audiovisiva 6.0

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

audiovisiva 6.0
27-29 maggio 2010

Palazzo del Ghiaccio
via G.B. Piranesi, 14 – Milano

 

http://www.audiovisiva.com

 

 

Da giovedì 27 a sabato 29 maggio 2010 riparte dal Palazzo del Ghiaccio di Milano audiovisiva, il festival di esterni – realizzato in collaborazione con Frigoriferi Milanesi e Open Care – dedicato all’esplorazione dei linguaggi espressivi contemporanei e alla sperimentazione di tecnologie applicate alla musica, all’immagine e all’interattività.


Tre giorni per incontrare e scoprire l’evoluzione dei più importanti artisti internazionali e italiani, ma soprattutto un’occasione unica per immergersi fisicamente ed emotivamente nei mutevoli paesaggi sonori in cui convergono melodia e dissonanze.


L’appuntamento con la sesta edizione del festival non a caso è negli spazi polifunzionali del Palazzo del Ghiaccio, lo spettacolare edificio liberty di porta Vittoria che ha ospitato grandi cantautori italiani, proiezioni cinematografiche e sfilate di moda e ha oggi una vocazione ideale per eventi unici, di qualità e innovativi come audiovisiva.  


I concerti dal vivo, le installazioni, i workshop e i djset di audiovisiva 6.0, dall’ora dell’aperitivo fino a notte inoltrata, sono la dimensione ideale per chiunque voglia farsi suggestionare dalla migliore musica elettronica del momento, a cominciare dalla performance live “ambientalista”  inaugurale di audioscan Milano con la mappatura sonora di Milano e le immagini in tempo reale di Quayola. E poi la ambient strutturata dei “compositori del subconscio” Tim Hecker e Ben Frost o il post-minimalismo di Greg Haines, pronto ad esibirsi in uno spettacolare concerto di pianoforte alle prime luci dell’alba di domenica.  


audiovisiva 6.0 mette in discussione il concetto stesso di musica elettronica, un genere alla continua ricerca di nuovi stimoli e aperto alle contaminazioni per recuperare il calore del suono, come dimostrano anche Nick Zammuto e Paul de Jong di The Books. Il loro collage di musica e immagini, in gran parte inedito per quest’unica apparizione italiana, è un ritorno tanto atteso quanto la sorpresa offerta al pubblico dal travolgente show di Filastine, il “globetrotter” che riesce a unire i ritmi spezzati del dubstep con la world music utilizzando un carrello della spesa e percussioni del maghreb.

 

Ci sono quindi artisti che, meglio di altri, hanno capito come superare i limiti della musica da laptop, come Richard Norris col suo mondo di psichedelia in technicolor chiamato The Time & Space Machine, lo svedese The Field, capace di riscrivere le pagine del synth pop guardando ai ritmi del futuro e perfino le Chicks On Speed con il loro electroclash surreale e situazionista.


Musica suonata e musica da ballare. Dopo le performance live di questi e di altri artisti che completano la line up, anche i più ambiziosi vengono traghettati verso la seconda parte di ogni serata, dove possono liberamente cedere ai battiti di alcuni tra i più interessanti DJ in circolazione. Direttamente da South London arrivano infatti il produttore Actress, con i suoi mix in grande stile di garage, house e techno, e l’imprevedibile Zomby, vulcanico e instancabile ex raver amato dagli stilisti e da Lady Gaga per la sua musica a 8 bit.


E ancora sperimentazione con l’etichetta Die Schachtel, che presenta Musica Improvvisa, un progetto di improvvisazione elettronica in cui dieci gruppi, in formazione libera e temporanea, suonano ininterrottamente venerdì e sabato.

 

Il programma


Giovedì 27
“Ambience”, Laboratorio d’ascolto condotto da Massimiliano Viel in collaborazione con O’, Die Schachtel e Sincronie
Musil (IT) live
audioscan Milano (IT) + Quayola (IT) live
Tim Hecker (CAN) live in collaborazione con Neoma
Ben Frost (AUS) live
The Time & Space Machine (UK) djset
Riotous Rockers (UK) djset


Venerdì 28
Musica Improvvisa in collaborazione con Die Schachtel
The Books (US) live
UXO (IT) live
The Field (SWE) live
Actress (UK) djset
Zomby (UK) djset


Sabato 29
Musica Improvvisa in collaborazione con Die Schachtel
Filastine (US) live
Chicks On Speed (GER) live

ore 5 – ingresso
Greg Haines (UK) live – ingresso gratuito

 

Fonte: http://www.digicult.it/2010/audiovisiva2010.asp

 

 

Sezione CINEMA

 

Venerdì 28 e sabato 29 maggio dalle 18:00 alle 21:00, nella sala The Lab (Level -1) due appuntamenti speciali con una selezione dei più bei cortometraggi del Milano Film Festival
Opere ironiche, spiazzanti, surreali, (forse) solo apparentemente destrutturate.
Due ore di un cinema che si muove, incerto, tra armonie e ritmi sincopati.
Due ore di un cinema che vi terrà svegli a riflettere sull’esistenza di un senso, fino allo spuntare dell’alba.

Non c’è niente, da capire?
Visioni ipnotiche, surreali, ironiche. Da vivere.

programma venerdì 28 maggio


Terminus di Trevor Cawood, Canada 2007, 8’
Energie! di Thorsten Fleisch, Germania, 2007, 5’
Peloco di Christian Fisher, Germania 2001, 7’
What about the Bodies di Simon Ellis, Uk 2002, 7’
The Man Who Didn’t Want to Know Anything Anymore di Marcus Bartos, Germania 2008, 15′
Calling 911 di Jan de Bruin, Paesi Bassi 2004, 6’
Another lost soul di Lyle Pisio, Canada 2006, 4’
Pleases Say Something di David OReilly, Germania 2009, 10’
Dr Jekyll and Mr Hyde di Paul Bush, Uk 2001, 5’
Lednikoviy period / Ice Age di Andrey Gryazev, Russia, 2009, 14′
Egotrip di di Urs Domingo Gnad, Germania, 2004, 3’
I.M. di Riccardo Russi, Italia 2002, 3’
Up and About Again di Maarit Suomi – Väänänen, Finlandia 2009, 9’
Socket di Patricio García, Brasile 2007, 10’
Just like the Movies di Michal Kosakowski, Austria 2006, 21’
Pornographic Apathetic di T. Arthur Cottam, Usa 2003, 6’
Phases di Marcus Young, Usa 2000, 4’
Revolutions per Minute di Alex Roper, Usa 2001, 3’

programma sabato 29 maggio


Hotel Tubu di Igor Buharov e Ivan Buharov, Ungheria 2002, 4’
Unknown Unknown(s) di Mark Boswell, Usa 2009, 13’
La ruta natural di Alex Pastor, Spagna 2004, 11’
Johnny’s Gone Forever di Pekka Sassi, Finlandia 2004, 1’
Contamination di Carl Stevenson, Uk 2002, 6’
The Tale of Little Puppetboy di Johannes Nyholm, Svezia 2008, 20’
Gravity di Nicolas Provost, Belgio 2007, 6’
458 nm di Jan Bitzer,Ilija Brunck,Tom Weber, Germania 2005, 6’
Abattoir di Marius Ektvedt, Uk/Norvegia 2005, 20’
Milos Tomic kao vo…di Milos Tomic, Serbia/Montenegro 2003, 2’
Disparait di Andrei Severny, Usa 2005, 5’
Patty, Short Film in Perverses di Matej Lavrenic, Roman Razman, Slovacchia 2007, 4’
Equestrian di Michael van Bakel, Olanda 2002, 4’
Galetten di John Hellberg, Svezia 2008, 22’
Adrift di Inger Lise Hansen, Norvegia 2003, 10’
Drake di Christoph Rainer, Austria 2006, 5’
Oby di Anja Perl e Max Stolzenberg, Germania 2003, 4’

 

Fonte: http://www.audiovisiva.com/ita/contenuti/index.php?ref=salacinema

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+