Henri Bergson | Il riso

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Il riso
autore: Henri Bergson

Editore:SE
Collana:Saggi e documenti del Novecento, 2008
Pagine:146
EAN:9788877107558
Prezzo di copertina: 18,50€

Prima edizione: Henri Bergson, Le rire. Essai sur la signification du comique, Éditions Alcan, Paris, 1900

 

 

«Mentre ho voluto determinare i procedimenti di produzione del comico, ho cercato anche quale sia l’intenzione della società quando ride. Perché stupisce troppo il fatto che si rida, e che il metodo di spiegazione di cui parlavo più sopra non chiarisca questo piccolo mistero. Non vedo, per esempio, per qual motivo la “disarmonia”, in quanto tale, dovrebbe suscitare in chi ne è testimone una manifestazione così specifica come il riso, mentre tante altre proprietà, qualità o difetti, lasciano impassibili i muscoli del viso dello spettatore. È quindi ancora necessario cercare quale sia la causa particolare della disarmonia che crea l’effetto comico; e l’avremo realmente trovata solo se riusciremo a spiegare perché, in tal caso, la società si senta tenuta a manifestarsi. Nella causa del comico ci deve pur essere qualcosa che attenta leggermente (ma che attenta specificatamente) alla vita sociale, poiché la società vi risponde con un gesto che ha tutta l’aria di una reazione difensiva, con un gesto che fa lievemente paura. È di tutto questo che ho voluto render conto».

 

 

Bergson, Henri-Louis

Enciclopedie on line

Bergson ‹berksòn›, Henri-Louis. – Filosofo (Parigi 1859 – ivi 1941). Fu prof. di filosofia al Collège de France dal 1910 al 1924. Nel 1928 gli fu conferito il premio Nobel per la letteratura. Fu membro dell’Academie française e rappresentante della Francia alla Società delle Nazioni. Benché l’evoluzione del suo pensiero lo avesse portato al cattolicesimo, egli, ebreo, non volle battezzarsi per non apparire traditore della propria razza, perseguitata dai regimi totalitarî dei quali fu tenace oppositore

Leggi tutto

 

cover image: Convict 13 (Buster Keaton and Edward F. Cline, 1920)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+