DigiMag 51 – febbraio’10

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

 

E’ online la nuova Issue di Febbraio di DigiMag, mensile online di arte e cultura digitale del progetto Digicult.

E’ questa una issue speciale di Digimag, quella che segna un cambiamento piuttosto consistente in termini di layout grafico e impaginazione, e che conferma la rivista come uno dei punti di riferimento internazionali nell’ambito dell’arte, del design e della cultura digitale.

Parallelamente, Digimag si è dotata di una struttura editoriale che è stata articolata sulla base delle riviste scientifiche internazionali di riferimento: un advisory board internazionale verrà annunciato a breve.

Come sempre ricco di interviste e approfondimenti, in questo numero Digimag presenta artisti e teorici come il pioniere della musica sperimentale José Manuel Bereguer, il designer generativo Leonardo Solaas, David Cohn il fondatore di Spot.us progetto di networking journalism, l’artista audiovisivo Carlos Casas autore dell’immagine di Netmage 2010, il cineasta sperimentale Bennet Pimpinella (l’articolo-intervista in questione arriva dal numero21 di RC, ndr) e l’autore del lungometraggio Gummo, la musicista e coreografa Isabelle Choiniere e la performer Paola Bianchi.

La rivista è come sempre completata da report di eventi nazionali e internazionali come la Biennale Croata 2009 e l’evento di arte e tecnologia Art Tech Media 2009, e infine da approfondimenti teorici e scientifici come gli Aware Object, le tematiche tra passione e moda, il trend su donne e videogiochi.

Buona lettura…

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

"…Se lavori con l’elettronica devi conoscere i dispositivi per sapere fin dove possono arrivare e spesso molte delle opere più interessanti sono realizzate forzando le macchine perché possano andare più in là di quanto potrebbero. Qui entra in gioco la serendipity, quando stai lavorando sulla questione sensibile, perché in realtà stai lavorando con cose che sorgono, che non erano previste. Quindi si deve avere una base e poi dimenticarsene un po’, per non rimanere attaccato a quella questione, o diventa molto difficile uscirne. È quello che succede quando si studiano per molti anni contrappunto o armonia e alla fine si sanno fare solo esercizi di contrappunto o armonia ed è drammatico. È quello che succede alla maggior parte dei compositori. La tecnica è molto importante ma non bisogna rimanervi intrappolati: sarà un topos, però la tecnica è importante soprattutto per trascenderla. Quello che è interessante sono i percorsi che usa la gente per superarla, per acquisire il dominio di ciò che è difficile da trasmettere con il linguaggio.…".

Josè Manuel Berenguer, da "Acustica e serendipità. Intervista a Josè Manuel Berenguer" di Barbara Sansone e Jordì Salvado
 

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 

DigiMag50/febbraio2010

http://www.digicult.it/digimag/index.asp


ARTICOLI:
– LEONARDO SOLAAS di Jeremy Levine
– JOSE’ MANUEL BEREGUER di Barbara Sansone
– CARLOS CASAS di Silvia Bianchi
– DAVID COHN di Simona Fiore
– BENNET PIMPINELLA di Alessio Galbiati
– AWARE OBJECTS di Serena Cangiano
– PASSIONE E MODA di Zoe Romano
– ISABELLE CHOINIERE di Enrico Pitozzi
– BIENNALE CROATA 09 di Giulia Simi
– GUMMO di Francesco Bertocco
– ART TECH MEDIA di Barbara Sansone
– OPEN EDUCATION di Simona Fiore
– PAOLA BIANCHI di Massimo Schiavoni
– DONNE IN (VIDEO)GIOCO di Luigi Ghezzi

COVER: Leonardo Solaas – La Mosca

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

DIGICULT è una piattaforma culturale Italiana online e offline, che si occupa dell’impatto delle nuove tecnologie e delle scienze moderne sull’arte, il design, la cultura e la società contemporanea. DIGICULT si basa sulla partecipazione di oltre 40 professionisti che rappresentano il primo ampio Network Italiano di critici, giornalisti, curatori e artisti nel settore. DIGICULT pubblica la rivista d’arte mensile DIGIMAG, che si occupa di alcune tematiche come: internet art, hacktivism, video arte, musica elettronica, audiovideo, design, arte e scienza, new media, software art e arti performative.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

//REDAZIONE:
– Marco Mancuso – direttore
– Luca Restifo – consulenza tecnica
– Riccardo Vescovo – graphic design
– Laurea Magistrale in Traduzione Specialistica, Università IULM – editing
– Claudia D’Alonzo – ufficio stampa
– Giuseppe Cordaro – podcast
– Mauro Minnone e Luigi Ghezzi – strategie web 2.0
 

//AUTORI:
Tatiana Bazzichelli, Bertram Niessen, Teresa De Feo, Luigi Ghezzi, Giulia Baldi, Domenico Quaranta, Massimo Schiavoni, Monica Ponzini, Valentina Tanni, Annamaria Monteverdi, Lucrezia Cippitelli, Silvia Bianchi, Claudia D’Alonzo, Barbara Sansone, Giulia Simi, Silvia Scaravaggi, Maresa Lippolis, Alessandra Migani, Alessio Galbiati, Antonio Caronia, Clemente Pestelli, Donata Marletta, Valeria Merlini, Loretta Borrelli, Stefano Raimondi, Otherehto, Carla Langella, Stefano Bertocco, Elena Gianni, Matteo Milani, Marco Riciputi, Jeremy Levine, Mark Hancock, Micha Cardenas, Alex Foti, Serena Cangiano, Zoe Romano, Pasquale Napolitano, Simona Fiore, Enrico Pitozzi, Sabina Cuccibar, Mattia Casalegno, Simone Broglia, Eugenia Fratzeskou, Stefania Russo.

//TRADUZIONI:
Emanuela Cassol, Luisa Bertolatti, Margherita Castelli, Monica Fontana, Francesca Lattanzi, Giulia Tiddens, Sara Cavagna.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+