“Piero della Francesca e il polittico della misericordia” al DOC FEST

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

pierodellafrancesca

DOMENICA 18 OTTOBRE ore 22:00

Cinema Azzurro Scipioni – Via degli Scipioni 82, Roma | SALA LUMIERE

 

Anteprima DVD:

Piero della Francesca e il polittico della misericordia

Regia di Federico Greco (Italia/2008, 53’)

(DOC FEST | FESTA INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA)

 

“Oso quindi affermare che nei suoi momenti quasi universalmente reputati supremi, l’arte è sempre stata ineloquente come in Piero della Francesca, sempre, come in lui, muta e gloriosa” (Bernard Berenson)

 

Dopo due anni di lavoro al seguito di una complessa operazione di restauro e conservazione di una delle opere più importanti di Piero della Francesca – Il Polittico della Misericordia – il DVD del documentario viene distribuito nei musei italiani.


“Piero e il Polittico della Misericordia” è oggi il lavoro più attuale sulla figura del genio quattrocentesco, pittore universalmente riconosciuto come uno dei padri della prospettiva.


Il racconto della gigantesca opera di restauro, conservazione e indagine sul Polittico è solo il pretesto per tentare di risolvere alcuni degli enigmi della figura più complessa e affascinante della sua epoca, amata da Pasolini e Kubrick.


Il Polittico è infatti una straordinaria metafora del mistero della vita e dell’arte di Piero, di cui sono rimaste poche opere e ancor meno informazioni sulla vita. Dal 1462, anno della sua definitiva realizzazione – dopo ben 15 anni di lavoro – il Polittico è stato smembrato, spostato e malamente ricollocato.


Oggi una nutrita equipe di esperti, scienziati e storici internazionali, utilizzando le tecnologie più moderne, cerca di ricostruire la disposizione originale delle 15 tavole che lo compongono, affrontando il rischio di un’indagine pericolosa e minuziosa.

 

 

Se Piero della Francesca fosse vissuto nel ventesimo anziché nel quindicesimo secolo, molto probabilmente non si sarebbe dedicato all’arte visiva per eccellenza, la pittura, bensì a quella conosciuta col numero sette, il cinema. Plausibilmente lo avremmo anche annoverato tra i grandi registi cinematografici del secolo da poco conclusosi, ed il suo nome sarebbe stato addirittura accostato a quello di maestri del cinema come David Wark Griffith ed Orson Welles. Questo perché Piero, nel suo fare arte, si è seriamente posto i problemi della luce, del colore e dello spazio, e si apriva continuamente agli orizzonti e ai rischi della sperimentazione tecnica. Era un artista (ed un uomo) che andava oltre il suo tempo, e perché no, estremamente vicino al cinema. Non è quindi un caso che la folgorazione figurativa della pittura dell’artista di Sansepolcro porti Pier Paolo Pasolini a tramutarla in carne ne “Il vangelo secondo Matteo”, o abbia addirittura catturato l’interesse di Stanley Kubrick. Inevitabile quindi che la sua arte e le sue opere avrebbero prima o poi incrociato l’obiettivo della macchina da presa. Federico Greco, giovane regista con già all’attivo una considerevole esperienza da documentarista, stavolta si addentra con sincero pudore e profondo rispetto all’interno dell’affascinante mistero che avvolge Piero della Francesca e le quindici tavole che compongono il suo Polittico della Misericordia, originariamente realizzato per la chiesa della Confraternita della Misericordia di Borgo Sansepolcro, e posto di recente ad una complessa operazione di restauro e conservazione. Dopo un brevissimo prologo ed un capitolo completamente dedicato alla vita del pittore e matematico toscano, infatti, Greco penetra nello studio della sua prima opera documentata, e lo fa partendo dalle sue origini fino ad arrivare all’ultimo restauro. Le informazioni su quest’ultimo, vero punto d’attrattiva del documentario per una nuova lettura del Polittico e del lavoro su di esso realizzato da Piero, sono pressoché complete ed esaustive, anche perché impreziosite dai numerosi interventi di esperti e studiosi in materia (…). Ancora una volta ci si rende comunque conto di come il lavoro che concerne l’arte visiva, ed in questo caso il suo restauro, sia estremamente vicino al cinema: in entrambi i casi si tratta infatti di un lavoro d’équipe, dove ogni risposta va incrociata per essere cucita insieme, così da fare un passo avanti fino ad arrivare all’opera finale. Il restauro, il cinema. (…)

Ottima l’iniziativa di un documentario che illustra e commenta i lavori di restauro compiuti sulla prima opera provata del grande maestro della prospettiva Piero della Francesca, il Polittico della Misericordia conservato nel Museo Civico di Sansepolcro.

(Sentieri Selvaggi)

 

 

***

http://www.myspace.com/pierodellafrancesca

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+