Oltre il grottesco. Appunti sul cinema breve di Flavia Mastrella e Antonio Rezza

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

antonio-rezza-foto-ivan-talarico

Foto di Ivan Talarico

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numerodieci, dicembre 2008 (pag.12).

download. ALTA qualità 7.9mb | BASSA qualità 3.0mb | ANTEPRIMA


Oltre il grottesco. Appunti sul cinema breve di Flavia Mastrella e Antonio Rezza
di Ivan Talarico

Si direbbe con facili parole – surreale, folle, grottesco – il cinema di Antonio Rezza e Flavia Mastrella.
Ma una sera, parlando della simpatia dei dadaisti, rifiutarono a pié pari la mia idea… “nulla di quello che abbiamo fatto è grottesco, assolutamente” mi dissero, disancorandomi da quel pensiero. Eppure ero convinto che “grottesco” fosse una parola azzeccata. Debordavo verso la deriva. Derivando i miei concetti si espandevano a vista d’occhio… sentivo che non era un termine, non una sfumatura a sfuggirmi, ma un impianto… d’altra parte Antonio e Flavia sono equilibristi dei termini, quindi conservavo una certa diffidenza e la nutrita convinzione che in realtà i loro cortometraggi rientrassero nel “grottesco”.
Donne che partoriscono criaturi grossi e smorfiosi, misticanze curve di soli culi, visi deformati in inquadrature spazialmente ricercate, uomini vestiti da femmina…
Controllando rapidamente – mai sfinirsi nelle elucubrazioni – cosa fosse esattamente “grottesco” ho scoperto che “fa ridere offendendo e contraffacendo la natura in una maniera bizzarra”.
Ecco l’empasse favolosa in cui ero caduto!
Il cinema breve di Rezza e Mastrella non è uno specchio deformato del mondo, non vuole fare ridere e non è bizzarro: è un mondo parallelo, mentale, personale. Mi perdevo nei contenuti tralasciando l’intera dimensione estetica.
Il mondo che conosciamo ormai non ci stupisce più. E’ un insieme di regole codificate ed accettate, svilite negli anni e sottomesse alla ragione, che cercano di estirpare da noi l’entropia. Quello che fanno Rezza e Mastrella è semplicemente (…) creare un nuovo mondo, un nuovo sistema di regole, dandogli forma e dimensione su supporto video.

appunto 1: Antonio e Flavia si beano della leggerezza ed accessibilità del nastro magnetico rispetto alla pellicola, lo usano freneticamente producendo numerosi video. Disinteressati all’aspetto tecnico ne travalicano i limiti con soluzioni innate (privilegiare il bianco e nero ai colori imperfetti catturati dal sensore VHS, comporre il quadro su più piani e proporzioni per aumentare la poca profondità di campo, lasciare libera la macchina di esprimersi…)

Così quei film brevi che avevo visto su fuori orario non sono più esperimenti astrusi ai bordi del cinema: non hanno alcuna connessione con la storia del cinema, con la sperimentazione, con la comicità o i virtuosismi tecnici (il tecnicismo è la morte delle idee, mi disse pressapoco Flavia): sono corpi, spazi e materiali organizzati in nuove relazioni.
Nuove per chi le guarda, inevitabili e insostituibili per chi le ha prodotte. Cambiano le regole filmiche (non c’è sincronia tra labiale e immagine, il montaggio smette la logica, la sequenzialità e la spazialità…) ma non per gioco o velleità: devono coincidere con l’idea del “dio creatore”.

appunto 2: Il set nei film di rezza e mastrella è un misto di tensioni creative e sforzo cosmogonico. E’ il dio che partorisce mondi. Chi è coinvolto è abbandonato alle altrui idee. Capirà solo in seguito – forse alla fine, forse mai – quello che ha fatto. Il set è il caos, il film è l’ordine del mondo.

I cortometraggi sono, a detta dello stesso Rezza, degli sfoghi temporanei che il video riesce a cristallizzare. Costruiti su drammaturgie minime e surreali, portano con loro una purezza altissima, che è quella dell’attimo che li ha partoriti.

Nei primi corti, partogenesi del teatro, Rezza assume su di sè, come attore, tutti i caratteri (Deborah, La beata mancata) e gira da solo, su cavalletto, le scene. Se in questi corti l’impianto risente ancora di un controllo teatrale, presto il corto acquista struttura indipendente ed epica (Il vecchio dentro e Confusus rappresentano bene un modo di raccontare per miti autogenerati). Nella miriade di lavori alcuni aderiscono perfettamente al concetto di sfogo temporaneo, presentandosi come spaccati surreali di durata brevissima (Virus, Hai mangiato?, Porte). Altri ambiscono nella struttura al lungometraggio (De Civitate Rei, Torpore Internazionale) con un modo di raccontare più denso. Nelle diverse forme il video è un mezzo che restituisce ai due la folle padronanza di un’autarchia totale.

I corti di Rezza e Mastrella hanno sempre vissuto di vita propria: mai distribuiti ufficialmente, diffusi solo clandestinamente dagli appassionati. Antonio e Flavia, interrogati a riguardo, dicevano distratti di conservarli come discreta pensioncina. Come scheggia impazzita è invece uscito un dvd, “Ottimismo democratico” che ne contiene alcuni. Inevitabilmente già cult.
La mia curiosità è stata subito per “il passato è il mio bastone”, contenuto speciale presentato alla mostra del cinema di Venezia 08.
“Il passato è il mio bastone” è un apparato critico, un monumento in vita e gioventù che lega fuoriscena e iperscena.
I critici che hanno sempre supportato i due autori, scrivendone e presentandoli, sono presenti con interventi su Rezza e Mastrella alternati a momenti di backstage dei corti stessi. E’ qui che s’innesca una guerra dei mondi: tra l’immediatezza della creazione (inquadrature, spruzzi lattiginosi, “armando malato” e salti sul selciato…) e l’astrazione esegetica di chi cerca di spiegare dio, smarrendone il senso (critici di balsa, opinioni sincere, appunti scritti e letti). La “critica”, fissa e verbosa sebbene spesso giovane e amica, non riesce a rinunciare al vaniloquio, alla citazione, al paragone.
Ma anche io ho ceduto al mito, invece di leggere la semplicità delle opere. Forse perché non di semplicità si tratta. O forse perché ciò che è semplice per il creatore diventa un garbuglio inestricabile per chi, affascinato da nuovi mondi, li vuole spiegare con vecchie parole.

“Quante cose si potrebbero capire, se non fossero spiegate.” (Stanislaw Lec)

.

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numerodieci, dicembre 2008 (pag.12).

download. ALTA qualità 7.9mb | BASSA qualità 3.0mb | ANTEPRIMA

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+