Memoria contesa/memoria condivisa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

memoria

MEMORIA CONTESA/MEMORIA CONDIVISA
Il lavoro nei documenti filmati dell’industria e del movimento operaio

L’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico e l’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa – Centro Sperimentale di Cinematografia

con il contributo del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali organizzano la manifestazione:
MEMORIA CONTESA/MEMORIA CONDIVISA.
Il lavoro nei documenti filmati dell’impresa e del movimento operaio.
Roma 11-12 dicembre 2009

La manifestazione prevede proiezioni, dibattiti e incontri con i protagonisti, con l’obiettivo di far conoscere, soprattutto alle giovani generazioni,le trasformazioni del mondo del lavoro e della produzione, attraverso i differenti linguaggi visivi che le hanno raccontate. Il cinema industriale ha rappresentato per quasi mezzo secolo, dagli anni ’30 alla fine degli anni ’70, un settore importante della politica aziendale, che ha visto molte imprese produrre migliaia di documentari che oggi costituiscono un patrimonio prezioso per ricostruire la storia del Novecento italiano, in parte conservato nell’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa di Ivrea.
Nello stesso tempo il mondo sindacale, i partiti e numerosi autori indipendenti hanno prodotto, a partire dal secondo dopoguerra, film di “controinformazione” sul lavoro, le lotte sociali e sui grandi nodi dello sviluppo. In oltre un secolo di vita il cinema si pone dunque, al di là degli esiti artistici, come una preziosa fonte storica per analizzare l’evoluzione della società, dell’economia e del lavoro in Italia. È partendo da queste considerazioni che si intende promuovere un ciclo di appuntamenti – che complessivamente si struttureranno in un vero e proprio Festival cinematografico del lavoro – per analizzare i differenti punti di vista espressi di volta in volta dalle forze sociali, presentando in parallelo e mettendo a confronto film realizzati con obiettivi spesso contrapposti. Il cinema – e la sua capacità di affabulazione del reale – può dunque costituire oggi uno strumento di informazione e di riflessione per consentire a coloro che hanno vissuto in diretta gli avvenimenti della nostra storia economica, politica e sociale di rispecchiarsi nella immagini e di rimettere in causa posizioni sedimentate, e alle giovani generazioni confrontarsi con tracce di memoria tra le più vivide ed efficaci lasciate dalla storia del Novecento.

Programma

VENERDI 11 DICEMBRE – ore 16,30
Fondazione AAMOD, via Ostiense, 106 – Roma
Il lavoro nel cinema d’autore
Scioperi di Mimmo Calopresti (2006, 50’)
Presentazione a cura di Mimmo Calopresti, Gabriele D’Autilia, Sergio Toffetti
– ore 17.45 Tavola rotonda con Fausto Bertinotti, Paolo Mieli, Sabrina Ferilli, Wilma Labate, Carlo Lizzani, Paolo Virzì, Luciano Sovena.
Coordina: Mimmo Calopresti.
– ore 19.30 Tutta la vita davanti di Paolo Virzì (2008, 117’)

SABATO 12 DICEMBRE – ore 17.00
Fondazione AAMOD, via Ostiense, 106 – Roma
Panoramica sulle proposte dei giovani documentaristi sui temi del lavoro.
In collaborazione con il concorso per audiovisivi “Obiettivi sul lavoro”, promosso da UCCA
L’astronauta di Maurizio Losi (16’)
Precario per aria di Paolo Ferri e Davide Perruccio (4’)
Al mare di Vito Palmieri (’18)
Donne a nordest di Tommaso Vecchio (15’)
Corto precario di Laura Laasko (7’)
Chi perde esce di Paola Micalizzi (32’)
Prendo casa di Melisa Scolaro e Alessandro Toscano (13’)
1969: Protagonisti del cambiamento di Federico Frascherelli e Guido Targhetti (45’)
Libero ingresso alla sicurezza di Annarita Cocca (20’)

fonte: www.aamod.it

 

locandina-cm

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+