Locarno 68 // Palmarès completo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
Right_Now-Hong_Sangsoo

Jigeumeun matgo geuttaeneun teullida (Right Now, Wrong Then) di Hong Sangsoo (Corea del Sud/2015)

Locarno 68 ha emesso i suoi verdetti che,  puntuali come la morte, calano sulle scelte dei selezionatori, sopra i gusti del pubblico e quelli (sempre discordanti) della critica e si inscrivono nell’albo d’oro del più piccolo dei grandi festival. La terza edizione diretta da Carlo Chatrian va in archivio.

 

CONCORSO INTERNAZIONALE
La Giuria ufficiale del 68° Festival del film Locarno, composta da: Udo Kier (attore, Germania), Nadav Lapid (regista, Israele), Daniela Michel (direttrice di festival, Messico), MOON So-ri (attrice, Corea del Sud), Jerry Schatzberg (regista, Stati Uniti) ha deciso di assegnare i seguenti premi:

Pardo d’oro
Gran Premio del Festival, della Città di Locarno (90’000 CHF suddivisi in parti uguali tra il regista e il produttore) al film:
JIGEUMEUN MATGO GEUTTAENEUN TEULLIDA (Right Now, Wrong Then) di HONG Sangsoo, Corea del Sud

Premio speciale della giuria
Premio dei Comuni di Ascona e Losone (30’000 CHF suddivisi in parti uguali tra il regista e il produttore) al secondo miglior film:
TIKKUN di Avishai Sivan, Israele

Pardo per la miglior regia
Premio della Città e della Regione di Locarno (20’000 CHF) a: ANDRZEJ ZULAWSKI
per COSMOS, Francia/Portogallo

Pardo per la miglior interpretazione femminile
assegnato alle attrici: TANAKA SACHIE, KIKUCHI HAZUKI, MIHARA MAIKO, KAWAMURA RIRA
per HAPPY HOUR di HAMAGUCHI Ryusuke, Giappone

Pardo per la miglior interpretazione maschile
assegnato all’attore: JUNG JAE-YOUNG
per JIGEUMEUN MATGO GEUTTAENEUN TEULLIDA (Right Now, Wrong Then) di HONG Sangsoo, Corea del Sud

Menzioni speciali
Per la sceneggiatura di HAPPY HOUR di HAMAGUCHI Ryusuke, Giappone
Per la fotografia di Shai Goldman per TIKKUN di Avishai Sivan, Israele

 


 

CONCORSO CINEASTI DEL PRESENTE
La giuria presieduta da  Júlio Bressane (regista, Brasile), Fabrice Aragno (regista e direttore della fotografia, Svizzera), Clotilde Courau (attrice, Francia), Joanna Hogg (regista, Regno Unito) e Jay Van Hoy (produttore, Stati Uniti) ha deciso di assegnare i seguenti premi:

Pardo d’oro Cineasti del presente – Premio Nescens
del valore di 40’000 CHF suddivisi in parti uguali tra il regista e il produttore:
THITHI di Raam Reddy, India/Stati Uniti/Canada

Premio speciale della giuria Ciné+ Cineasti del presente
25’000 CHF per i diritti di diffusione, versati al distributore francese:
DEAD SLOW AHEAD di Mauro Herce, Spagna/Francia

Premio per il miglior regista emergente
20’000 CHF a:
LU BIAN YE CAN (Kaili Blues) di BI Gan, Cina

 


 

FIRST FEATURE

La giuria composta da Haden Guest (storico del cinema e direttore d’archivio, Stati Uniti), Roger Alan Koza (critico cinematografico, Argentina) e Cristina Piccino (critico cinematografico, Italia) ha deciso di assegnare il seguente premio:

Swatch First Feature Award (Premio per la migliore opera prima)
15’000 CHF ripartiti equamente tra regista e produttore alla migliore opera prima tra quelle presentate in Piazza Grande, nel Concorso internazionale, nel Concorso Cineasti del presente, in Fuori Concorso o in Signs of Life:
THITHI di Raam Reddy, India/Stati Uniti/Canada

Swatch Art Peace Hotel Award
una residenza da 3 a 6 mesi nello Swatch Art Peace Hotel di Shanghai a:
SINA ATAEINA DENA per MA DAR BEHESHT (Paradise), Iran/Gemania

Menzioni speciali
LU BIAN YE CAN (Kaili Blues) di BI Gan, Cina
KIEV/MOSCOW. PART 1 di Elena Khoreva, Russia/Estonia/Ukraina

 


 

PARDI DI DOMANI
La giuria presieduta da Milcho Manchevski (regista, Repubblica di Macedonia) e composta da Laura Bispuri (regista, Italia), Denis Klebleev (regista, Russia), Agustina Llambi Campbell (produttrice, Argentina) e Lorenz Merz (regista, Svizzera) ha deciso di assegnare i seguenti premi:

Concorso internazionale

Pardino d’oro per il miglior cortometraggio internazionale – Premio SRG SSR
del valore di 10’000 CHF:
MAMA di Davit Pirtskhalava, Georgia

Pardino d’argento SRG SSR per il Concorso internazionale
del valore di 5’000 CHF:
LA IMPRESIÓN DE UNA GUERRA di Camilo Restrepo, Francia/Colombia

Nomination di Locarno agli European Film Awards – Premio Pianifica
Premio Pianifica del valore di 2’000 CHF. Il Premio include la Nomination nella categoria cortometraggi degli European Film Awards:
FILS DU LOUP di Lola Quivoron, Francia

Premio Film und Video Untertitelung
Offerto dalla società Film und Video Untertitelung Gerhard Lehmann AG, sotto forma di sottotitolaggio in tre lingue dell’Europa centrale:
MAMA di Davit Pirtskhalava, Georgia

Menzione speciale
NUEVA VIDA di Kiro Russo, Argentina/Bolivia

Concorso nazionale

Pardino d’oro per il miglior cortometraggio svizzero – Premio Swiss Life
del valore di 10’000 CHF:
LE BARRAGE di Samuel Grandchamp, Svizzera/Stati Uniti

Pardino d’argento Swiss Life per il Concorso nazionale
del valore di 5’000 CHF:
D’OMBRES ET D’AILES di Eleonora Marinoni, Elice Meng, Svizzera/Francia

Best Swiss Newcomer Award
Premio sotto forma di buoni in prestazioni tecniche offerte da Cinegrell, Visuals SA, Freestudios SA, Taurus Studio, Avant-Première e Film Demnächst.
LES MONTS S’EMBRASENT di Laura Morales, Svizzera

 


 

PIAZZA GRANDE

Prix du Public UBS
il premio del pubblico “Prix du Public UBS” del valore di 30.000 CHF è assegnato al film:
DER STAAT GEGEN FRITZ BAUER di Lars Kraume, Germania

Variety Piazza Grande Award
Il Variety Piazza Grande Award è assegnato a un film presentato in prima mondiale o internazionale nella sezione Piazza Grande, da una giuria composta da alcuni critici della rivista specializzata americana Variety presenti a Locarno. Il premio si propone di ricompensare il film che meglio sa abbinare qualità artistica e potenziale commerciale, con l’intento di favorirne la carriera internazionale.
Il Variety Piazza Grande Award è assegnato al film:
LA BELLE SAISON di Catherine Corsini, Francia

 


 

GIURIE INDIPENDENTI E PREMI

Premio ecumenico
La Giuria presieduta da Catherine Wong (Cina) e composta da Martin Ernesto Bernal Alonso (Argentina), Gaëlle Courtens (Italia), Franz-Xavier Hiestand (Svizzera), Ola Sigurdson (Svezia), Thomas Wipf (Svizzera)
ha deciso di assegnare il suo Premio del valore di 20’000 CHF, messo a disposizione dalla Chiesa evangelico-riformata e dalla Chiesa cattolico-romana svizzera e legato alla distribuzione in Svizzera del film premiato, a:
MA DAR BEHESHT (Paradise) di Sina Ataeian Dena, Iran/Germania

Menzioni Speciali
BELLA E PERDUTA di Pietro Marcello, Italia
JIGEUMEUN MATGO GEUTTAENEUN TEULLIDA (Right Now, Wrong Then) di HONG Sangsoo, Corea del Sud

 

Premio FIPRESCI
(Federazione internazionale dei critici cinematografici)
La Giuria composta da Raphaële Bouchet (Svizzera), Nil Kural (Turchia), René Marx (Francia), Bhaichand Patel (India), Mateusz Werner (Polonia) ha deciso di assegnare il Premio della critica internazionale (Premio FIPRESCI) a:
SUITE ARMORICAINE di Pascale Breton, Francia

 

Europa Cinemas Label
La Giuria composta da Gabriëlla Boonen (Belgio), Ernest Huska (Repubblica Ceca), Daniel Melamed (Israele), Boglárka Nagy (Romania) ha deciso di assegnare il Premio Europa Cinemas Label, volto a favorire la distribuzione sugli schermi dell’associazione Europa Cinemas di un film scelto tra quelli del Concorso internazionale e del Concorso Cineasti del presente, a:
KEEPER di Guillaume Senez, Belgio/Svizzera/Francia

 

Premio Giuria dei giovani
La Giuria designata tra i partecipanti all’iniziativa Cinema & Gioventù e composta Livio Crivelli, Pietro Floris, Alessandro Guastalla, Michele Pozzi, Olmo Spinedi, Matteo Valsecchi, Alessandra Ortelli, Valentina Casadei, Kavita Albizzati, ha deciso di assegnare ai tre miglior registi dei lungometraggi presentati nel Concorso internazionale i seguenti premi offerti dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) del Cantone Ticino:

Primo Premio (6’000 CHF)
BELLA E PERDUTA di Pietro Marcello, Italia

Secondo Premio (4’000 CHF)
JAMES WHITE di Josh Mond, Stati Uniti

Terzo Premio (2’000 CHF)
HEIMATLAND di Lisa Blatter, Gregor Frei, Jan Gassmann, Benny Jaberg, Carmen Jaquier, Michael Krummenacher, Jonas Meier, Tobias Nölle, Lionel Rupp, Mike Scheiwiller, Svizzera/Germania

Premio “L’ambiente è qualità di vita” (3’000 CHF)
ENTERTAINMENT di Rick Alverson, Stati Uniti

 

La seconda Giuria dei giovani composta da Giada Crivelli, Donata Dettwiler, Timothée Zurbuchen, Maya Barenstein, Federico Talarico, Ferdinand Regent-Chappey, Giacomo Poli, Thanid Bossi, Anouk Chambaz, Mattia Calabrese, ha deciso di attribuire un premio del valore di 2’000 CHF al miglior film del Concorso Cineasti del presente:
OLMO & THE SEAGULL di Petra Costa e Léa Glob, Danimarca/Brasile/Portogallo/Francia

 

La terza Giuria dei giovani composta da Julie Mucchiut, Letizia Petrino, Claudia Campoli, Giulia Fasola, Sofia Talarico, Sofia Schwarz, Zeno Tamagni Lazzari, Ariele Sgheiza, Anna Citterio, Edoardo Nerboni, Charlotte Stamm, ha deciso di assegnare due Premi del valore di 1’500 CHF ai migliori cortometraggi del Concorso nazionale ed internazionale della sezione Pardi di domani.

Per il Concorso internazionale
DEAR DIRECTOR di Marcus Lindeen, Svezia

Per il Concorso nazionale
D’OMBRES ET D’AILES di Eleonora Marinoni, Elice Meng, Svizzera/Francia

Menzione speciale
HAUSARREST di Matthias Sahli, Svizzera

 

Premio FICC/IFFS
(International Federation of Film Societies)
La Giuria composta da Sara Cereghetti (Svizzera), Xavier Cairó (Spagna), Tea Gabidzashvili (Georgia) ha deciso di assegnare il Premio Don Quijote al film:
TIKKUN di Avishai Sivan, Israele

Menzione speciale
JAMES WHITE di Josh Mond, Stati Uniti

 

Semaine de la critique
La Giuria composta da Anke Leweke (Germania), Andreas Furler (Svizzera), Thierry Lounas (Francia)
ha deciso di assegnare il Premio SRG SSR/Semaine de la critique del valore di 8’000 CHF al film:
BROTHERS di Wojciech Staroń, Polonia

e il Premio Zonta Club Locarno per la promozione della giustizia e dell’etica sociale al film:
MÓW MI MARIANNA (CALL ME MARIANNA) di Karolina Bielawska, Polonia

 

Hong Sangsoo © Festival del Film Locarno / Massimo Pedrazzini

Hong Sangsoo © Festival del Film Locarno / Massimo Pedrazzini

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+