Love is the Devil – Study for a Portrait of Francis Bacon > John Maybury

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Love Is the Devil01

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero11 gennaio’09 (pag.24)

free downoload 7.52.9anteprima

Il film di Maybury è una biografia non autorizzata (per questo non vi appaiono opere dell’artista) di Francis Bacon, che ricostruisce il travagliato rapporto tra il celebre pittore irlandese e il giovane ladro George Dyer, scoperto dall’artista nella sua casa durante un tentativo di furto e da quel momento incredibilmente divenuto suo amante (e modello) per sette tormentati anni (dal 1964 al 1971).
Nel film è ritratta la vita dissipata dell’artista (che ha ispirato a Bertolucci il personaggio di Brando in “Ultimo Tango a Parigi”), personaggio tanto ambiguo ed instabile, quanto ribelle ed anticonformista.
Ciò che emerge con forza è il suo individualismo estremo unito ad una apparentemente spensierata disinvoltura e crudeltà nei rapporti umani, la stessa che lo portava ad affermare: “io mi considero come una specie di macchina polverizzatrice… oggi non c’è più nessuno con cui parlare”. Bacon ne emerge come uno sregolato marginale, succube di una volontà soggiogata dall’istinto e incapace di rapporti umani profondi a causa del proprio radicale nichilismo, immerso nel suo atelier/fottitoio e dedito alla ricerca del piacere con qualsiasi mezzo: “amo vivere nel caos – il caos mi suggerisce delle immagini”. Ma è con la sua arte che Bacon raggiunge il sublime, lanciando manciate di pittura sulla tela, plasmandole selvaggiamente con le mani, con il pennello e con altri mezzi diretti e poco convenzionali (il coperchio/cerchio nel film): si tratta di affermare la propria presenza in tutta la sua “brutalità di fatto”, afferrando l’essenzialità del grido, la torsione, la stretta sessuale. I suoi personaggi vengono sbalzati violentemente in primo piano, i volti deformati e tumefatti, le carni (massacrate da rabbiose pennellate) issate su uno sgabello, una sedia o un letto, alla stregua di quarti di bue esposti in una macelleria. Un senso di costrizione ci attanaglia, in quanto sembra che i personaggi si siano volontariamente rinchiusi in una dimensione di prigionia. Francis Bacon li dipinge come figure che si contorcono urlando al mondo il proprio dolore.

“L’uomo sa ora che è soltanto un accidente, che è un essere completamente vano,
che deve interpretare la sua parte senza altro scopo o giustificazione che non siano le sue scelte”.

Maybury è sia regista (fu allievo di Jarman) che pittore e riesce miracolosamente a ricreare in pellicola le atmosfere dell’arte di Bacon, restituendoci intatto il suo messaggio ed evidenziando come tra arte e vita non vi siano, a volte, soluzioni di continuità. Maybury, aperte le valvole della sensazione, inventa un film dalle immagini straordinarie, grazie a numerosi sfolgoranti effetti visivi uniti a riprese assai originali. Il film appare pervaso dall’idea della corruzione e della fragilità della carne e, strutturandosi in brevi flash e sequenze improvvise sospese tra mondo reale e mondo onirico, visualizza osceni frammenti di esistenza ai quali risulta impossibile rimanere indifferenti.
Al centro di tutta la vicenda vi è la morte del suo amante George Dyer, suicidatosi in un albergo di Parigi nel 1971, alla vigilia della mostra dedicata a Francis Bacon dal Grand Palais. “E’ possibile che a partire dalla disperazione si arrivi a creare l’immagine più radicale, correndo rischi maggiori”.
Indimenticabile Derek Jacobi che, letteralmente, annulla la distanza tra attore e personaggio e grazie ad una recitazione viscerale e sofferta riesce a delineare contemporaneamente la difficoltà comunicativa emozionale, la strisciante paura della morte e la desolante ansia di solitudine dell’artista, annientato umanamente dalla sua lacerante ricerca artistica.

Love is the Devil – Study for a Portrait of Francis Bacon
di John Maybury (UK/1998, 94’)
con Derek Jacobi, Daniel Craig, Tilda Swinton, Anne Lambton, Adrian Scarborough





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page
  • vi vedo per la prima volta e voglio conoscervi meglio…