Monte Hellman al Lumière

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

monte_hellmanMonte Hellman al Lumière
Incontro con il regista e presentazione del volume edito dalla Cineteca del Comune di Bologna
 

Giovedì 29 e sabato 31 ottobre – Cinema Lumière (incontro con il regista)

Venerdì 30 ottobre – Cinema Lumière (presentazione del volume) 

Cinema Lumière – via Azzo Gardino 65, Bologna 

A coronamento della retrospettiva a lui dedicata dalla Cineteca (fino al 31 ottobre), il regista Monte Hellman sarà al Cinema Lumière per due incontri con il pubblico: giovedì 29 ottobre, al termine della proiezione di La sparatoria (inizio ore 20.15), e sabato 31 al termine di Amore, piombo e furore, accompagnato da Fabio Testi, protagonista del film (inizio ore 20). Venerdì 30 alle ore 20.15, in occasione della proiezione di Iguana, presentazione del volume American Stranger. Il cinema di Monte Hellman edito dalla Cineteca di Bologna, prima monografia in italiano dedicata al cineasta newyorkese. Sarà presente il curatore, Michele Fadda. Il libro, già in vendita on-line sul sito della Cineteca di Bologna, sarà disponibile in tutte le principali librerie italiane da metà novembre al prezzo di 12 Euro. 

per saperne di più: www.cinetecadibologna.it/news/n_69 

copertinahellmanAmerican Stranger. lI cinema di Monte Hellman

 a cura di Michele Fadda

Edizioni Cineteca di Bologna, Bologna 2009, pp. 180

Formato 15×21

Isbn 978-88-95862-24-8

 

La prima monografia italiana dedicata a un grande indipendente off Hollywood, l’autore di La sparatoria e di Strada a doppia corsia, il produttore delle Iene di Tarantino. Il ritratto di un autore di culto e della sua America crudele.

 

In uscita nelle librerie a metà novembre. In vendita online sullo store della Cineteca del Comune di Bologna. LINK

 

Il primo libro italiano intorno all’opera di uno degli autori cult del cinema indipendente americano tra anni Sessanta e Settanta. Proveniente dalla factory di Roger Corman, Hellman si rivela con La sparatoria e Le colline blu, western come mai se n’erano visti, indimenticabili per quel loro coniugare polvere da sparo, teatro dell’assurdo, paesaggio metafisico e ritmi nouvelle vague. Il film che lo consacra definitivamente, nel 1971, è Strada a doppia corsia, un road-movie e una desolata visione dell’America che molti, nel tempo, hanno considerato più matura e consapevole dello stesso Easy Rider. Regista legato ai fermenti dell’ultima stagione ‘eroica’ (ovvero antieroica) del cinema americano, Hellman ha avuto una parentesi italiana con un nuovo western dai toni accesi, Amore piombo e furore, e una lunga, variegata attività televisiva. Attraverso una serie di saggi originali di studiosi di cinema e cultura americana il libro analizza la vita e i film di un ‘irregolare’ amatissimo dai cinefili e soprattutto dai cinefili europei. Con un’intervista inedita e la riproposta, in traduzione, di materiali apparsi su riviste americane.

Michele Fadda insegna storia del cinema nordamericano al Dams di Bologna. Ha pubblicato i volumi Scritture del visibile. Itinerari del “vedere” e del “dire” tra cinema e letteratura (Roma, 2004) e Il cinema contemporaneo. Caratteri e fenomenologia (Bologna, 2009). Ha curato studi sull’animazione americana (con Fabrizio Liberti), Takeshi Kitano (con Rinaldo Censi) e sui generi hollywoodiani.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+