011 con The Color Wheel, il film è impreziosito da un cast d’eccezione, dove primeggiano Jason Schwartzman, nei panni del protagonista, e di Jonathan Pryce, che interpreta un anziano e disincantato scrittore. Entrambi gli attori saranno presenti a Locarno.
Il Concorso Cineasti del presente, sezione riservata alle opere prime e seconde, vedrà la presenza di Buzzard, secondo lungometraggio di Joel Potrykus, Premio al miglior regista emergente nel 2012 con Ape. Il film riprende lo schema dell’opera precedente, indagando i tormenti interiori di un giovane impiegato di banca, interpretato ancora una volta da Joshua Burge.

 

Joel Potrykus e Joshua Burge sul set di Ape

 
Carlo Chatrian, Direttore artistico del Festival: “In attesa di svelare il programma completo, che vedrà una ricca presenza del cinema indipendente americano, abbiamo voluto mettere in evidenza due graditi ritorni. Non solo per segnalare una evidente continuità di percorso con il recente passato, ma soprattutto perché i film di Alex Ross Perry e Joel Potrykus figurano tra i risultati per noi più interessanti della recente stagione. Due film che a loro modo creano un universo in cui la voce dell’autore si estende fino a cogliere una dimensione universale. Sono certo che la surreale comicità di Potrykus e la maturità espressiva di Perry affascineranno il pubblico di Locarno, prolungando quel ponte con gli Stati Uniti inscritto nella storia del Festival.”

 
La selezione completa del 67° Festival del film Locarno sarà annunciata il 16 luglio.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+