Convegno “Cinema, storia, memoria”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

romacittaaperta

CINEMA, STORIA, MEMORIA

19/20 OTTOBRE 2009

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI CATANIA/CORO DI NOTTE DEL MONASTERO DEI BENEDETTINI

 

Convegno “Cinema, storia, memoria” (Catania, 19-20 ottobre 2009)

lunedì 19 e martedì 20 ottobre 2009, ore 10

Monastero dei Benedettini, Coro di Notte

piazza Dante, 32 – Catania


L’idea costitutiva del convegno nasce dalla considerazione che la nostra società (e soprattutto i giovani) non sembra avere conoscenza se non del presente, avendo perduto memoria e coscienza del passato. Crediamo che un popolo “senza memoria” abbia smarrito la propria identità e non sia capace di produrre cultura e di vivere produttivamente la democrazia.

Paradossalmente il cinema, considerato dai più occasione di intrattenimento e di evasione, costituisce uno dei maggiori possibili strumenti di documentazione e di conoscenza storica. Un immenso inventario di vicende, storie, scenari, oggetti, personaggi, ambienti sociali, panorami e volti, quasi totalmente inutilizzato, dimenticato, occultato e sempre frainteso. Il Centro Studi Cinematografici, in funzione della sua vocazione “educativa”, ha proposto all’Università di Catania un convegno ( i cui atti verranno raccolti in un libro, rivolto soprattutto al mondo della scuola e dell’animazione culturale) che analizzi le infinite possibilità del cinema come strumento di conoscenza e coscienza storica.

Non si tratterà tanto di ripercorrere la tradizionale bipartizione (e conseguente catalogazione) di Marc Ferro fra cinema come “riflesso della storia” e “cinema agente di storia”, quanto di verificare i meccanismi produttori di senso dei singoli film, il loro rapporto con gli spettatori, le loro strutture narrative e linguistiche.

Né basterà affrontare il cinema in termini sociologici. Se è vero che qualsiasi film, anche il più orrendo “cinepanettone”, può dirci molto della società che l’ha prodotto e di cui è il riflesso, rimangono poco chiari gli strumenti interpretativi, le mediazioni culturali, le analisi linguistiche da mettere in campo, soprattutto da parte di chi vuole “fare storia” anche il cinema di “consumo””. Il lavoro di Pierre Sorlin sul cinema del Neorealismo potrebbe essere un’indicazione di metodo ancora valida.

Ci sembra che molte siano le domande insolute: cos’è un film “storico”? quali dovrebbero essere le caratteristiche di un “buon” film storico? Se funzione del film storico dovrebbe essere quella di produrre curiosità, attenzione e metodo critico nell’approccio agli avvenimenti storici, quali sono i film capaci di suscitare questi atteggiamenti negli spettatori?

Crediamo che la lezione di Ejzenstejn circa la necessità di una compresenza fra pathos, dialettica delle immagini e unità organica dell’opera filmica sia ancora valida (cfr. il saggio “La struttura del film”, 1939).

Così come riteniamo fondamentali alcune riflessioni di Claude Lanzmann su storia e ricordo, in un’intervista del ’98 (ora nel libro di accompagnamento al DVD pubblicato da Einaudi) a proposito del suo fondamentale Shoah. Circa l’inutilità delle visite turistico-scolastiche ad Auschwitz egli afferma: “Auschwitz non si visita, bisogna arrivarci carichi di sapere (…) Bisogna vedere e sapere, sapere e vedere, indissolubilmente. E’ un lavoro straziante”. E a proposito dell’impossibilità (e delle false illusioni) del ricordare: “Shoah non riguarda il ricordo, riguarda l’immemorabile (…) E’ molto più forte e implacabile del ricordo o della memoria. A questo immemorabile, a quest’abolizione della distanza tra passato e presente, ci tengo come alla pupilla dei miei occhi: è la mia verità, è la verità del film”.

Chiediamo quindi agli studiosi che abbiamo invitato al Convegno di Catania il doppio impegno di interpellare la complessità e l’ambiguità del “film storico” e di proporre agli educatori nuovi e necessari itinerari didattici. (Flavio Vergerio – Vice Presidente del Centro Studi Cinematografici)


Relazioni al convegno

– Carlo Tagliabue (Presidente CSC – Univ. Perugia): Il film come documento antropologico.

– Enrico Iachello (Rettore Università Catania): La figura garibaldina nel cinema (tit. provv.).

– Fabrizio Borin (Fac. Lettere Univ. Venezia): Storia e memoria in Tarkovskij.

– Vittorio Curzel (Trento): proiezione del film “Nach Dresden” e relazione “Il cinema e la Shoah:. Come raccontare l’indicibile?”

– Sebastiano Gesù (CSC– Univ. Catania – Direttore Etna Film Festival): Cinema risorgimentale: storia di una rivoluzione mancata.

– Tullia Giardina (Univ. Catania): Didattica della storia fra documento, letteratura e cinema (tit. provv.)

– M. Grazia Pannebianco (Univ. Catania): relazione da definire.

– Salvatore Lupo (Univ. Catania): Cinema e mafia (tit. provv.)

– Flavio Vergerio (CSC): Modelli narrativi fra ricordo, oblio e memoria nel cinema di Alain Resnais

– Luciano Granozzi (Docente di Storia Contemporanea – Univ. Catania): Cinema e storia sulla
“American Historical Review”, ovvero come gli storici leggono i film.

– Margherita Bonomo ( Univ. Catania) : I cinegiornali italiani.


Saggi per il libro

– Antonio Costa (Università Architettura Venezia): La fabbrica del tempo: storia e storiografia del cinema; tempo vissuto e tempo storico.

– Paolo Castelli (CSC): Per una didattica della Storia attraverso l’immaginario cinematografico (tit. provv.)

– Giancarlo Zappoli: Cronaca e storia dell’Italia moderna fra letteratura, cinema e televisione (la vicenda della “Banda della Magliana”).

– Giulio Fedeli (CSC): Il cinema del Fronte Popolare.

– Marco Massara (CSC): Il cinema di fronte al Muro di Berlino.

– Elio Girlanda (CSC – Univ. Roma): Memoria e nuovi media.

 

Il libro

Oltre ai testi delle relazioni e dei saggi commissionati il volume, che verrà pubblicato a seguito del convegno, raccoglierà interviste a studiosi del cinema e registi che hanno prediletto scenari storici.

Fra i primi (in parte già intervistati):

Gianni Rondolino, Peppino Ortoleva, Franco Prono, Gianni Canova, Francesco Casetti, Gian Piero
Brunetta, Alberto Abruzzese, Miro Gori, Giovanni De Luna.

Fra i registi:

Francesco Rosi, Giuseppe Ferrara, Ettore Scola, Mario Monicelli, Pasquale Scimeca, Roberto Faenza, Emidio Greco, Marco Tullio Giordana…

 

convegno_storiaememoria

 

***

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI CULTURA CINEMATOGRAFICA. – Via Gregorio VII, 6 – 00165 Roma – tel. 06.6382605

http://www.cscinema.org

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+