Palermo // Sicilia Queer 2017 – Workshop con Claire Simon

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

WORKSHOP 2017
CLAIRE SIMON
PALERMO 2/06/2017 – 9/06/2017

 

Fare documentari significa
credere nella rivelazione del cinema,
la rivelazione più semplice e radicale:
che il presente si trasformi in presenza
che un’azione diventi storia
che un uomo diventi un eroe
che un posto qualsiasi diventi un luogo.
È forse più chiaro?
Come vi pare.

Claire Simon

 

PRESENTAZIONE

Claire Simon è una regista francese nata a Londra. Formatasi inizialmente come montatrice, ha realizzato cortometraggi di finzione. Nei prestigiosi Ateliers Varan studia il cosiddetto direct cinema, corrente documentaristica nata nel Nord America a metà del secolo scorso (1952- 1964) e resa celebre in Francia da Jean Rouch. Di questo periodo sono i film Les patients (1989), Coûte que coûte (1995) e Récréations (1998) che vengono selezionati in numerosi festival cinematografici, regalandole non pochi premi e che vengono distribuiti in sala. Nel 1997 il suo primo lungometraggio di finzione Sinon, oui è presentato alla Quinzaine des Réalisateurs durante il Festival di Cannes. Tre anni dopo è il turno di Ça, c’est vraiment toi (2000) con cui vince il Gran Premio al Belfort Film Festival. Pensato per la televisione, il film le permetterà di sperimentare l’ibridazione tra documentario e film di finzione. Dopo una breve parentesi teatrale ritorna al documentario: 800 km de différence – Romance (2002) e Mimi (2003) che sarà presentato al Festival di Berlino. Nel 2006 e nel 2008, Claire Simon torna al Festival di Cannes, di nuovo nella sezione Quinzaine des Réalisateurs, rispettivamente con Ça brûle, suo secondo lungometraggio di finzione, e Les Bureaux de Dieu, dove ripropone il mélange tra documentario e finzione. Con Gare du Nord (2013) Claire Simon firma il suo terzo, ed al momento ultimo, lungometraggio di finzione. Affascinata dall’universo contenuto nella stazione, durante le riprese di Gare du Nord gira un documentario parallelo, Géographie humaine (2013). Le bois dont les rêves sont faits (2015), presentato a Palermo durante la sesta edizione del Sicilia Queer Filmfest è stato considerato dalla prestigiosa rivista Cahiers du Cinéma tra i dieci film più belli dell’anno. Le Concours (2016), documentario sulle prove d’ammissione a La Fémis, è il suo ultimo lungometraggio e ha vinto il Leone d’Oro Premio Venezia Classici per il Miglior Documentario Sul Cinema alla 73esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

BANDO DI PARTECIPAZIONE





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page