Altin çocuk > Memduh Ün

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Altin çocuk 01

Più spionistico all’italiana – genere molto in voga negli anni ’60 – che ricalco di James Bond (anche se i riferimenti ai film ispirati alla creatura di Ian Fleming non mancano), questo Altin çocuk (Golden Boy) di Memduh Ün narra di un agente segreto (interpretato da Göksel Arsoy) impegnato a salvare la Turchia da uno scienziato pazzo e crudele che vorrebbe spazzarla con un’esplosione nucleare.
Gli elementi sono quelli classici del genere: un cattivo pelato e senza scrupoli (l’esperto nei ruoli di cattivo Altan Gunbay), travestimenti, tortura, inseguimenti e donne spesso discinte, pronte a gettarsi senza remora alcuna tra le braccia del nostro eroe. Produzione più ricca dei suoi coevi turchi del genere, il film di Ün inizia con una lunga scena di spogliarello e prosegue con una situazione che sempbra tolta di peso da Thunderball (Thunderball – Operazione tuono di Terence Young uscito appena l’anno precedente).
Scritto dal prolifico Bülent Oran (250 sceneggiature scritte tra il 1952 e il 1988, con una media di quasi 7 l’anno), diretto da Memduh Ün (in seguito regista di Cellat, anch’esso pubblicato da Onar), si tratta ovviamente di un film che ricalca un genere e lo fa con mezzi infinitamente minori (mi riferisco agli spionistici italiani dell’epoca), ma la prevedibilità della storia non entra mai in conflitto con il piacere di seguirla, e il nostro eroe è divertente e disinvolto, sia quando si tratta di eliminare i nemici che quando deve rotolarsi tra le lenzuola con qualche conquista francamente non troppo difficile.
Ennesimo esempio di cinema commerciale a bassissimo costo che fa di necessità virtù (e ricalca spudoratamente opere più ricche realizzate altrove), il film di Memduh Ün è imperdibile per tutti gli appassionati di cinema di genere.

La tiratura limitata in sole 500 copie e il prezzo decisamente contenuto del DVD pubblicato da Onar Films ne fanno un acquisto più che consigliato.

Roberto Rippa

Altin çocuk 02

Altin çocuk (Golden Boy, Turchia, 1966)
Regia: Memduh Ün
Sceneggiatura: Bülent Oran
Interpreti principali: Göksel Arsoy, Sevda Nur, Altan Günbay, Papatya Alkaya, Meriç Basaran, Hasan Ceylan, Bilal Inci, Haydar Karaer, Gamze Öz, Kaya Volkan, Reha Yurdakul
86’

Altin çocuk_Cover

DVD

Probabilmente la migliore pubblicazione della Onar ad oggi a livello di qualità sia audio che video, il film presenta certamente qualche difetto, nella forma di graffi e spuntinature, ma calcolando la produzione realizzata con mezzi estremamente limitati e l’età del film, nulla che non ci si possa aspettare e nulla che possa disturbare la visione. La Onar Films presenta il film in 1.33:1 Full Frame e audio Doby Digital 2.0 in turco. I sotottotitoli sono, come sempre, in inglese e greco moderno.
Dal punto di vista dei contenuti extra, la Onar non manca di offrire le chicche cui ci ha da sempre abituati: innazitutto due trailer inediti (uno per un film dedicato a Kilink, recentemente tornato alla luce, e il secondo per Ringo Gestapo’ya Karsi, un film che pare mescolare Gestapo e Western. C’è da sperare che Bill Barounis della Onar li pubblichi in futuro), quelli di tre film già disponibili nel catalogo Onar, quindi un articolo dal titolo “Turkish Intrigue: Turkish Spy Article” e le consuete galleria fotografica e biografie. Il piatto forte è però un’intervista di 16 minuti all’attore Altan Günbay, che spiega la sua avvenutra nel cinema (140 film, quasi sempre nel ruolo del cattivo) e lo stato del cinema turco di oggi. A completare l’edizione, la riproduzione della locandina.

Data di pubblicazione: gennaio 2010
Regione: 0
Editore: Onar Films
Formato video: 1.33:1 Full Frame
Formato audio: Dolby Digital 2.0
Lingue: turco Turkish Mono
Sottotitoli: inglese, greco

www.onarfilms.com

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+