Torino // Artissima 2014 | 7-8-9 novembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Print

Il cielo è quello che è, il primo freddo è conclamato, la pioggia e le pozze, la nebbia e le nuvole, le piante perdono le foglie, il traffico è infame eppure novembre è il mese più bello per la città di Torino. Club to Club (5-9 novembre), Torino Film Festival (21-29 novembre) e Artissima (7-9 novembre) sono eventi straordinari con i quali, in un modo o nell’altro, tocca fare i conti. È un po’ come se il mondo intero venga a bussare alle porte di una città in totale trasformazione, orfana della grande industria, alla ricerca di una nuova identità che inevitabilmente passa anche da questi momenti per (ri)definirsi. Eventi cresciuti nel tempo, divenuti adulti grazie all’ostinazione e la tenacia che, seppur tra le difficoltà della congiuntura, non arretrano di un passo.
Artissima sarà un bulimico tuffo nell’arte contemporanea condensato in 3 giorni e una miriade di eventi collaterali tra i quali spicca la mostra SHIT AND DIE, curata da Maurizio Cattelan, Myriam Ben Salah e Marta Papini.

 

ARTISSIMA 2014
7-8-9 novembre
dalle 12 alle 20
Oval – Lingotto Fiere, Torino
ingresso e parcheggi Via Nizza 230 | ingresso pedonale Via Nizza 294
artissima.it

 

MAIN SECTION
La selezione raccoglie una selezione di gallerie tra le più rappresentative del panorama artistico mondiale. 124 gallerie provenienti da 27 paesi.
401 Berlin • A Gentil Carioca Rio de Janeiro • Samy Abraham Paris • Aike-Dellarco Shangai • Air de Paris Paris • Sabrina Amrani Madrid • Analix Forever Geneva • Anne Barrault Paris • Annex14 ZurichAPalazzo Brescia • Artericambi Verona • Alfonso Artiaco Napoli • ASPN Leipzig • Enrico Astuni Bologna • Athr Jeddah • Balice Hertling Paris • Hannah Barry London • Belenius/Nordenhake Stockholm • Bendana | Pinel Paris • Bernier/Eliades Athens • Isabella Bortolozzi Berlin • Thomas Brambilla Bergamo • Brand New Gallery Milano • Braverman Tel Aviv • Bugada & Cargnel Paris • BWA Warsawa Warsaw • Casado Santapau Madrid • Pedro Cera Lisbon • Charim Vienna • Chert Berlin • Christinger de Mayo Zurich • CO2 Torino • Hezi Cohen Tel Aviv • Antonio Colombo Milano • Continua San Gimignano, Beijing, Les Moulins • Vera Cortês Lisbon • Raffaella Cortese Milano • Guido Costa Projects Torino • Monica De Cardenas Milano, Zuoz • De’ Foscherari Bologna • Umberto Di Marino Napoli • EXIT Hong Kong • Faggionato London • Figge von Rosen Cologne • Marie-Laure Fleisch Roma • Frutta Roma • Furini Arezzo • Green on Red Dublin • Giacomo Guidi Roma • Andreas Huber Vienna • hunt kastner Prague • Ibid. London, Los Angeles • In Arco Torino • Antonia Jannone disegni di architettura Milano • Jeanrochdard Paris, Brussels • Kalfayan Athens, Thessaloniki • Peter Kilchmann Zurich • Christine König Vienna • Eleni Koroneou Athens • KOW Berlin • Tomio Koyama Tokyo, Singapore • Krome Berlin • Lattuada Studio Milano, New York, Tenafly • Emanuel Layr Vienna • Le Guern Warsaw • Antoine Levi Paris • Josh Lilley London • Magazzino Roma • Norma Mangione Torino • Mario Mazzoli Berlin • Mendes Wood DM São Paulo • Francesca Minini Milano • Massimo Minini Brescia • Ani Molnár Budapest • Monitor Roma • mor.charpentier Paris • MOTINTERNATIONAL London, Brussels • Múrias Centeno Porto, Lisbon • Franco Noero Torino • Lorcan O’Neill Roma • P420 Bologna • Alberta Pane Paris • Alberto Peola Torino • Peres Projects Berlin • Giorgio Persano Torino • Photo&Contemporary Torino • Francesca Pia Zurich • Pinksummer Genova • PM 8 Vigo • Podbielski Contemporary Berlin • Gregor Podnar Berlin, Ljubljana • Polansky Prague • Produzentengalerie Hamburg • Profile Warsaw • ProjecteSD Barcelona • Prometeogallery Milano, Lucca • Quadrado Azul Porto • Rotwand Zurich • Lia Rumma Milano, Napoli • SABOT Cluj-Napoca • Marion Scharmann Cologne • SCHLEICHER/LANGE Berlin • Side 2 Tokyo • SMAC Stellenbosch, Cape Town • SpazioA Pistoia • Sprovieri London • Sultana Paris • Taik Persons Berlin, Helsinki • Joseph Tang Paris • The Breeder Athens • The Gallery Apart Roma • Elisabeth&Klaus Thoman Innsbruck, Vienna • Caterina Tognon Venezia • TORRI Paris • Tucci Russo Torre Pellice • Upp Venezia • Paola Verrengia Salerno • Viltin Budapest • Vistamare Pescara • Wentrup Berlin • Wilkinson London • Jocelyn Wolff Paris • ZAK | BRANICKA Berlin • Martin van Zomeren Amsterdam
+ Comitato di selezione: Isabella Bortolozzi, galleria Isabella Bortolozzi, Berlino • Paola Capata, galleria Monitor, Roma • Guido Costa, galleria Guido Costa Projects, Torino • Peter Kilchmann, galleria Peter Kilchmann, Zurigo • Norma Mangione, galleria Norma Mangione, Torino • Pedro Mendes, galleria Mendes Wood, San Paolo • Gregor Podnar, galleria Gregor Podnar, Berlino, Ljubljana • Jocelyn Wolff, galleria Jocelyn Wolff, Parigi
link ai link

 

NEW ENTRIES
19 gallerie provenienti da 11 paesi parecipano alla speciale sezione riservata a giovani gallerie aperte dopo il 2009 e presenti per la prima volta ad Artissima: un osservatorio esclusivo sulle sperimentazioni più avanzate con i protagonisti della nuova scena artistica internazionale.
22,482 Paris • : BARIL Cluj-Napoca • Rod Barton London • CAN Christina Androulidaki Athens • CAR drde Bologna • Copperfield London • Document-Art Buenos Aires • Elika Athens • Ex Elettrofonica Roma • Emmanuel Hervé Paris • Instituto de Visión Bogotà • Last Resort Copenhagen • Marcelle Alix Paris • Marso Mexico City • massimodeluca Mestre-Venezia • Neumeister Bar-Am Berlin • Anca Poterasu Bucharest • Svit Prague • Vitrine London
+ Comitato di selezione: Isabella Bortolozzi, galleria Isabella Bortolozzi, Berlino • Paola Capata, galleria Monitor, Roma • Guido Costa, galleria Guido Costa Projects, Torino • Peter Kilchmann, galleria Peter Kilchmann, Zurigo • Norma Mangione, galleria Norma Mangione, Torino • Pedro Mendes, galleria Mendes Wood, San Paolo • Gregor Podnar, galleria Gregor Podnar, Berlino, Ljubljana • Jocelyn Wolff, galleria Jocelyn Wolff, Parigi
link ai link

 

PRESENT FUTURE
20 artisti emergenti, invitati da un team di giovani curatori internazionali. Gli artisti selezionati propongono progetti inediti realizzati ad hoc.
ADN – Adrian Melis Barcelona • Agustina Ferreyra – Beatriz Santiago Muñoz San Juan • Andersen’s – Liu Shiyuan Copenhagen • Arcade – Jeremiah Day London • Arcadia Missa – Harry Sanderson London • Boers-Li – Xinguang Yang Beijing • Curro y Poncho – Juan Capistran Guadalajara • David Lewis – Dawn Kasper New York • Ellen de Bruijne – Jeremiah Day Amsterdam • Federico Vavassori – Rochelle Goldberg Milano • High Art – Rachel Rose Paris • Kilobase Bucharest – Apparatus 22 Bucharest • La Veronica – Uriel Orlow Modica • Labor – Jorge Satorre Mexico City • OSL contemporary – Toril Johannessen Oslo • Quadrado Azul – Candice Lin Porto • Room East – Robin Cameron New York • Deborah Schamoni – Anne Imhof Munich • Federica Schiavo – Karthik Pandian Roma • Joe Sheftel – Alex Da Corte New York • TANG Contemporary Art – An He Bangkok, Beijing
+ Comitato di selezione: Luigi Fassi (coordinatore), Curatore Arti Visive, steirischer herbst, Graz • Catalina Lozano, curatrice indipendente, Città del Messico • Piper Marshall, curatrice indipendente, New York • Jamie Stevens, Curatore e Responsabile Programmi, CCA Wattis Institute, San Francisco • Xiaoyu Weng, Direttrice e Curatrice Asia Programs, Kadist Art Foundation, San Francisco
link ai link

 

BACK TO THE FUTURE
Back to the Future è la sezione nata con l’intento di presentare in un contesto dedicato alle sperimentazioni più nuove del contemporaneo, alcuni grandi innovatori del linguaggio dell’arte il cui lavoro è oggi particolarmente significativo. La sezione propone lavori datati tra il 1960 e il 1989 in una serie di spazi monografici di qualità museale.
acb – Imre Bak Budapest • Bergamin – Amedeo Luciano Lorenzato São Paulo • Galerie Buchholz – Lutz Bacher Cologne • Camera16 – Ugo La Pietra Milano • Ca’ di Fra’ – Grazia Varisco Milano • Charim – Alfons Schilling Vienna • Erica Deak – Imre Bak Budapest • Foksal Gallery Foundation – Edward Krasiński Warsaw • François Ghebaly – Channa Horwitz Los Angeles • Frittelli Arte Contemporanea – Paolo Masi Firenze • Christophe Gaillard – Tetsumi Kudo Paris • Henrique Faria – Marta Minujín New York, Buenos Aire • Henrique Faria – Osvaldo Romberg New York, Buenos Aires • Georg Kargl – Bernhard Leitner Vienna • Tomio Koyama – Kishio Suga Tokyo • Maisterravalbuena – Néstor Sanmiguel Diest Madrid • MOTINTERNATIONAL – Seung-Taek Lee London, Brussels • ONIRIS – Florent Paumelle – Vera Molnar Rennes • P420 – Irma Blank Bologna • Gregor Podnar – Ion Grigorescu Berlin, Ljubljana • Nara Roesler – Paolo Bruscky São Paulo, Rio de Janeiro • Richard Saltoun – Friedl Kubelka London • Richard Saltoun – Hans-Peter Feldmann London • Aurel Scheibler – Norbert Kricke Berlin • Natalie Seroussi – Gil Joseph Wolman Paris • Barbara Thumm – Anna Oppermann Berlin
+ Comitato di selezione: João Fernandes, Vice Direttore, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofìa, Madrid • Douglas Fogle, curatore indipendente e scrittore, Los Angeles • Beatrix Ruf, Direttrice, Stedelijk Museum, Amsterdam • Jochen Volz, Direttore Programmi, Serpentine Gallery, Londra • in collaborazione con Eva Fabbris, curatrice indipendente, Milano
link ai link

 

PER4M
Per4m è la nuova sezione di Artissima dedicata alla performance: un progetto fortemente innovativo sia per la modalità di presentazione che per l’approccio con il quale la performance viene affrontata in contesto fieristico. Per4m propone un programma di 16 lavori performativi presentati in uno spazio dedicato all’interno della Fiera o in luoghi condivisi del padiglione dell’Oval, in interazione con il pubblico.
Artericambi – Giovanni Morbin Verona • Enrico Astuni – Shaun Gladwell Bologna • CO2 – Helena Hladilová Torino • Raffaella Cortese – Marcello Maloberti Milano • Guido Costa Projects – Tom Johnson Torino • Peter Kilchmann – Tobias Kaspar Zurich • Emanuel Layr – Lili Reynaud Dewar Vienna • David Lewis – Viola Yesiltaç New York • Marcelle Alix – Louise Hervé & Cholé Maillet Paris • Mendes Wood DM – F. Marquespenteado São Paulo • Monitor – Nico Vascellari Roma • MOTINTERNATIONAL – Cally Spooner London • Neumeister Bar-Am – Kate Steciw & Rachel De Joode Berlin • Pinksummer – Italo Zuffi Genova • Vitrine – Leah Capaldi London • Jocelyn Wolff – Prinz Gholam Paris
+ Comitato di selezione: Simone Menegoi (coordinatore), curatore indipendente, Milano • Tobi Maier, critico e curatore indipendente, San Paolo • Natalia Sielewicz, curatrice Museo d’Arte Moderna, Varsavia
link ai link

 

ART EDITIONS
Sezione dedicata alle edizioni d’arte a livello internazionale, include 6 gallerie (5 italiane e 1 straniera) che presentano edizioni, stampe e multipli di artisti contemporanei
Alex Daniels- Reflex Amsterdam • Editalia Roma • L’Arengario S.B. Gussago • G. Maffei – G. Galimberti Torino • Danilo Montanari Editore Ravenna • Sudest57 Milano
+ Comitato di selezione: Isabella Bortolozzi, galleria Isabella Bortolozzi, Berlino • Paola Capata, galleria Monitor, Roma • Guido Costa, galleria Guido Costa Projects, Torino • Peter Kilchmann, galleria Peter Kilchmann, Zurigo • Norma Mangione, galleria Norma Mangione, Torino • Pedro Mendes, galleria Mendes Wood, San Paolo • Gregor Podnar, galleria Gregor Podnar, Berlino, Ljubljana • Jocelyn Wolff, galleria Jocelyn Wolff, Parigi
link ai link

 

EDITORI
Art Review ltd GB • Art*Texts*Pics I • ARTE – Cairo Editore Spa I • Arte e Critica I • ArteSera Produzioni I • Artforum International USA • Artribune I • CURA. magazine and books I • Drome magazine – Phlegmatics B • Elephant / Frame Publishers NL • Exibart Exibart srl I • Flash Art Politi Editore I • fruit of the forest magazine / FORTINO EDITIONS USA • Il Giornale dell’Arte U. Allemandi Editore & C. Spa I • Juliet Art Magazine I • Kaleidoscope I • Mousse Magazine and Publishing I • NERO – Produzioni Nero I • Occulto Magazine D • SEGNO I • Sleek Magazine D • spike – art quarterly A
link ai link

 

 

SHIT AND DIE - by Pierpaolo Ferrari

 

 

SHIT AND DIE

Artissima ha lanciato nel 2013 One Torino, un grande progetto espositivo annuale nato con l’obiettivo di rafforzare il ruolo di Torino e del territorio come luogo di avanguardia nella progettazione e produzione artistica, sia a livello nazionale che internazionale. La prima edizione della rassegna, realizzata in collaborazione con le maggiori istituzioni di arte contemporanea della città, ha proposto cinque progetti espositivi nei principali musei e fondazioni e in una prestigiosa sede storica nel centro di Torino, Palazzo Cavour.

La seconda edizione di One Torino consiste in un’esposizione unica e trasversale, radicata nel patrimonio sociale, politico e artistico di Torino, così come nella sua contemporaneità e nell’immaginario collettivo che evoca. La mostra si terrà in un gioiello architettonico del diciottesimo secolo: Palazzo Cavour.

Al fine di creare un progetto unico e originale in grado di coinvolgere attivamente la città e di estendere il concetto di exhibition-making e di arte contemporanea, Artissima ha invitato un curatore-non-curatore, un artista in pensione, un curioso che sa scoprire e far scoprire: Maurizio Cattelan, affiancato da Myriam Ben Salah, curatrice progetti speciali al Palais de Tokyo e Marta Papini, curatrice indipendente.

SHIT AND DIE prende la città di Torino come sua principale fonte di ispirazione: il filo narrativo della mostra è costellato da una serie di oggetti, di cui i curatori si sono impadroniti selezionandoli dalle collezioni meno convenzionali e da istituzioni affermate della città. SHIT AND DIE è concepita come la composizione più soggettiva, ossessiva, e irrazionalmente non esaustiva possibile: diverse storie, oggetti e opere d’arte si fondono in una narrazione coerente, che il visitatore può leggere come un unico racconto.

Insediato all’interno dell’architettura barocca di Palazzo Cavour, il progetto si radica in un altro tempo, quello in cui l’edificio era dimora di Camillo Benso Conte di Cavour, uomo di stato e figura di spicco nel processo di unificazione italiana. Cavour ha lasciato dietro di sé i resti fatiscenti del suo destino sia pubblico che privato, che infestano ancora le stanze del palazzo, si rivelano attraverso sottili indizi, memorie inattese e divagazioni immaginarie. Pur rivisitando la storia di Torino, la mostra suggerisce l’annullamento della storia del singolo uomo, dello spazio e della città, per estendersi a tormenti universali e a una visione sulla condizione umana in generale.

Il percorso è diviso in sette sezioni, ognuna delle quali ha come punto di partenza un oggetto specifico che fa da ancora tematica al progetto espositivo. Dal design d’interni dell’industria Olivetti alla forca del Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso”, allo scheletro del Professor Giacomini, un tempo Direttore del Museo di Anatomia Umana “Luigi Rolando”, alla collaborazione speciale tra Museo Casa Mollino e l’artista Yuri Ancarani: tutti questi elementi gettano una luce singolare sulla storia della città, sottolineando le sue ossessioni, i suoi feticci, i suoi segreti, messi a confronto con produzioni contemporanee. Attraverso associazioni deliberatamente fortuite e casuali, queste apportano ulteriori livelli di significato agli oggetti, creando un dialogo che distorce questi, le opere e la relazione che entrambi hanno con lo spazio.

Il progetto di Maurizio Cattelan, Myriam Ben Salah e Marta Papini suggerisce un’esperienza non lineare, costellata di domande e storie stimolate dall’intreccio tra le opere, lo spazio e la città.

La mostra è corredata da una pubblicazione, edita dalla casa editrice Damiani, che non si limita a commentare il percorso espositivo, bensì lo estende, arricchendolo di approfondimenti, suggestioni visive e contributi di artisti, filosofi e scrittori.

La mostra SHIT AND DIE sarà aperta al pubblico dal 6 novembre 2014 e terminerà l’11 gennaio 2015.

SHIT AND DIE Tumblr: shitndie.tumblr.com

 

PALAZZO CAVOUR
Via Camillo Benso Conte di Cavour, 8 – Torino

Orario durante la fiera:
6 novembre, ore 12 – 20;
dal 7 al 9 novembre, ore 10 – 20.
Sabato 8 novembre (Notte delle Arti Contemporanee): apertura straordinaria fino alle ore 23.

Orario al termine della fiera:
martedì – mercoledì – venerdì – sabato – domenica, ore 11 – 19;
giovedì, ore 15 – 21;
lunedì chiuso.

 

SHIT AND DIE / SEZIONI

 

1. THE ASSEMBLY LINE OF DREAMS
Basandosi sul concetto che la felicità può essere prodotta alla stregua di qualsiasi altro manufatto, la prima sezione della mostra si concentra sulle utopie architettoniche e urbane radicate nel contesto industriale torinese, caratterizzato dalla produzione e accumulazione di idee e oggetti. La sezione si sviluppa intorno alla ricostruzione degli interni dell’unità residenziale “Talponia” progettata da Gabetti e Isola alla fine degli anni ’60 su commissione di Adriano Olivetti, come epitome delle rappresentazioni urbanistiche ideali.

Eric DoeringerPascale Marthine TayouRoberto Gabetti e Aimaro Oreglia d’IsolaGuy Ben-NerDavide BalulaAlexandre Singh

 

2. ALDOLOGICA
La seconda sezione del percorso è una stanza interamente dedicata all’artista torinese Aldo Mondino, che risuona come una mostra nella mostra, autonoma ma in dialogo con le altre stanze del palazzo. Eclettismo culturale e ironia sono le coordinate per leggere la ricerca di Mondino, che racchiude in sé molte delle suggestioni e delle contraddizioni di cui SHIT AND DIE si è nutrita. L’interesse per il misticismo e la divinazione, la passione per i ritratti, l’arte applicata elevata al grado di arte ambientale e il rapporto dialettico con l’Arte Povera, sono temi dell’opera dell’artista torinese che sembrano offrire chiavi di lettura dell’intera mostra.

 

3. DOUBLE TROUBLE
Protagonista della sezione Double Trouble è “il potere” rappresentato in alcune delle sue declinazioni, di cui muna è il desiderio: uno sguardo, necessariamente incompleto, sul punto di vista maschile e femminile del rapporto tra corpo e potere. Le Polaroid di Carlo Mollino sono messe in relazione con opere di artiste donne che concentrano l’attenzione sul proprio corpo come affermazione di sovranità.

Carlo MollinoCarol RamaLynda BenglisVALIE EXPORTDorothy IannoneNatalia LLSarah LucasDasha ShishkinSylvia SleighAndra UrsutaAleksandra WaliszewskaLutz BacherJonathan HorowitzTracey EminZoe Leonard

 

4. IN EVENT OF MOON DISASTER
In event of moon disaster è il titolo della sezione che si riferisce a un documento riservato che istituiva un’unità di crisi con le procedure da adottare in caso di fallimento dell’allunaggio del 1968 e considera i rapporti tra il potere e la vanitas/vanità. La sezione costruisce una sorta di preambolo prima di arrivare al nucleo della mostra e introduce il tema della morte nella trama del percorso espositivo. Una trentina di artisti riconosciuti a livello internazionale sono stati chiamati a realizzare il ritratto di una personalità di Torino. I ritratti prodotti formano una galleria di dipinti caratterizzata da materiali, tecniche e stili diversi, che può essere considerata un osservatorio esteso sul senso della ritrattistica nella contemporaneità e sulla rappresentazione del potere oggi. In dialogo con i ritratti è posto lo scheletro del Professor Giacomini, prestito del Museo di Anatomia Umana “Luigi Rolando” di Torino di cui è stato fondatore.

ARTISTI // RITRATTI
Will Benedict // Marco Boglione • Thomas Braida / Valerio Nicolai / Emiliano Troco / Aleksander Veliscek // Piero Chiambretti, Luciana Littizzetto, Piero Angela, Umberto Tozzi, Marco Travaglio, Piero Fassino, Giuliano Amato, Achille Occhetto • Vittorio Brodmann // Oscar Farinetti • Valerio Carrubba // Gianni Minà • George Condo // Sergio Marchionne • Enzo Cucchi // Ida Giannelli • Lara Favaretto // Gianni Vattimo • Tim Gardner // Gigi Buffon, Alex Del Piero, Claudio Marchisio • Ramin Haerizadeh // Patrizia Sandretto Re Rebaudengo • Rokni Haerizadeh // Patrizia Sandretto Re Rebaudengo • Ewa Juszkiewicz // Carol Rama • Chao Kao // Mario e Marisa Merz • Nicholas Party // Don Ciotti • Yan Pei-Ming // Alighiero Boetti • Jim Shaw // Gustavo Rol • Claire Tabouret // Lapo Elkann • Ida & Wilfried Tursic & Mille // John Elkann and family, Rita Pavone, Mario Merz, Alba Parietti • Iris Van Dongen // Marisa Merz • Francesco Vezzoli // Carla Bruni • Matthew Watson // Eugenio Re Rebaudengo • Jakub Julian Ziolkowski // Guido Costa

Maurizio VetrugnoScheletro del Professor Giacomini Prestito dal Museo di Anatomia umana “Luigi Rolando”, Università di Torino • Petrit HalilajMyriam LaplanteJulius von BismarckStelios FaitakisRoman Signer

 

5. BITE THE DUST
La pena di morte come strumento di controllo è ancora oggi un tema discusso e attuale. La presenza della forca originale di Torino, attiva dal 1850 al 1865 tra Corso Valdocco e Corso Regina Margherita, nella stanza d’angolo che si affaccia sull’incrocio tra le vie Lagrange e Cavour, ripropone l’argomento, con un semplice spostamento dell’oggetto dal Museo Lombroso alla “piazza coperta” di Palazzo Cavour.

Forca di Torino Prestito dal Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso”, Università di Torino • Markus SchinwaldOrci in terracotta Prestito dal Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso”, Università di Torino • Luigi Ruatti

 

6. FETISH
La stanza che accoglie la sezione intitolata Fetish era originariamente sede dello studio di Cavour. Qui il tema viene suggerito attraverso la ricostruzione dell’ambiente, con mobili storici collocati però sotto un telo di plastica, come se il tempo si fosse fermato e le stanze fossero ancora abitate da una presenza del passato.

Contessa di Castiglione Fotografie Varie, circa 1863-1880

 

7. DEAD MAN WORKING
Protagonista della settima e ultima sezione di SHIT AND DIE è il contesto industriale torinese. Le opere esibite sono meccanismi temporizzati che vorrebbero indurre riflessioni sulla caducità di qualsiasi corpo, meccanico o umano e sull’inarrestabile scorrere del tempo, per la maggior parte sacrificato al lavoro.

Martin CreedFlorian Pugnaire and David Raffini

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+