Capo d’Orlando (Me) // NOMADICA – Mostra itinerante per il cinema di ricerca (30 luglio – 3 agosto 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Nomadica - Capo d'Orlando 2015

NOMADICA
mostra itinerante per il cinema autonomo
dal 30 luglio al 3 agosto 2015
a CAPO D’ORLANDO (Messina)
proiezioni > workshop > incontri

Giunge alla sua VI edizione la mostra itinerante per il cinema autonomo organizzata da Nomadica, centro di diffusione e ricerca. Nel suggestivo scenario di Capo d’Orlando (Me) si alterneranno proiezioni, workshop ed incontri. Da Franco Maresco a Mario Brenta, la proposta di Nomadica rispetta coerentemente l’idea e la pratica di un cinema svincolato, fuori dai contesti dell’industria.

«Immagini anonime, segrete, “di famiglia”, ripensate e scartate, sbagliate, spiate, disturbanti, originate da altre luci o da altre ombre, d’altri tempi, da moti non canonici ma per questo stranamente quotidiane, forse più sincere seppur mai fragili. Immagini che (s)tracciano solchi, tra est e ovest, tra corruzione e macerie, tra vita e morte. “Immagini per mettersi al riparo” – come indica il titolo del workshop tenuto da Antonello Faretta – e con esse riflessioni, proiezioni, incontri per generare pensieri e nuove visioni. Nel fare cinema autonomo si è obbligati ad una ricerca continua, nel linguaggio quanto nelle possibilità anche spicciole di produzione, e ci si mette in gioco l’esistenza senza mezzi termini, il compromesso è impraticabile. Nel fruire il cinema autonomo si è obbligati a esser parte attiva, a non aspettare, a riscrivere, formulare e godere di un’esperienza che sarà certamente unica». (Nomadica)

Dal 30 luglio al 3 agosto nel suggestivo scenario di Capo d’Orlando (Me) che per il terzo anno consecutivo ospita Nomadica, si alterneranno proiezioni, workshop ed incontri. Il programma della “Mostra itinerante per il cinema autonomo” si articolerà in tre diversi momenti e spazi: gli “incontri aperti” della mattina presso la Pinacoteca, le proiezioni pomeridiane nella sala della Biblioteca Comunale, mentre la piazza del Miramare ospiterà la programmazione serale.

Aprirà questa VI edizione il cineasta Franco Maresco con il suo Belluscone. Una storia siciliana, che presenterà il film affiancato dal critico Bruno Roberti. Tra gli ospiti il regista e sceneggiatore Mario Brenta, outsider e maestro, tra i fondatori della storica Ipotesi Cinema ideata da Ermanno Olmi; il cineasta Antonello Faretta, che condurrà dal 28 luglio al 3 agosto il workshop gratuito “Dormiveglia mediterraneo. Immagini per mettersi al riparo” – quarto appuntamento del percorso di seminari partito lo scorso marzo da Bologna; il regista orlandino Vittorio Sindoni la cui serie “Siciliani” realizzata con Giuseppe Fava è stata presentata in diverse città italiane all’interno della retrospettiva di Nomadica “Prima che vi uccidano”. Centrale la collaborazione con Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia i cui rappresentanti Paolo Simoni e Mirco Santi introdurranno Catherine, magnifica opera realizzata a partire da un corpus di materiali amatoriali anonimi, che accompagna la storia di Home Movies fin dalle sue origini. Opere di Stan Brakhage e Nathaniel Dorsky saranno presentate in pellicola 16mm all’interno di un programma curato da Rinaldo Censi, studioso e scrittore. Altri incontri di rilievo quello con Luca Ferri, cineasta e autore di Abacuc, film “senza speranza” osannato alla XX edizione del Torino Film Festival, e Cristian Cappucci, che con il suo I Talk Otherwise ha realizzato un sorprendente road movie girato in 8 paesi e 7 idiomi dalla Germania alla Romania, dal Capitalismo al Comunismo, tra vecchia e nuova Europa. Tra gli altri approfondimenti previsti quello dedicato all’artista Leonardo Carrano e alle sue prime sperimentazioni di cinema d’animazione; la Sicilia dei primi anni novanta, laboratorio da cui nacque la “seconda repubblica”, in una versione appositamente ri-creata del film Città-Stato di Giuseppe Spina; la Grecia poetica, estranea, antica e moderna, alla ricerca di verità, nei film di Giovanna Cicciari e Daphné Heretakis.

Capo d’Orlando e le “giornate di Nomadica” come punto ex-centrico, in cui scambi ed esperienze si intrecciano alle molteplici visionarietà di un cinema ostinatamente autonomo.

 

Nomadica_CdO_OW

 

NOMADICA – MOSTRA ITINERANTE PER IL CINEMA DI RICERCA
Capo d’Orlando (Me) | 30 luglio – 3 agosto 2015

 

CREDITS
Realizzazione Associazione Nomadica
Programma e progetto Giuseppe Spina e Giulia Mazzone
Con il contributo di Comune di Capo d’Orlando
Con la collaborazione di LOC – Laboratorio Orlando Contemporaneo; Noeltan Film Studio; Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia
Con il contributo al programma di Rinaldo Censi
Assistente tecnico Mattia Biancucci
Proiezioni in 16mm Mirco Santi (Home Movies)
Grafica Leonardo Carrano
Ufficio stampa Luciana Apicella per Nomadica | con la collaborazione di Marila Re per LOC
Media Partner Rapporto Confidenziale

Per informazioni
www.nomadica.eu | info@nomadica.eu | +39 3889707631

DOWNLOAD – Press Kit (41.5 Mb)

Follow Nomadica on Facebook

Ufficio stampa | Luciana Apicella
M. 335 7534485 | luciana.apicella@gmail.com

Segreteria organizzativa
per la mostra: M. 388 9707631 | info@nomadica.eu
per il workshop: M. 389 0579461 | info@nomadica.eu

www.nomadica.eu

 

dormiveglia

 

DORMIVEGLIA MEDITERRANEO. IMMAGINI PER METTERSI AL RIPARO
Workshop cinematografico con Antonello Faretta
dal 28 luglio al 3 agosto

Quel crinale incerto tra il Sonno e la Veglia dove camminano precarie le immagini di confine tra sogno, realtà e finzione. Il dormiveglia è l’incubatore della Visione. Il Mediterraneo non è il luogo della luce bensì dell’ombra. Dormiveglia Mediterraneo è quello stato di grazia che produce immagini senza luce e senza macchine da presa. Immagini che fanno ombra, che mettono al riparo. (A.F.)

All’interno del percorso teorico/pratico che condurrà alla realizzazione di un film breve collettivo, sarà proiettata una selezione di lavori realizzati da Antonello Faretta.

Le iscrizioni gratuite – max 10 persone – sono aperte fino al 20 luglio.

Per avere più informazioni e partecipare occorre attenersi alle indicazioni del bando scaricabile dal seguente link: http://www.nomadica.eu/atelier/

 

nomadica2015_b

 

PROGRAMMA COMPLETO

 

30 LUGLIO

ore 21.45 | Miramare – Monte della Madonna
Ouvertures
a cura di Nomadica

a seguire
Belluscone. Una storia siciliana
un film di Franco Maresco (Italia, 2014, 95’)
Il film che avrebbe voluto raccontare il rapporto unico tra Berlusconi e la Sicilia, attraverso le disavventure dell’impresario palermitano di cantanti neomelodici, organizzatore di feste di piazza, Ciccio Mira – imperterrito sostenitore di Berlusconi e nostalgico della mafia di un tempo – e dei due artisti della sua “scuderia”, Erik e Vittorio Ricciardi, che in cerca di successo decidono di esibirsi insieme nelle piazze palermitane con la canzone scritta dal primo, dal titolo “Vorrei conoscere Berlusconi”.
Incontro con Franco Maresco e Bruno Roberti (critico e studioso di cinema e teatro)

31 LUGLIO

ore 10.30 | Colazione in Pinacoteca
Immagini per mettersi al riparo
Incontro aperto con l’intervento di Bruno Roberti (studioso di cinema, Univ. della Calabria) e Antonello Faretta (cineasta)

ore 18.45 | Biblioteca
Città Stato (‘92/’94)
un film di Giuseppe Spina
(Italia, 2009/2015, 40’ | da s-vhs girato tra il 1992 e il 1994)
introdotto dall’autore
Il materiale d’archivio S-Vhs che va a comporre questo lavoro è solo un piccolo frammento della parte oggi in rovina nei garage di numerose TV locali siciliane. E’ tra le poche prove storiche di quanto accadeva in Sicilia, in provincia di Catania, nel periodo compreso tra il 1992 e il 1994.

ore 21.45 | Miramare – Monte della Madonna
Catherine
un film di Home Movies, a cura di Mirco Santi e Paolo Simoni (proiezione in pellicola 16mm)
(40’, da un archivio ritrovato girato in 8, Super8 e 16mm, tra il 1949 e il 1975)
musica: Andrea Belfi, Xavier Garcia Bardon, Stefano Pilia
incontro con Paolo Simoni e Mirco Santi (Home Movies)
E’ un film realizzato a partire da un corpus di materiali amatoriali orfani e anonimi, che ripercorre la vita di Catherine, orgoglio di un’agiata famiglia francese, dalla nascita (1949) fino agli anni Settanta. Un’infanzia dorata, sempre sotto l’occhio ossessivo della cinepresa che registra un compleanno, la visita a un castello incantato, il vestitino da fata per il carnevale, i balli e i giochi di una piccola star. L’adolescenza tra viaggi studio e sci d’acqua e poi da giovane non più filmata dal padre ma dal compagno. Lei stessa impugna la cinepresa negli Stati Uniti dove forse si è trasferita, in luoghi esotici del Centro America e dell’Africa. La si ritrova poi da qualche parte in campagna, insieme agli amici, inquadrata ancora, ma la sua immagine scompare improvvisamente e per sempre.

a seguire
Abacuc
un film di Luca Ferri
(Italia, 2014, 85’, formato di ripresa Super8)
incontro con l’autore
Abacuc è un individuo di 198 chilogrammi. Ossessivo e ripetitivo, è “l’ultimo uomo”, forse un superstite. Passa il suo tempo prevalentemente al cimitero, in parchi tematici dell’Italia in miniatura o nei pressi di architetture utopiche. Riceve telefonate citazionistiche da un al di qua. Viene talvolta assorbito dai libri che legge e vive una relazione d’amore con una presenza che si rivelerà essere il suo doppio.

1 AGOSTO

ore 10.30 | Colazione in Pinacoteca
to Make Movies (at Home)
Incontro aperto con l’intervento di Paolo Simoni e Mirco Santi (Home Movies) e Luca Ferri (cineasta)

ore 19.00 | Biblioteca
Tempi inattesi | Immagini improvvise
(proiezione segreta con la presenza dell’autore)

ore 21.45 | Miramare – Monte della Madonna
Calle de la Pietà
un film di Mario Brenta e Karine De Villers (Italia, 2010, 59’)
incontro con gli autori
Calle de la Pietà è la cronaca reale e immaginaria dell’ultimo giorno di vita di Tiziano Vecellio, ventiquattr’ore tra il mattino del 26 agosto 1576 e il mattino successivo.
Per la prima volta nella sua vita, Tiziano è committente di se stesso: sta dipingendo un quadro, una Pietà, destinato alla sua sepoltura. Se l’arte è un illusorio, impossibile tentativo di cogliere un istante di vita da rubare al trascorrere del tempo, quest’ultima opera di Tiziano lo è in modo particolare perché egli stesso viene colto dalla morte prima di portarla a termine. In questo scenario – Tiziano muore durante un’epidemia di peste nella città di Venezia – gli è compagna una giovane donna: una modella, una servetta, una cortigiana? Nessuno lo ha mai saputo. Quel che è certo è che la sua figura rappresenta la vita, la vita che, più vive, più si attacca a se stessa, più inesorabilmente si avvicina alla morte. Come nell’isola di Lazzaretto Nuovo dove gli appestati, ricoverati a migliaia nei grandi padiglioni, cercano di lasciare disperatamente una traccia della propria esistenza, decorando i muri con scritte, piccoli disegni o soltanto nomi. Tracce disperate abbandonate al tempo e contro il tempo, anch’esse come tante anonime Pietà.

a seguire
Programma I _ a cura di Rinaldo Censi (tutte le proiezioni in pellicola 16mm)
Variations (un film di Nathaniel Dorsky, 1992-98, 24’)
Made Manifest (un film di Stan Brakhage, 1980, 11’)
Jane (un film di Stan Brakhage, 1985, 13’)
The Dead (un film di Stan Brakhage, 1960 – 11’)

2 AGOSTO

ore 10.30 | Colazione in Pinacoteca
Il quadro nel quadro
Incontro aperto con l’intervento di Rinaldo Censi (scrittore e programmatore), Mario Brenta (cineasta e docente Univ. di Padova) e Karine De Villers (cineasta)

ore 19.00 | Biblioteca
Le prime animazioni di Leonardo Carrano
sperimentazioni introdotte dall’autore

ore 21.45 | Miramare – Monte della Madonna
I Talk Otherwise
un film di Cristian Cappucci
(Italia-Svizzera, 2015, 139’, v.o. multilingue sottotitolata)
incontro con l’autore e Vanessa Zanini (produttore)
Realizzato attraversando 8 paesi e 7 idiomi, dalla Germania alla Romania, da Ovest a Est, dal Capitalismo al Comunismo, dalla Foresta Nera al Mar Nero. Come un’istantanea del XX secolo; il fiume diviene scia allegorica dei suoi cambiamenti, scorrendo dal passato all’avvenire dell’Europa. I talk otherwise è un film che tra vari propositi ha un’ardua finalità: “Rivisitare in chiave allegorica, le mutazioni sociali, le attitudini antropologiche, e le radici morali della vecchia e della nuova Europa, per disegnare la crisi della società moderna”.

3 AGOSTO

Ore 10.30 | Colazione in Pinacoteca
Nel senso che […]
Incontro aperto con l’intervento di Leonardo Carrano (artista e cineasta) e Cristian Cappucci (cineasta)

ore 19.00 | Biblioteca
Programma II _ a cura di Rinaldo Censi
Archipels, granites dénudés (un film di Daphné Heretakis, 2014, 26’)
Hyperion (un film di Maria Giovanna Cicciari, 2014, 40’)

ore 21.45 | Miramare – Monte della Madonna
Il concorrente (Gli anni struggenti)
un film di Vittorio Sindoni (Italia, 1979, 90’)
incontro con l’autore
Saverio, figlio di un pedagogo di Capo d’Orlando, è a Roma all’inizio degli anni sessanta per partecipare a un concorso. È assillato dagli insegnamenti del padre che ha come modello il pedagogo svizzero J. H. Pestalozzi, ma si innamora di Andreina, un’altra candidata, e non ha voglia di studiare, preferisce andare in giro per la città eterna con la ragazza. Non si presenta all’esame, ma il padre, giunto dalla Sicilia, lo costringe ad andare. Saverio manifesterà la sua ribellione al dispotico padre in maniera eclatante e come molti altri della sua generazione, lascerà la famiglia.

a seguire
Dormiveglia mediterraneo. 15’ di immagini per mettersi al riparo
film breve collettivo realizzato in occasione del workshop con Antonello Faretta
con la presenza dei partecipanti

 

Nomadica_CdO_locandina2015_LOW

NOMADICA- MOSTRA ITINERANTE PER IL CINEMA DI RICERCA
Capo d’Orlando (Me) | 30 luglio – 3 agosto 2015
www.nomadica.eu

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+