Beach Blanket Bingo > William Asher

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

MCDBEBL EC004

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero3 – marzo 2008 (pag. 47)
download. ALTA QUALITA’ (6.43 MB)BASSA QUALITA’ (4.75 MB)

 

La banda di motociclisti capitanata da Eric Von Zipper rapisce la cantante Sugar Kane. Frankie è concupito da Bonnie, che vuole scatenare la gelosia del suo fidanzato Steve sotto gli occhi dell’ignara Dee Dee. Bonehead, intanto, si innamora di una sirena in pinna e ossa.

 

Quarto, e più riuscito, capitolo della serie dei film da spiaggia della A.I.P. che vede le consuete schermaglie amorose e la solita gang di motociclisti capitanata da Eric Von Zipper, Beach Blanket Bingo è essenzialmente una serie di scenette legate tra loro.
Una tra queste riguarda la cantante Sugar Kane (una giovane Linda Evans, non ancora moglie di John Derek e molto lontana dalla fama che le deriverà dal ruolo di Krystle Carrington in “Dynasty”), vittima delle trovate pubblicitarie del suo tanto ambizioso quanto privo di scrupoli manager Bullet (Paul Lynde). Quando Frankie si lancia per salvarla dopo che lei è precipitata nell’oceano in seguito a un lancio dall’aereoplano senza paracadute, anche questa una trovata pubblicitaria, scopre che a lanciarsi non è stata la cantante bensì la giovane Bonnie, sua controfigura. Bonnie vuole Frankie mentre il suo fidanzato Steve non disdegnerebbe di accompagnarsi a Dee Dee. Eric Von Zipper ha un colpo di fulmine per Sugar Kane e medita di rapirla (considerando quanto accade in “Beach Party” deve essere una sua specialità, oppure gli sceneggiatori non hanno idea di cosa fargli fare). Dee Dee, intanto, prende lezioni di paracadutismo come ripicca nei confronti di Frankie, che ha paura di lanciarsi nel vuoto. Come se non bastasse, Bonehead (Jody McCrea) si innamora di una vera sirena.
In questo capitolo, in cui la spiaggia perde progressivamente di importanza, è Frankie ad avere un rivale e Dee Dee sembra mostrare più indipendenza e malizia nel gestire la loro storia.
Beach Blanket Bingo punta molto più sugli aspetti comici e Frankie e Annette, considerato l’affollamento di personaggi nel film, sono leggermente più defilati.
Appare chiaro come gli sceneggiatori riempiano la storia occupandosi poco, come di consueto, della credibilità. Il risultato è un film più frenetico in cui tutti i personaggi secondari hanno più spazio – Harvey Lembeck, consumato attore di Broadway, ottiene addirittura un suo numero musicale – e Buster Keaton fa un’apparizione per chiari motivi alimentari.

Capitolo più riuscito dell’intera serie, come scrivevo poc’anzi,  nonché il più amato dal pubblico, che ancora gli garantisce un buon ascolto nei suoi passaggi televisivi.

 

Roberto Rippa

 

BBB02

 

Beach Blanket Bingo (USA/1965)
Regia: William Asher
Soggetto e sceneggiatura: William Asher, Leo Townsend
Musiche originali: Les Baxter
Fotografia: Floyd Crosby
Montaggio: Fred R. Feitshans Jr., Eve Newman
Interpreti principali: Frankie Avalon, Annette Funicello, Deborah Walley, Harvey Lembeck, John Ashley, Jody McCrea, Donna Loren, Marta Kristen, Linda Evans, Timothy Carey, Don Rickles, Paul Lynde, Donna Michelle.
Con la partecipazione di Buster Keaton

 

 

Canzoni:

“Beach Blanket Bingo” (G. Hemric, J. Styner) cantata da Frankie Avalon e Annette Funicello
“Only Hurts When I Cry” (G. Hemric, J. Styner) cantata da Donna Loren
“Follow Your Leader” (G. Hemric, J. Styner) cantata da Harvey Lembeck and the Rat Pack
“New Love” (G. Hemric, J. Styner) cantata da Linda Evans
“I Think You Think” (G. Hemric, J. Styner) cantata da Frankie Avalon e Annette Funicello
“Fly Boy” (G. Hemric, J. Styner) cantata da Linda Evans
“These Are the Good Times” (G. Hemric, J. Styner) cantata da Frankie Avalon
“I’ll Never Change Him” * (G. Usher, R. Christian) cantata da Annette Funicello
“Cycle Set” (G. Usher, R. Christian) cantata da The Hondells
* canzone presente solo nella prima edizione del film e quindi eliminata per essere utilizzata in How To Stuff A Wild Bikini.

 

BBB_poster

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+