L’autunno caldo di canecapovolto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

canecapovolto_torino

Il Futuro è Obsoleto [1992-2002]


Verrà presentato a Torino il 14 Ottobre alle ore 20:30 all’interno della rassegna cinematografica Nutrire il dubbio la sperimentazione di canecapovolto, a cura di Massimo Causo per il Museo Nazionale del Cinema di Torino,  il cofanetto antologico “canecapovolto – Il Futuro è Obsoleto” edito in tiratura limitata da Malastrada.film, con la collaborazione della galleria gianluca collica e il patrocinio di Riso – Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia.

3 dvd contenenti 29 film per oltre 3 ore di visione, ed un libro, 96 pagine, con testi di Adriano Aprà, Vito Campanelli, Massimo Causo, Sandra Lischi, Livio Marchese, Helga Marsala, Salviano Miceli, Roberto Silvestri.


All’incontro parteciperanno: Massimo Causo, Canecapovolto e Malastrada.film


per informazioni e acquisti: info@malastradafilm.com


“Abbiamo lavorato e realizzato quest’edizione antologica, e ne cureremo la distribuzione in Italia e in Europa, perché consapevoli dell’enorme importanza del suo contenuto e del livello d’innovazione di tutta l’opera di canecapovolto. In un certo senso, con esso, si segna l’inizio di un’era non ancora visibile, d’una lieta danza macabra tra cinema e video in rotta verso un futuro ancora da ricordare”. malastrada.film

 

 

COMUNICATO STAMPA 

Il Museo Nazionale del Cinema presenta al Cinema Massimo

“Nutrire il dubbio. La sperimentazione di canecapovolto”

 

Mercoledì 14 ottobre 2009 – ore 20.30

Cinema Massimo Sala 3, via Verdi, 18 –Torino

 

Mercoledì 14 ottobre alle ore 20.30 nella sala Tre del Cinema Massimo, il Museo Nazionale del Cinema presenta l’ampia retrospettiva dal titolo Nutrire il dubbio. La sperimentazione di canecapovolto con la proiezione del film Programma # 3.

La proiezione sarà preceduta da un incontro con il curatore della rassegna Massimo Causo e con i componenti del collettivo canecapovolto Alessandro Aiello, Enrico Aresu e Alessandro De Filippo che presenteranno al pubblico il loro lavoro. Ingresso libero.

 

Inserito nella rassegna Un certo sguardo, il progetto è completamente dedicato al lavoro del collettivo catanese ed è organizzato dal Museo in collaborazione con la Galleria Gianluca Collica, Associazione Culturale e/static, Malastrada.film, Riso Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia.

 

Attivo sin dal 1992, il collettivo canecapovolto attraversa da sempre in modo trasversale il mondo dell’audiovisivo e in generale dell’arte: un percorso interdisciplinare vede il loro operato spaziare dal cinema al video, dalla realizzazione di film acustici ai collages su carta, dalle installazioni agli happening. Canecapovolto attua da sempre un progetto di sperimentazione atto a cercare nuovi linguaggi delle immagini, scardinandone l’ordine e tendendo a superare l’esperienza dello schermo, alla ricerca di una continua manipolazione mediatica che tenta di sabotare l’essenza

stessa del comunicare.

 

Da qui il significato del titolo della retrospettiva, Nutrire il dubbio: lo spettatore di canecapovolto fa costantemente esperienza dell’incertezza delle storie e della Storia, perché il collettivo svia la natura di partenza del testo, scardina la presunzione didattica dei testi scientifici irridendo l’ordine naturale delle cose, lascia emergere nei suoi lavori testi, artisti e pensatori coi quali si confronta con un’ironia serissima. Dai loro lavori si esce sempre straniati e con una sensazione di sconcerto.

 

Inoltre, Giovedì 15 ottobre 2009, la rassegna dedicata al collettivo vivrà un capitolo a parte, uscendo dalle sale del cinema Massimo, per mostrare altri aspetti del loro operare.

L’Associazione Culturale e/static presenterà infatti due eventi, uno alle ore 17 e uno alle 20.30 (entrambi allo spazio blank in via Reggio 27 a Torino), dedicati, il primo, alla loro dimensione performativa con Nemico Interno, il secondo alla loro produzione di ‘film acustici’, realizzata fra il 1997 e il 2005.

 

————————————-

Museo Nazionale del Cinema

Resp. Ufficio Stampa: Veronica Geraci

tel. 011 8138509 – cell. 335 1341195 – email: geraci@museocinema.it

 

 

 

MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA

un certo sguardo 14-18 ottobre 2009

 

Nutrire il dubbio.

La sperimentazione di canecapovolto

di Massimo Causo

 

Attraversare l’Opera del collettivo catanese canecapovolto – cosa che proponiamo con questa retrospettiva integrale – è qualcosa che ha a che fare con la pratica sempre incerta e spiazzante dell’essere Spettatori in un mondo in cui, debordianamente, “lo spettacolo nella società corrisponde a una fabbricazione concreta dell’alienazione”. Bisogna esser pronti a farsi alienare, a lasciarsi spostare alcuni passi più in là rispetto alla collocazione abituale della nostra logica di Spettatori, per riscoprirsi manipolati al pari dei suoni, delle immagini, dei frammenti percettivi messi insieme dagli autori.

Attivo sin dal 1992 in quel di Catania, ma abituato a percorrere gallerie, festival, happening in tutta Europa, il collettivo canecapovolto cerca da sempre di scardinare l’ordine esatto delle cose audiovisive, producendo un preciso e scientifico dissenso nelle finte realtà del mondo, nella loro raffigurazione che presume un sistema in grado di dare ad esse senso: situazionisti veri (anche se non credo abbiano mai voluto prenderne la patente…), da quasi due decenni quelli di canecapovolto cercano e praticano una sperimentazione che, se parte dal cinema (la pellicola manipolata, il found footage, il detorunement), in larga parte vi resta, pur cercando in realtà di superare l’esperienza dello schermo, la sua piana natura riflettente. E allora ecco che canecapovolto si spinge nei film acustici, nelle installazioni, negli happening (da non perdere quello di giovedì 15 alla Galleria E/Static: Nemico Interno), nei collages su carta e soprattutto nella complessità strutturale dei loro video (suddivisi in serie, percorsi, schegge, rielaborazioni continue, strutture parcellari da vedere a random…), in cerca di una continua manipolazione dell’immagine mediatica, tentando di sabotare quella che in fondo è l’essenza stessa del comunicare: la Verità!

Ecco perché Nutrire il dubbio: lo Spettatore di canecapovolto fa costantemente esperienza dell’incertezza delle storie e della Storia, perché il collettivo catanese svia la natura di partenza del testo, scardina la presunzione didattica dei testi scientifici irridendo l’ordine naturale delle cose, lascia emergere nei suoi lavori testi, artisti e pensatori coi quali si confronta con un’ironia serissima.

Dai lavori di canecapovolto si esce sempre con una sensazione di sconcerto, spiazzati e dispersi nel proprio statuto logico, ma anche vibranti di una entropica certezza. Provare per credere…

 

Nutrire il dubbio. La sperimentazione di canecapovolto, a cura di Massimo Causo, è un progetto del Museo Nazionale del Cinema, con la collaborazione di: Galleria Gianluca Collica, Associazione Culturale e/static, Malastrada.film, Riso museo d’arte contemporanea della Sicilia.

 

 

Cinema Massimo sala 3

 

Programma # 1

Italia 1992-2008, 86’, b/n e col.

MER 14, h. 16.00

SAB 17, h. 20.30

Dalle origini che omaggiano Stan Brakhage (Scraps Brakhage Stolen, ‘92: filmclip rumorista colorato e graffiato su Super-8) ai recenti “haiku” di 30” da vedere a random, che compongono la serie Stereo_Verso Infinito (’08). In mezzo: un film-saggio sensoriale sui situazionisti (Basic Autopsy Procedures, ‘96); l’incrocio tra lo Spione di Fritz Lang e un testo dell’artista psicogeografico Ralph Rumney (Run Hubbard Loop, ‘96); il malinconico e pensoso innesto di 11 poesie d’autore ignoto in territorio di found footage (Io, asino primo,’98); le stratificazioni di 5 cortometraggi “morali” (Conundrum, ‘01) e l’inquietante storia di un Dio che obbedisce alle esigenze dell’Uomo (God of Evil, ’05).

 

Programma # 2

Italia 1992-2009, 100’, b/n e col.

MER 14, h. 18.00

VEN 16, h. 16.00

La Guardia Nazionale (l’ultimo lavoro di canecapovolto, che si confronta con “L’uomo a tre gambe” di Giulio Evola), preceduto da alcuni lavori realizzati dal collettivo catanese negli anni ’90: Sleeping Electricity (’92, natura morta con corrente elettrica in animazione a passo uno); Angeli su due ruote (’93, primo esempio della serie “Plagium”: un finto

educational tra Penthouse e malattie veneree); Il grande dentista (’96, film-saggio tra “La Nera Signora” di Alfonso Di Nola e il cinema splatter); Mal d’Africa (’96, variazione fiction tra indagine antropologica e occulte presenze su un’isola); L’amara vittoria del Situazionismo (’97, 7 pièces tra teatro filmato e convenevoli di conversazione in inglese).

 

Programma # 3

Helmut Doppel: Alfa

Italia 2006, 40’, col.

MER 14, h. 20.30

VEN 16, h. 18.00

Un viaggio in disprezzo del Nord Magnetico, ovvero il cammino del protagonista verso Halle, dedicato a una parente malata. Ma Helmut ha deciso di muoversi unicamente in linea retta e la sua meta diviene ben presto un’idea irreale, astratta, irraggiungibile.

 

Prima della proiezione di mercoledì 14 incontro con Massimo Causo e il collettivo canecapovolto. Presentazione del box DVD Il Futuro è Obsoleto (Malastrada.film) che raccoglie e pubblica i primi dieci anni di attività video del gruppo – ingresso libero

 

Programma # 4

Italia 1993-2007, 81’, b/n e col.

MER 14, h. 22.30

VEN 16, h. 18.40

Helmut Doppel: Rectum (’06) è un’operazione che integra l’opera gemella “Alfa”. Behind Your Eyelids (’93) è una processione di immagini fotostatiche su pellicola già esposta. L’esercizio di cinema espressionista Endo und Nano (’93) è un racconto di amicizia ed eresia dentro lo stomaco della Società dello Spettacolo. Africa Addio (’96) è una tenebrosa filiazione tra il film di Jacopetti e alcune conversazioni telefoniche recitate. Lei è Karl Kraus, vero? (’97) fa incontrare il pensatore Karl Kraus con Elvis, W.Burroughs e i protagonisti del film Un Mostro e ½… Il corpo parlante (’99) mette in scena l’incontro tra due ex compagni di scuola che hanno preso strade diverse. An Example of Just and Fair Punishment (’06) è una lettura oblique del Vecchio Testamento sullo sfondo del sacrificio umano nel nome di Dio, Patria e Profitto.

Infine: tre sculture sonore concettuali dell’artista Anthony Hill e l’idea di “cromofonia” di

Christoph Heemann.

 

Programma # 5

Italia 1995-2008, 89’, b/n e col.

VEN 16, h. 20.30

DOM 18, h. 18.00

Si parte col “filmclip sottocutaneo” Beaten Meat Glamour (’96) e si procede con Storie di Monelli (’95), tentativo di volgarizzare il Surrealismo praticandolo; La Septieme Operation (’98) è un’operazione di found footage da un filmato medico didattico muto; La parola che cancella (’99), è un’incursione nella coazione della parola detta. Infine Impero (’03) e The Pentagon Tv Commercials (’04) offrono una duplice irrisione belligerante tra Nuovo Ordine Mondiale e Propaganda. Il tutto attraversato da altri “droni” della serie Stereo_Verso Infinito (’08).

 

Prima della proiezione di venerdi 16 incontro con Massimo Causo, Giuseppe Gariazzo e il

collettivo canecapovolto.

 

Programma # 6

Italia 1994-2008, 88’, b/n e col.

VEN 16, h. 22.30

DOM 18, h. 16.00

Il programma propone alcuni tra i migliori lavori della serie “Plagium”: Borghesi col vizietto dell’Arte (’97) e La pittura presagista di Luigi Battisti (’97) sono due riflessioni sulla natura contro-rivoluzionaria del “sentimento creativo”, mentre F for Fake: the Black Sun (’97) elabora Mitologia e Scienza accostando “chiazze di degenerazione retinica, l’assordante battito dei 50 hertz ed il culto del dio Mitra”; Evil Pop (’96) e Unclean Pop (’97) sono esempi di videoclip apocrifi basati sul detournement di Take That, Abba, Elvis Presley e Current 93; L’attacco col fuoco (’97) è infine uno struggente detournement sulla “violenza della Religione” attraverso i versi di Derek Jarman, le riflessioni di Bertrand Russell sull’agnosticismo e alcune sequenze da Le Grand Bleu di L.Besson e Africa Addio di G.Jacopetti. Inoltre: in Invasione (’94) una malattia collettiva immaginaria elabora la “realtà” concreta dell’allucinazione; Nickel (’00) è un esperimento con solvente su code numerate di pellicola; Stereo #1 (’02) accorpa 30 brevi sequenze numerate cercando inedite possibilità narrative.

 

Programma # 7

Italia 2002-2007, 92’, b/n e col.

SAB 17, h. 22.30

Uomo Massa (’07) è un saggio tagliente sull’agonia dell’uomo contemporaneo, mediocre e conservatore, scandito da poesie anticlericali e antimilitariste, condotto sulla base degli scritti di Ortega y Gasset. Gay Film (’02) si propone come “appunti per un atlante omoerotico” partendo dal confronto con la “Confraternita dei ginnasti nudi”… Infine Aaron:il guerriero digitale (’05) è un’immaginaria inchiesta condotta sul corpo di un ritardato, reduce da tutte le guerre, nella cui mente convivono “patriottismo infantile e cinismo estremo”.

 

 

Cinema Massimo

 

MER 14, h. 20.30 – ingresso libero

incontro con Massimo Causo e canecapovolto.

 

Presentazione del box DVD ‘Il Futuro è Obsoleto’ edito in tiratura limitata da Malastrada.film che

raccoglie e pubblica i primi dieci anni di attività video del gruppo.

 

3 DVD, 29 film per un totale di oltre 3 ore di visione, prodotti lungo il decennio 1992 – 2002.

Un libro contenente nuovi articoli ed interviste.

Film e testi in doppia lingua, italiano e inglese.

“Abbiamo lavorato e realizzato quest’edizione antologica, e ne cureremo la distribuzione in Italia e in Europa, perché consapevoli dell’enorme importanza del suo contenuto e del livello d’innovazione di tutta l’opera di canecapovolto. In un certo senso, con esso, si segna l’inizio di un’era non ancora visibile, d’una lieta danza macabra tra cinema e video in rotta verso un futuro ancora da ricordare”. m.f.

Include testi critici di : Adriano Aprà, Vito Campanelli, Massimo Causo, Sandra Lischi, Livio Marchese, Helga

Marsala, Salviano Miceli, Roberto Silvestri.

Per acquisti e informazioni : info@malastradafilm.com

 

VEN 16, h. 20.30

incontro con Massimo Causo, Giuseppe Gariazzo e canecapovolto.

 

 

canecapovolto a e/static

spazio blank, via Reggio 27

GIO 15, h. 17.00 – h. 18.30 : ‘Nemico Interno’ (happening)

GIO 15, h. 20.30 : ‘Film Acustici’

 

Equipaggi di 15 persone vagano per la città ascoltando in un lettore mp3 istruzioni per un percorso. Nel racconto la città è stata suddivisa in 23 settori tematici. Incontri fortuiti, segnali stradali ed altri elementi stabiliranno in maniera del tutto casuale la rotta di ogni viaggiatore, stravolgendo la sua percezione del Tempo e dello Spazio.

È il viaggiatore stesso il nemico interno che percorre le budella della città. Il progetto è ispirato al racconto di H.G.Wells “Il giocatore di cricket”.

 

Giovedì 15 ottobre 2009 la rassegna dedicata al collettivo catanese canecapovolto vivrà un capitolo a parte, uscendo dalle sale del Cinema Massimo, per mostrare altri aspetti del loro operare.

L’associazione culturale e/static presenterà infatti due eventi, uno pomeridiano e uno serale, che ineriscono, il primo, Nemico Interno, la dimensione performativa, il secondo la loro produzione di ‘film acustici’, realizzata fra il 1997 e il 2005.

Nel primo evento, due ‘equipaggi’ di 15 persone ognuno si ritroveranno, alle ore 17 e alle ore 18.30, al punto di partenza (lo spazio blank in via Reggio 27, a Torino) di un ‘percorso guidato’: tutti i partecipanti saranno dotati di un walkman collegato a un file in MP3 che trasmette indicazioni, perentorie quanto subdole, su itinerari che, se seguiti alla lettera, si traducono in un invito a perdersi per le vie di un quartiere cittadino (in questo caso, il torinese Borgo Aurora).

Il secondo avrà inizio nella serata dello stesso giorno, alle ore 20.30 sempre nella sala grande dello spazio blank, con un incontro fra il pubblico e i tre membri del collettivo, per fare luce su questi aspetti forse meno noti della loro attività, ma che girano intorno agli stessi temi affrontati nella loro produzione filmica e video. Durante la serata saranno “diffusi” stralci dei film acustici realizzati dal collettivo.

 

Entrambi gli eventi fanno parte di visionair-09, rassegna annuale di eventi performativi organizzata da e/static e curata da Carlo Fossati, giunta quest’anno alla sua nona edizione (per maggiori informazioni consultare www.estatic.it).

La partecipazione all’happening è gratuita.

Per prenotazioni scrivete a:info@estatic.it

oppure a: canecapovolto@gmail.com

La durata di ognuno dei 2 happening (con partenza rispettivamente alle ore 17.00 e 18.30) sarà di circa 60 minuti.

 

 

 

Malastrada Film

canecapovolto

Nutrire il dubbio – programma completo (pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
  • Giulio Tomasi

    Salve,mi chiamo Giulio Tomasi sono uno studente di Siracusa e sto facendo una tesi sull’opera di Canecapovolto, volevo sapere se era possibile utilizzare l’introduzione di Massimo Causo,con relativa citazione dell’autore, sul collettivo catanese all’interno della mia opera.
    Grazie
    Giulio Tomasi

  • Non saprei dirti… credo comunque che per una tesi non vi siano problemi di sorta… ti consiglio comunque di contattare il collettivo catanese, così che magari possano aiutarti per la tua tesi…. A.G.