Roy Menarini | Il cinema dopo il cinema

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Roy Menarini,
Il cinema dopo il cinema.
Dieci idee sul cinema italiano 2001-2010

2010 (nelle librerie dal 6 maggio)
Le Mani editore
pp. 120
€ 12,00
ISBN 978-88-8012-533-4

Compra online (-20%)

 

Mentre tutto il mondo guardava le Torri Gemelle in fumo, in Italia ci chiedevamo ancora che cosa fosse successo a Genova pochi mesi prima. L’Italia degli anni Duemila è un Paese che vive “in scala ridotta” gli avvenimenti mondiali. Eppure, la partecipazione alle guerre, gli effetti della crisi economica, i riflessi delle paure internazionali non hanno risparmiato la nazione. L’identità che tutti condividiamo si è via via dissolta in una molteplicità di pratiche e comportamenti difficile da analizzare, liquida, priva di connotati ideologici. Il dissidio politico e la polarizzazione delle opinioni sociali si sono trasferite al cinema, il mezzo da sempre più vibratile, il sismografo della nostra civiltà. I film italiani hanno costituito, nel bene e nel male, un effetto collaterale di quanto stava accadendo nel sistema del paese. A volte ne hanno facilitato il declino, altre volte si sono candidati a fornire un pensiero intellettualmente autonomo, più spesso ci hanno raccontato come siamo. O almeno come siamo diventati.

Roy Menarini insegna Storia del Cinema presso il Dams di Gorizia, Università di Udine. Ha scritto numerosi volumi sul cinema contemporaneo, tra cui Il cinema di David Lynch, William Friedkin, Stanley Kubrick – Full Metal Jacket, Nanni Moretti – Bianca, Italiana Off. Per Le Mani ha curato (con L. Gandini) Hollywood 2000 I – Generi e temi e II – Autori, scritto altri volumi, tra cui James Cameron, e dirige la rivista «Cinergie – Il cinema e le altre arti». È redattore di «Segnocinema» e «Close-Up».

Fonte: http://www.lemanieditore.com

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+